caso-zullino-hottinger-c-e-aria-di-appello
Ti-Press
La sede del Tribunale penale federale a Bellinzona
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
6 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
6 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
6 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
7 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
8 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
8 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
8 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
9 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
9 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
9 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
10 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
10 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
23.03.2022 - 20:30

Caso Zullino-Hottinger, c’è aria di appello

Rocco Zullino, Alfonso Mattei ed Eduardo Tartaglia guardano al secondo grado di giudizio. La decisione dopo aver letto le motivazioni scritte del verdetto

Hanno tutti e tre annunciato appello. I tre sono Rocco Zullino, Alfonso Mattei ed Eduardo Tartaglia, condannati lo scorso mese al Tribunale penale federale per ripetuta amministrazione infedele qualificata, ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti. A Zullino la Corte penale presieduta dalla giudice Fiorenza Bergomi (a latere le colleghe Miriam Forni e Nathalie Zufferey) ha inflitto tre anni di detenzione, di cui uno da scontare; a Mattei 18 mesi sospesi con la condizionale (periodo di prova di due anni) e a una pena pecuniaria di 180 aliquote da 30 franchi l’una; a Tartaglia una pena pecuniaria di 240 aliquote giornaliere da 30 franchi l’uno, anche in questo caso sospesa per un periodo di prova di due anni. Per Tartaglia, un promotore finanziario napoletano giudicato in contumacia, l’unico capo d’imputazione era quello della ripetuta falsità in documenti. Il procuratore federale Stefano Herold aveva invece chiesto quattro anni di detenzione per Zullino, due anni e nove mesi per Mattei e un anno e otto mesi per Tartaglia. Le difese sollecitavano massicce riduzioni di pena: due anni al massimo, e al beneficio della sospensione condizionale, per Zullino; pena sospesa per Mattei; proscioglimento per Tartaglia.

Gli imputati si sono dunque riservati il diritto di impugnare il verdetto, una volta lette le motivazioni dello stesso, con l’inoltro di una dichiarazione scritta d’appello. Afferma, da noi interpellato l’avvocato Carlo Borradori, difensore di Zullino: «Siamo in attesa delle motivazioni scritte della sentenza, ma vista l’ampiezza e l’importanza della pena cui è stato condannato in primo grado il mio cliente, molto probabilmente confermeremo il ricorso in appello», ovvero alla Corte d’appello del Tribunale penale federale. Sono in attesa delle motivazioni, nero su bianco, del verdetto pronunciato dalla Corte penale del Tp anche Mattei e Tartaglia, patrocinati rispettivamente dagli avvocati Matteo Galante e Nadir Guglielmoni.

Sullo sfondo del verdetto di prima istanza emesso il 4 febbraio, fatti risalenti a un decennio fa. Quando nel febbraio del 2012, su segnalazione della Divisione investigativa antimafia (Dia) di Roma, il Ministero pubblico della Confederazione aprì un’inchiesta per riciclaggio di denaro nei confronti di Rocco Zullino all’epoca direttore, amministratore e azionista unico della RZ & Associés Sa, società che aveva ripreso all’inizio del 2011 le attività di Hottinger & Associés Sa. Quest’ultima entità era legata alla Bank Hottinger, nel frattempo fallita. Nel corso della lunga inchiesta emersero ipotesi di reati finanziari a carico dei tre, in particolare di Zullino e Alfonso Mattei, uno direttore della RZ Sa e l’altro dipendente di quest’ultima e a sua volta titolare di una società di gestione patrimoniale. Il procedimento svizzero aveva pure approfondito possibili legami con la criminalità organizzata in Italia, tuttavia successivamente scartati mediante abbandono del procedimento. I reati addebitati andavano dalla ripetuta amministrazione infedele qualificata, ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti.

I fatti contestati (alcuni intanto prescritti), come detto, risalgono a una decina di anni fa (tra il 2011 e il 2014). Dai giudici di primo grado, Zullino, all’epoca gestore patrimoniale esterno presso una società finanziaria, è stato riconosciuto colpevole di aver commesso diversi atti di amministrazione infedele in danno di suoi clienti, titolari di relazioni bancarie alla Banca Hottiger & Cie, nonché della stessa società presso la quale operava. In pratica, stando alla sentenza, avrebbe effettuato degli investimenti "contrari al mandato conferitogli dai clienti" e "sottaciuto loro l’incasso di retrocessioni". Mattei, sempre secondo la Corte presieduta dalla giudice Bergomi, avrebbe, in qualità di titolare di una società di gestione patrimoniale, abusato del proprio potere di rappresentanza nell’ambito di investimenti effettuati per conto di clienti di due istituti bancari, al fine di incassare delle retrocessioni pari a oltre 450 mila euro. Zullino e Mattei sono anche accusati di avere, "agendo singolarmente o in correità tra di loro, nel periodo tra ottobre 2010 e febbraio 2013, al fine di procacciare a sé e ad altri un indebito profitto, ingannato con astuzia i funzionari della banca Hottinger, inducendoli a eseguire ordini indebiti di bonifico dai conti di alcuni clienti per oltre 1,7 milioni di euro". A Tartaglia e Zullino, infine, viene rimproverato di avere, in correità tra di loro, "fatto uso di documenti falsi, al fine di mascherare delle malversazioni oggetto di un procedimento a loro carico in Italia".

Tra i clienti truffati (dieci i milioni di euro spariti) c’è anche il Fondo edifici di culto (Fec), ente dotato di personalità giuridica autonoma ma legalmente rappresentato dal ministro dell’Interno pro tempore. Il Ministero italiano dell’interno è patrocinato dall’avvocato Ivan Paparelli. Quest’ultima vicenda ha già visto celebrare due processi in Italia: uno a Roma e l’altro a Napoli che si sono conclusi entrambi con la condanna in primo grado di Zullino e Tartaglia per il reato di truffa. Proprio queste due sentenze risalenti al 21 giugno 2017 (Roma) e al 18 dicembre 2019 (Napoli) sono state usate dal Ministero pubblico della Confederazione come mezzi di prova per dimostrare il reato di truffa in Svizzera. Tartaglia e Zullino per queste vicende hanno patito carcerazione preventiva in Italia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alfonso mattei hottinger rocco zullino zullino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved