ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
14 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
17 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
21 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
1 gior

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
1 gior

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
1 gior

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
1 gior

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
Bellinzonese
1 gior

‘Il sogno di un uomo ridicolo’ all’oratorio di Bellinzona

Dedicato agli adolescenti, studenti e apprendisti lo spettacolo di Emanuele Santoro proposto da Minimusica nell’ambito della rassegna MaxiTeatro
26.01.2022 - 20:36
Aggiornamento: 27.01.2022 - 00:02

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno

ecco-perche-il-tf-non-ha-annullato-la-legge-negozi
Ti-Press
Fino a due anni fa si chiudeva mezz’ora prima

“Per giurisprudenza le norme cantonali relative alla chiusura dei negozi non possono avere come scopo la protezione dei lavoratori, in quanto tale questione è regolamentata in modo esaustivo nella legge (federale, ndr) sul lavoro”. Ragion per cui, aggiungono i giudici di Mon Repos, il primo capoverso dell’articolo 23 della legge ticinese sugli orari dei negozi - che vincolava l’entrata in vigore della normativa, cosa avvenuta il 1° gennaio 2020, alla sottoscrizione e introduzione nel settore della vendita di un contratto collettivo di lavoro decretato di obbligatorietà generale dal Consiglio di Stato - è incompatibile con la Costituzione federale. E meglio con il suo articolo 49, quello sulla preminenza del diritto federale. Un’incompatibilità tale da giustificare l’annullamento della legge che da poco più di due anni disciplina le aperture dei negozi nel nostro cantone? Per la II Corte di diritto pubblico del Tribunale federale, no. Ergo, la normativa resta in vigore.

‘Quell’articolo non è conforme alla Costituzione federale’

È quanto stabilito dal Tf in due sentenze, entrambe datate 22 dicembre 2021, con cui ha accolto altrettanti ricorsi inoltrati nel gennaio dell’anno precedente contro alcuni articoli della legge, sollecitandone la cancellazione. Uno era stato presentato da una società (patrocinata dall’avvocato Ivo Wuthier) che gestisce nel Sopraceneri una stazione di servizio con negozio annesso. L’altro ricorso dal sindacato Unia e da tre cittadini (assistiti dagli avvocati Piero Colombo e Gabriella Mameli). Mon Repos ha così dato ragione ai ricorrenti sull’articolo 23 della legge. Una legge dal parto sofferto, uscita dal Gran Consiglio il 23 marzo del 2015 e approvata in votazione popolare il 28 febbraio dell’anno successivo dopo essere stata impugnata tramite referendum. Perché esplicasse i suoi effetti ci sono però voluti quasi quattro anni, poiché all’epoca, come ricordano i giudici federali, non era ancora entrato in vigore il contratto collettivo di lavoro dichiarato di obbligatorietà generale. Si trattava della clausola inserita nella legge dal Gran Consiglio con il sì, in quella seduta del 2015, all’emendamento proposto dal sindacalista Ocst e allora deputato per il Ppd Gianni Guidicelli. Nonostante il parere giuridico negativo sulla clausola chiesto in precedenza dalla commissione parlamentare della Gestione, l’emendamento in aula era passato. Per un solo voto. Ma l’articolo 23 viene ora bocciato dal Tribunale federale. Il primo capoverso del 23, “il cui scopo - ottenuto facendo dipendere l’entrata in vigore della legge dall’adozione di un contratto collettivo di lavoro nel settore del commercio al dettaglio decretato di obbligatorietà generale - era fare pressione sulle parti sociali perché queste adottassero il Ccl”, è “contrario” al principio della “preminenza del diritto federale", sottolineano i giudici. In altre parole “non è conforme alla Costituzione e non può essere approvato”.

‘Meccanismo illecito’

Questa conclusione, rileva il Tf, “non implica tuttavia giocoforza l’annullamento dell’intera legge”. Spiega la seconda Corte di diritto pubblico: “In primo luogo, non va dimenticato che il Tribunale federale si impone un certo riserbo, giustificato dai principi derivanti dal federalismo e dalla proporzionalità, nel quadro di un controllo astratto di un atto normativo cantonale. Ciò a maggior ragione quando è in gioco l’annullamento di un’intera legge cantonale ormai in vigore“. In questo contesto, il Tf “è particolarmente cauto quando un siffatto annullamento è richiesto invocando vizi relativi alla procedura di adozione della legge”. Inoltre, l’articolo 23 capoverso 1 "non ha attualmente più nessuna portata pratica: il suo unico effetto è stato quello di sospendere l’entrata in vigore della legge fino alla conclusione del Ccl e al relativo decreto del Consiglio di Stato sull’obbligatorietà generale”. In tal senso, prosegue Mon Repos, “appare altamente problematico riconoscere uno scopo di protezione dei lavoratori all’intera legge sulla sola base di una norma di questo tipo, che si limita a disciplinare l’entrata in vigore della stessa”. Del resto, osservano ancora i giudici, la normativa ticinese sugli orari di apertura dei negozi “è stata adottata dal parlamento e accolta poi in votazione popolare in seguito a un referendum”. Alla luce di tutto ciò “annullare l’intera legge unicamente a causa delle (discutibili) modalità con le quali essa è entrata in vigore, sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno”. La constatazione dell’incostituzionalità del primo capoverso dell’articolo 23 “è in questo senso sufficiente a sanzionare l’illiceità del meccanismo instaurato tramite la norma” in questione, "segnalando al Gran Consiglio tale problematica”.

No alla Commissione consultiva

Accogliendo le argomentazioni della Sa che gestisce la stazione di servizio con chiosco, il Tribunale federale ha inoltre annullato la disposizione, contenuta nell’articolo 4 della legge, su istituzione e composizione di una “Commissione consultiva", formata da rappresentanti dei datori di lavoro e dei sindacati, per l’applicazione della legge. Poiché anche tale disposizione "è finalizzata alla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, si presenta ancora una violazione della supremazia del diritto federale”, evidenziano i giudici.

Vitta: ora abbiamo un quadro giuridico di riferimento chiaro e solido

Per il resto i due ricorsi sono stati giudicati da Mon Repos infondati. Ma la notizia principale è che la normativa cantonale è salva. Nel complesso regge. E pertanto rimarrà in vigore, ha deciso la II Corte di diritto pubblico del Tribunale federale. «Dopo queste sentenze - commenta soddisfatto il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, interpellato dalla ‘Regione’ - la legge cantonale è ancora più solida: abbiamo adesso un quadro giuridico di riferimento chiaro e stabile». Quanto al contratto collettivo di lavoro nel settore e al suo rinnovo, «starà alle parti rinegoziarlo al momento della sua scadenza». L’articolo 23 «non avrà più alcuna influenza».

Gargantini: vedremo cosa succederà in sede di rinnovo del contratto

Dal canto suo Giangiorgio Gargantini, segretario cantonale di Unia, precisa che il suo sindacato «non ha ricorso contro il contratto collettivo, ma contro la legge in quanto il modo in cui è stata adottata è incostituzionale, come ha appurato ora dal Tribunale federale». E per quanto riguarda l’adozione di un Ccl di obbligatorietà generale Gargantini è scettico sulla tenuta dello stesso. «Quel contratto era funzionale a permettere ai negozi di aprire più a lungo ed è risultato fondamentale per l’approvazione della legge sia in Gran Consiglio, sia davanti al popolo», sostiene. «In realtà, secondo noi, non c’è nessuna volontà di creare una comunità contrattuale per migliorare le condizioni dei lavoratori. Vedremo cosa succederà in sede di rinnovo entro la fine di quest’anno», continua Gargantini, precisando che Unia nonostante rappresenti molti lavoratori della vendita, non è partner contrattuale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved