ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Ricerca di persona sopra Carona, operazione conclusa

Nelle ricognizioni erano stati impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
4 min

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
22 min

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
1 ora

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
1 ora

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
2 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
2 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
Bellinzonese
4 ore

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
4 ore

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
4 ore

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
20 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
23 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
1 gior

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
18.02.2022 - 19:34

‘Anche il Ticino si doti di una strategia dell’idrogeno’

Lo chiede una mozione inoltrata da Agustoni (Ppd) e Gianella (Plr). Come? Rafforzando i sostegni finanziari per la ricerca, ma pure per i contributi unici

anche-il-ticino-si-doti-di-una-strategia-dell-idrogeno
Keystone
Molti gli esempi in Europa, e anche in Svizzera

Il Canton Ticino deve dotarsi di una vera e propria strategia dell’idrogeno, perché proprio attraverso l’uso e lo sviluppo dell’idrogeno rinnovabile si può contribuire alla diminuzione di emissioni di CO2. Ne sono convinti il capogruppo del Ppd e del Plr, Maurizio Agustoni e Alessandra Gianella, che con una mozione chiedono al Consiglio di Stato dei passi concreti e tangibili verso questa direzione, "affinché l’economia locale si avvicini a questa nuova ed ecologica energia pulita attualmente molto costosa".

Le proposte nel dettaglio

E quali passi? Eccoli: "Al governo chiediamo un quadro politico di supporto per fare in modo che il mercato dell’idrogeno verde venga sostenuto al pari di altre fonti energetiche rinnovabili; un rafforzamento del sostegno finanziario per progetti di ricerca e innovazione in questo ambito andando a estendere il campo di applicazione del Fondo energie rinnovabili (Fer); un sostegno finanziario sotto forma di contributo unico – parimenti a quanto succede per progetti nel fotovoltaico – per sostenere persone fisiche, aziende o enti pubblici che investono nella produzione locale di idrogeno rinnovabile".

Favorire la decarbonizzazione

Agustoni e Gianella (con i co-firmatari Alessandro Cedraschi, Fiorenzo Dadò, Maddalena Ermotti-Lepori e Omar Terraneo) chiedono una strategia chiara, quindi. Una strategia che incentivi dei passi ritenuti necessari, dato il contesto: "Nel dicembre 2015 l‘Accordo di Parigi si prefiggeva di contenere l’aumento della temperatura al di sotto dei 2 gradi e di perseguire sforzi per limitare l’aumento a 1,5 gradi. Nel dicembre 2019, il Green Deal europeo definisce l’ambizione di ridurre del 55 per cento le emissioni di CO2 entro il 2030 (rispetto ai livelli del 1990) e di raggiungere la neutralità climatica carbonica dell’Unione europea nel 2050". Ebbene, per i capigruppo popolare democratico e liberale radicale date le premesse "un ruolo chiave è giocato dall’idrogeno rinnovabile, e meglio il cosiddetto idrogeno ‘verde’, cioè quello che viene estratto dall’acqua usando la corrente prodotta da una centrale alimentata da energie rinnovabili, come idroelettrica, solare o fotovoltaica". Infatti, sottolinea la mozione, "utilizzando il potenziale di quest’ultimo sarà possibile favorire la decarbonizzazione dell’economia con attenzione a specifici comparti dell’industria, dei trasporti e dell’edilizia".

Molti esempi da seguire in Europa

Non sarebbe un unicum né una primizia, quello che Agustoni e Gianella chiedono al Consiglio di Stato ticinese. Anzi: "Negli anni più recenti molti Paesi europei come Germania, Spagna, Francia e Italia hanno sviluppato un orientamento strategico per sviluppare l’idrogeno". Oggi l’utilizzo dell’idrogeno in Europa "si limita al 2% della quota del mix energetico", ma la previsione è "di raggiungere il 13% nel 2030". Ciò per i mozionanti "permetterebbe di diminuire la dipendenza europea dai tradizionali produttori e commercianti di combustibili fossili".

Chi potrebbe usufruire di questa soluzione più ecologica ed ecosostenibile sarebbe chi oggi inquina molto: industria siderurgica, autocarri, ferrovie, trasporto marittimo e così via. Ma "tra 2030 e 2050 le applicazioni dell’idrogeno dovrebbero essere su larga scala".

E in Svizzera non si partirebbe da zero

Detto dell’Unione europea, in Svizzera com’è la situazione? Anche da noi si stanno facendo passi avanti: "Il Consiglio federale nel febbraio 2021 ha sostenuto un orientamento strategico per il futuro ruolo dell’idrogeno nel sistema energetico svizzero raccomandando l’adozione della mozione Suter ‘Strategia dell’idrogeno verde per la Svizzera’ e del postulato Candinas ‘Idrogeno - Analisi e opzioni di azione per la Svizzera’".

E non si partirebbe da zero, dal momento che "in Svizzera esistono già due centrali idroelettriche, una nel Canton Friburgo e l’altra nel Canton Soletta, che utilizzano l’energia generata per scomporre idrogeno e ossigeno con il processo di elettrolisi". Con risultati già misurabili: "Entrambe le centrali sono in grado di generare fino a 300 tonnellate di idrogeno all’anno, quantità che potrebbe alimentare 50 camion o 1’700 automobili l’anno". Con costanza e investendo in questa tecnica, "si potrebbe arrivare a una transizione più rapida verso una mobilità più sostenibile".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved