ecco-perche-il-tf-non-ha-annullato-la-legge-negozi
Ti-Press
Fino a due anni fa si chiudeva mezz’ora prima
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
1 ora

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
1 ora

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
1 ora

Carona, si rovescia con lo scavatore e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
3 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
3 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
3 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
5 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
11 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
11 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
18 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
18 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
18 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
20 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
20 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
21 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
21 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
21 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
21 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
21 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
21 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
26.01.2022 - 20:36
Aggiornamento : 27.01.2022 - 00:02

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno

“Per giurisprudenza le norme cantonali relative alla chiusura dei negozi non possono avere come scopo la protezione dei lavoratori, in quanto tale questione è regolamentata in modo esaustivo nella legge (federale, ndr) sul lavoro”. Ragion per cui, aggiungono i giudici di Mon Repos, il primo capoverso dell’articolo 23 della legge ticinese sugli orari dei negozi - che vincolava l’entrata in vigore della normativa, cosa avvenuta il 1° gennaio 2020, alla sottoscrizione e introduzione nel settore della vendita di un contratto collettivo di lavoro decretato di obbligatorietà generale dal Consiglio di Stato - è incompatibile con la Costituzione federale. E meglio con il suo articolo 49, quello sulla preminenza del diritto federale. Un’incompatibilità tale da giustificare l’annullamento della legge che da poco più di due anni disciplina le aperture dei negozi nel nostro cantone? Per la II Corte di diritto pubblico del Tribunale federale, no. Ergo, la normativa resta in vigore.

‘Quell’articolo non è conforme alla Costituzione federale’

È quanto stabilito dal Tf in due sentenze, entrambe datate 22 dicembre 2021, con cui ha accolto altrettanti ricorsi inoltrati nel gennaio dell’anno precedente contro alcuni articoli della legge, sollecitandone la cancellazione. Uno era stato presentato da una società (patrocinata dall’avvocato Ivo Wuthier) che gestisce nel Sopraceneri una stazione di servizio con negozio annesso. L’altro ricorso dal sindacato Unia e da tre cittadini (assistiti dagli avvocati Piero Colombo e Gabriella Mameli). Mon Repos ha così dato ragione ai ricorrenti sull’articolo 23 della legge. Una legge dal parto sofferto, uscita dal Gran Consiglio il 23 marzo del 2015 e approvata in votazione popolare il 28 febbraio dell’anno successivo dopo essere stata impugnata tramite referendum. Perché esplicasse i suoi effetti ci sono però voluti quasi quattro anni, poiché all’epoca, come ricordano i giudici federali, non era ancora entrato in vigore il contratto collettivo di lavoro dichiarato di obbligatorietà generale. Si trattava della clausola inserita nella legge dal Gran Consiglio con il sì, in quella seduta del 2015, all’emendamento proposto dal sindacalista Ocst e allora deputato per il Ppd Gianni Guidicelli. Nonostante il parere giuridico negativo sulla clausola chiesto in precedenza dalla commissione parlamentare della Gestione, l’emendamento in aula era passato. Per un solo voto. Ma l’articolo 23 viene ora bocciato dal Tribunale federale. Il primo capoverso del 23, “il cui scopo - ottenuto facendo dipendere l’entrata in vigore della legge dall’adozione di un contratto collettivo di lavoro nel settore del commercio al dettaglio decretato di obbligatorietà generale - era fare pressione sulle parti sociali perché queste adottassero il Ccl”, è “contrario” al principio della “preminenza del diritto federale", sottolineano i giudici. In altre parole “non è conforme alla Costituzione e non può essere approvato”.

‘Meccanismo illecito’

Questa conclusione, rileva il Tf, “non implica tuttavia giocoforza l’annullamento dell’intera legge”. Spiega la seconda Corte di diritto pubblico: “In primo luogo, non va dimenticato che il Tribunale federale si impone un certo riserbo, giustificato dai principi derivanti dal federalismo e dalla proporzionalità, nel quadro di un controllo astratto di un atto normativo cantonale. Ciò a maggior ragione quando è in gioco l’annullamento di un’intera legge cantonale ormai in vigore“. In questo contesto, il Tf “è particolarmente cauto quando un siffatto annullamento è richiesto invocando vizi relativi alla procedura di adozione della legge”. Inoltre, l’articolo 23 capoverso 1 "non ha attualmente più nessuna portata pratica: il suo unico effetto è stato quello di sospendere l’entrata in vigore della legge fino alla conclusione del Ccl e al relativo decreto del Consiglio di Stato sull’obbligatorietà generale”. In tal senso, prosegue Mon Repos, “appare altamente problematico riconoscere uno scopo di protezione dei lavoratori all’intera legge sulla sola base di una norma di questo tipo, che si limita a disciplinare l’entrata in vigore della stessa”. Del resto, osservano ancora i giudici, la normativa ticinese sugli orari di apertura dei negozi “è stata adottata dal parlamento e accolta poi in votazione popolare in seguito a un referendum”. Alla luce di tutto ciò “annullare l’intera legge unicamente a causa delle (discutibili) modalità con le quali essa è entrata in vigore, sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno”. La constatazione dell’incostituzionalità del primo capoverso dell’articolo 23 “è in questo senso sufficiente a sanzionare l’illiceità del meccanismo instaurato tramite la norma” in questione, "segnalando al Gran Consiglio tale problematica”.

No alla Commissione consultiva

Accogliendo le argomentazioni della Sa che gestisce la stazione di servizio con chiosco, il Tribunale federale ha inoltre annullato la disposizione, contenuta nell’articolo 4 della legge, su istituzione e composizione di una “Commissione consultiva", formata da rappresentanti dei datori di lavoro e dei sindacati, per l’applicazione della legge. Poiché anche tale disposizione "è finalizzata alla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, si presenta ancora una violazione della supremazia del diritto federale”, evidenziano i giudici.

Vitta: ora abbiamo un quadro giuridico di riferimento chiaro e solido

Per il resto i due ricorsi sono stati giudicati da Mon Repos infondati. Ma la notizia principale è che la normativa cantonale è salva. Nel complesso regge. E pertanto rimarrà in vigore, ha deciso la II Corte di diritto pubblico del Tribunale federale. «Dopo queste sentenze - commenta soddisfatto il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, interpellato dalla ‘Regione’ - la legge cantonale è ancora più solida: abbiamo adesso un quadro giuridico di riferimento chiaro e stabile». Quanto al contratto collettivo di lavoro nel settore e al suo rinnovo, «starà alle parti rinegoziarlo al momento della sua scadenza». L’articolo 23 «non avrà più alcuna influenza».

Gargantini: vedremo cosa succederà in sede di rinnovo del contratto

Dal canto suo Giangiorgio Gargantini, segretario cantonale di Unia, precisa che il suo sindacato «non ha ricorso contro il contratto collettivo, ma contro la legge in quanto il modo in cui è stata adottata è incostituzionale, come ha appurato ora dal Tribunale federale». E per quanto riguarda l’adozione di un Ccl di obbligatorietà generale Gargantini è scettico sulla tenuta dello stesso. «Quel contratto era funzionale a permettere ai negozi di aprire più a lungo ed è risultato fondamentale per l’approvazione della legge sia in Gran Consiglio, sia davanti al popolo», sostiene. «In realtà, secondo noi, non c’è nessuna volontà di creare una comunità contrattuale per migliorare le condizioni dei lavoratori. Vedremo cosa succederà in sede di rinnovo entro la fine di quest’anno», continua Gargantini, precisando che Unia nonostante rappresenti molti lavoratori della vendita, non è partner contrattuale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ccl negozi tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved