ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 min

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
39 min

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
54 min

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
1 ora

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
1 ora

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
1 ora

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
1 ora

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
2 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
2 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
2 ore

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
2 ore

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
3 ore

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
09.02.2022 - 21:00

‘Crisi materie prime, lo Stato non può restare passivo’

Interrogazione Plr, Gianella e Maderni chiedono al Consiglio di Stato se non sia opportuno intervenire ‘tempestivamente’ presso le autorità federali

crisi-materie-prime-lo-stato-non-puo-restare-passivo
La capogruppo dei liberali radicali Alessandra Gianella (Ti-Press)

È il tema di adesso: la crisi delle materie prime. Che rischia di mettere in ginocchio l’economia. Scarsità e rincaro preoccupano imprese e cittadini. E la politica, anche quella cantonale. Da qui l’atto parlamentare inoltrato da Alessandra Gianella e Cristina Maderni per il gruppo liberale radicale in Gran Consiglio. “Pur consapevoli che si tratta di una problematica internazionale, a nostro avviso lo Stato non può rimanere passivo di fronte a questa situazione, ma deve mettere in campo tutti gli strumenti a disposizione per tentare di ritornare a una situazione di normalità nell’approvvigionamento, con coraggio e lungimiranza”, scrivono Gianella, capogruppo, e Maderni in un’interrogazione al Consiglio di Stato, cui chiedono anzitutto quali sono gli effetti di questa crisi sull’economia ticinese e quali sono “le maggiori ripercussioni in relazione ai settori più trainanti”.

Da un po’ di tempo, si ricorda nell’atto parlamentare depositato oggi, si assiste “a una preoccupante crisi nel settore delle materie prime e di determinati componenti indispensabili per la nostra economia e per la nostra vita quotidiana”. Una situazione che ha causato “penuria, ritardi e un aumento generalizzato dei prezzi: basti pensare ai settori della carta, del ferro o dei microprocessori, così come tanti altri prodotti e materiali”, sottolineano le due deputate del Plr. Che avvertono: il problema è “grave”. Lo è “per le aziende così come per molte persone e famiglie”. Il “perdurare” della crisi delle materie prime, evidenziano Gianella e Maderni, “rischia di produrre ulteriori effetti negativi, forse irreversibili, in un momento in cui il nostro sistema economico deve già fare i conti con altre conseguenze della grave crisi sanitaria che stiamo attraversando”.

‘Anche modifiche legislative per meno burocrazia’

Le autrici dell’interrogazione riconoscono che “il livello di intervento principale è quello federale, poiché la Confederazione dispone di un’importante rete di contatti e rappresentanze all’estero, come pure della competenza doganale in materia di dazi all’importazione”. Ciò, si osserva, “dovrebbe permettere di individuare eventuali canali di approvvigionamento alternativi rispetto a quelli attuali e, al contempo, di intervenire per regolare i dazi all’importazione laddove contribuiscono in questo momento ad aumentare eccessivamente i prezzi”. E “va peraltro rammentato che un approccio del genere rispecchia la nuova strategia di politica economica esterna che il Consiglio federale ha adottato lo scorso mese di novembre”. Stando ai nuovi orientamenti, aggiungono le parlamentari, la Svizzera “persegue infatti una politica economica esterna mirata, rilevando e specificando le proprie esigenze in modo trasparente e auspica scambi il più possibile aperti e regolamentati sul fronte sia delle importazioni sia delle esportazioni”. Per garantire “il benessere” e “l’occupazione”, la Svizzera “mira a fornire alle sue imprese - soprattutto alle Pmi (piccole medie imprese ndr) - un accesso ampio, giuridicamente sicuro e non discriminatorio a mercati internazionali funzionanti”.

Gianella e Maderni ritengono comunque che “anche un Cantone come il nostro - la cui economia dialoga in vari settori con l’estero - possa attivarsi”. Al Consiglio di Stato chiedono allora se considera opportuno “intervenire tempestivamente” presso le autorità federali “affinché si attivino per individuare canali di approvvigionamento alternativi, in particolare nei settori dove sono attive aziende che risiedono in Ticino”. Inoltre: “Dal momento che dal 1. gennaio 2024 l’importazione di prodotti industriali in Svizzera non sarà più soggetta a dazi, converrebbe attivarsi affinché siano sospesi anche i dazi in altri settori economici?”. E ancora: “Sono prevedibili delle modifiche di legge (in senso di alleggerimento normativo) affinché i settori più colpiti possano perlomeno essere aiutati indirettamente con semplificazioni legislative?”. Un alleggerimento normativo, spiega Alessandra Gianella contattata dalla ‘Regione’, «anche per ridurre la burocrazia e permettere così alle imprese di adattarsi con una certa rapidità a nuovi scenari».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved