accoglierli-col-lavoro-l-urgenza-non-e-farli-ripartire
Davanti al Centro federale di asilo di Chiasso
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
1 ora

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
1 ora

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
1 ora

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
1 ora

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
2 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
2 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
2 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
2 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
3 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
3 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
3 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
3 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
4 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
4 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
4 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
4 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
4 ore

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
Luganese
4 ore

Caslano, per il 1° agosto corteo patriottico e allocuzione

A pronunciarla, nella cornice di piazza Lago, sarà la deputata al Gran Consiglio e capogruppo Plr Alessandra Gianella
Locarnese
4 ore

Piano di Peccia, il calcio protagonista al Draione

Promosso dal Gruppo animazioni locale, si rinnova l’appuntamento con il fine settimana a caccia del pallone in alta quota. Poi notti di musica
Locarnese
5 ore

Concerto estivo a Sant’Abbondio

Appuntamento con la formazione musicale diretta da Alan Rusconi venerdì alle 21, a Sant’Abbondio
laR
 
22.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:31

‘Accoglierli col lavoro. L’urgenza non è farli ripartire’

Unia e Ocst sulla necessità di integrare i rifugiati ucraini alle stesse condizioni professionali dei residenti per non aumentare dumping e precarietà

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Sarebbe vergognoso se si volessero già costruire adesso le condizioni perché queste persone una volta finita la guerra ripartano il più rapidamente possibile dando loro solo impieghi precari. È nel precariato che si nascondono le disuguaglianze e i rischi di violazione dei contratti e delle leggi che vanno a discapito di tutti: dei profughi, del mondo del lavoro e di chi oggi cerca un impiego e sarebbe confrontato con una concorrenza sleale». Quelle di Giangiorgio Gargantini, segretario regionale Unia Ticino, sono considerazioni di segno opposto rispetto alle affermazioni di chi, dalle fila della Lega di Ticinesi, sostiene che qualsiasi forma d’inserimento professionale delle persone fuggite dal conflitto in Ucraina e approdate nel nostro Paese dovrebbe essere tendenzialmente di tipo temporaneo anche per scongiurare sostituzioni di personale residente e di dumping salariale.

«Fragilizzare i profughi per essere sicuri che non restino in Svizzera, come se l’urgenza ora fosse quella di farli ripartire appena possibile, è pericoloso – afferma Gargantini –. Potrebbe sembrare una soluzione ma al contrario sarebbe un peggioramento molto grave della situazione». Per il sindacalista di Unia il rischio di dumping e l’argine da consolidare per contenerlo sono altri: «Lo diciamo chiaramente prima che a qualcuno venga in mente di proporre delle deroghe ai contratti per facilitare l’integrazione sul mercato del lavoro di queste persone: chi sarà accolto dovrà esserlo alle stesse condizioni che valgono per tutti, quindi nel rispetto dei contratti collettivi, delle regole e delle leggi, in modo da non creare distorsioni». Quanto alle prospettive rispetto a una possibile riconfigurazione del mercato del lavoro locale, per Gargantini è difficile fare delle previsioni di dettaglio: «Siamo confrontati a delle partenze non volontarie di un’intera popolazione per cui potenzialmente potrebbero arrivare persone con ogni tipo di profilo, sia qualificate che non, e da ogni ramo professionale». In questo momento a scappare e a giungere alle nostre latitudini sono principalmente donne, bambini e anziani: «L’urgenza attuale è a livello di accoglienza di chi arriva e d’inserimento scolastico dei bambini, questo anche perché se si vuole facilitare l’entrata nel mercato del lavoro delle donne bisogna occuparsi dei figli». Cercando comunque di fare delle previsioni, per Gargantini «si può immaginare che due settori che potrebbero essere sollecitati sono quelli delle cure e della ristorazione. Oltre a questi, sappiamo anche che ci sono dei rami dell’industria maggiormente sviluppati in Ucraina. Lo scenario però dipenderà dalla durata del conflitto, da chi arriverà e cercherà lavoro». Ciò che non va fatto, per il segretario regionale di Unia, è ragionare in termini di «sopperire a determinate mancanze del nostro mercato del lavoro o cercare di curarlo con questi arrivi. L’obiettivo deve essere di aiutare le persone nel bisogno e al contempo di non creare ulteriori squilibri».

Prioritari i corsi di lingua

Anche per il segretario cantonale Ocst Renato Ricciardi fare delle previsioni in questo momento è prematuro e non semplice. «Il permesso S concesso a queste persone che stanno scappando dalla guerra permetterà loro di esercitare un’attività professionale nei settori in cui già erano impiegate in Ucraina o in altri in cui ci dovesse essere bisogno». Basandosi su quanto già successo in passato, il segretario regionale Ocst ipotizza che uno degli ambiti più sollecitati potrebbe essere quello che impiega personale sanitario. «In occasione della guerra in Jugoslavia erano arrivate diverse persone con competenze nel settore sanitario che si erano inserite nel mondo del lavoro ticinese. Se ciò dovesse nuovamente riproporsi, potrebbero anche stavolta trovare posto negli istituti sociosanitari del cantone. È accaduto in passato e non è improbabile che riaccada». Per Ricciardi ci sono poi altre possibilità che potrebbero nascere: «Penso al settore industriale e a quello legato all’artigianato. Ma tutto dipenderà dall’evoluzione della situazione». Quanto al rischio di dumping, per il sindacalista Ocst «è una realtà esistente già adesso. Ci sono settori con salari da sfruttamento dei lavoratori, e non c’era bisogno dell’arrivo dei profughi per constatarlo. Però non vedo un accresciuto rischio in questo senso, a patto che i datori di lavoro si comportino in modo serio». Stando a Ricciardi non sembra dunque prospettarsi una situazione allarmante. «Date alcune condizioni per un’integrazione professionale, penso che le competenze di queste persone possano essere un apporto positivo e costruttivo. Trovo intelligente avvalersi delle loro capacità professionali anche per l’economia del nostro cantone». Tra le condizioni accennate, prioritaria risulta quella dell’apprendimento delle nozioni minime dell’italiano. «Come sindacato, nel momento attuale siamo principalmente preoccupati affinché queste persone possano accedere a dei corsi di lingua italiana. Per comunicare e capire come svolgere il proprio lavoro in Ticino, la conoscenza base dell’italiano è il primo requisito che permetterà un’integrazione sociale e nel mondo del lavoro di queste persone».

La Divisione dell’economia: ‘Pronti per un grande afflusso, che ora non c’è’

«Al momento non si riscontrano iscrizioni presso gli Uffici regionali di collocamento. La situazione è però in evoluzione, per questo motivo rimaniamo in costante contatto con l’autorità federale e con i servizi cantonali preposti per l’accoglienza». Così Stefano Rizzi direttore della Divisione dell’economia a proposito dell’arrivo dei rifugiati ucraini che scappano dalla guerra. Ricordiamo che si tratta in prevalenza di donne e bambini. «Non è attualmente possibile prevedere se ci sarà un importante afflusso presso i servizi pubblici di collocamento », aggiunge Claudia Sassi, Capo della Sezione del lavoro del Dipartimento delle finanze e dell’economia da cui dipendono gli Urc, gli Uffici regionali di collocamento presso i quali – ipoteticamente – potrebbero rivolgersi le persone alla ricerca di un impiego. «Lo statuto ‘S’ è un permesso di protezione che permette anche di lavorare. Pur non avendo diritto alle indennità di disoccupazione, le persone collocabili potranno quindi annunciarsi presso i nostri uffici», afferma Claudia Sassi.

La priorità per queste persone – aggiungiamo noi – nell’immediato è quello di trovare un luogo sicuro per sé e la propria famiglia. Il tema del lavoro dovrebbe essere un tema in un secondo momento.

Tra i criteri per la collocabilità sul mercato del lavoro – oltre alle competenze professionali che nel caso degli ucraini non sembrano mancare (ci sono tecnici, infermieri, medici, informatici, ndr) – vi è quello della conoscenza della lingua necessaria per inserirsi nel proprio settore professionale. «Potremmo in questo caso trovarci di fronte a persone preparate, con buona formazione e buone conoscenze d’inglese e tedesco e che teoricamente potrebbero trovare anche autonomamente delle opportunità di lavoro, senza quindi l’intervento del servizio pubblico di collocamento» aggiunge Claudia Sassi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dumping lavoro rifugiati russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved