plr-tassa-di-circolazione-sconti-per-chi-si-abbona-ai-mezzi
Ti-Press
‘Aiuterà a combattere il traffico e l’inquinamento’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
29 min

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
3 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
8 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
17 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
18 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
18 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
18 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
18 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
18 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
19 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
19 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
19 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
19 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
laR
 
25.02.2022 - 20:03

Plr: ‘Tassa di circolazione, sconti per chi si abbona ai mezzi’

Lo chiede un‘iniziativa parlamentare di Fabio Schnellmann: ’Lo sgravio sia una quota fino al 50% dell’abbonamento, incentiverà comportamenti più virtuosi’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Portare più persone a utilizzare i mezzi del trasporto pubblico e, allo stesso tempo, rendere più leggera la loro imposta di circolazione. È questo l’obiettivo dell’iniziativa parlamentare depositata ieri dal deputato del Partito liberale radicale Fabio Schnellmann: «Con questo atto chiedo che chi acquista un abbonamento annuale Arcobaleno veda considerata una quota tra il 30 e il 50% dell’importo pagato quale sgravio all’imposta di circolazione per il veicolo a lui intestato e immatricolato in Ticino, ovviamente per l’anno in cui ha acquistato l’abbonamento», spiega il granconsigliere del Plr. Il quale fornisce anche un esempio di calcolo pratico: «Prendiamo una persona che paga una tassa di circolazione di 1’200 franchi e che acquista un abbonamento annuale Arcobaleno 3 zone di seconda classe che costa 981 franchi. Questa persona potrà ottenere uno sgravio dalla tassa di circolazione fino a 490,50 franchi, pagando così 709,50 franchi la tassa». E non va dimenticato, riprende Schnellmann, «che con questa iniziativa pure l’impatto finanziario a carico del Cantone sarà senza dubbio meno importante rispetto alla sola diminuzione della tassa delle imposte di circolazione, in quanto questa verrebbe parzialmente compensata dagli introiti degli abbonamenti».

L’ipotesi cui allude Schnellmann è quella nell’iniziativa Ppd, pendente da anni, che chiede di abbassare l’imposta di circolazione ritenuta «a giusta ragione» tra le più alte in Svizzera. Il tutto è dovuto al fatto che, riprende il deputato liberale radicale, «la base di calcolo messa in atto dal Canton Ticino considera peso, emissioni di CO2 e potenza dei veicolo. Facendone di fatto una fra le più care della Confederazione».

‘Il trasporto pubblico è concorrenziale, valido ed efficiente’

Ma il tema posto da Schnellmann non è solo di natura economica, anzi: «Portare più persone a usare i mezzi pubblici è nell’interesse di tutti. Tanti non li utilizzano a prescindere, perché non è ancora sufficientemente diffusa questa mentalità - sottolinea il granconsigliere del Plr -. Questo che propongo potrebbe essere un incentivo a cambiare logica e paradigma, con la concreta possibilità di togliere un po’ di traffico, inquinamento, colonne e attese dalle nostre strade».

Altro elemento in più che Schnellmann mette sul tavolo è il credito da 461 milioni di franchi per il potenziamento del trasporto pubblico approvato dal Gran Consiglio nel maggio del 2020. Credito che non ha potuto, finora, avere come conseguenza un incremento di passeggeri a causa del biennio di pandemia che ha continuato a far preferire l’utilizzo della propria auto o moto anche per ragioni sanitarie. Insomma, «il Cantone fa sforzi davvero enormi per favorire il trasporto pubblico. Parlo del credito di due anni fa, della nuova galleria di base del Ceneri e del potenziamento delle corse dei bus: tutti investimenti che permettono tranquillamente di poter abitare a Locarno, lavorare a Lugano e spostarsi in modo veloce tra i grossi centri. Sostanzialmente muoversi in Ticino non è mai stato semplice come lo è oggi».

E allora bisogna crederci, «perché i mezzi pubblici sono validi, efficaci e altamente concorrenziali». Solo che va spiegato, va detto «ma perché questi comportamenti prima si creino, poi negli anni si consolidino occorre anche incentivarli». Creando, va da sé, «un meccanismo virtuoso dove la responsabilità individuale nei confronti dell’ambiente viene premiata con uno sgravio su un’imposta carissima».

Ma, si diceva, un’iniziativa pendente in materia di imposta di circolazione c’è: quella popolare legislativa generica che il Partito popolare democratico, primo proponente il deputato Marco Passalia, ha depositato nel maggio 2017 e per la quale il Gran Consiglio il 10 aprile 2018 ha decretato la ricevibilità. L’iniziativa "Gli automobilisti non sono bancomat!" chiede che l’aumento dell’imposta deciso nel 2017 dal Consiglio di Stato sia restituito ai 135mila automobilisti sotto forma di sconto. Non andrebbero a collidere queste due iniziative? Per Schnellmann no: «Sono due cose diverse, non sono in competizione tra di loro. Quella del Ppd chiede una riduzione e basta, la nostra chiede che la riduzione sia finalizzata al trasferimento dal traffico su strada al trasporto pubblico. Nessuna competizione».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fabio schnellmann imposta di circolazione plr trasporto pubblico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved