apertura-negozi-la-legge-restera-in-vigore
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 min

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
10 min

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
21 min

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
22 min

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
24 min

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
Luganese
28 min

Franklin College, laurea ad honorem e altre lauree

Cerimonia di consegna per 61 studenti al Palazzo dei Congressi di Lugano
Locarnese
52 min

Locarno, ferite lievi per uno scooterista urtatosi con un’auto

L’incidente della circolazione è successo poco prima delle 11, all’incrocio fra via Varesi e via Ballerini
Mendrisiotto
57 min

A Brusino il film festival dove le immagini parlano

La terza edizione del Momòhill Film Fair si terrà dal 19 al 21 maggio nella sala multiuso. I film in concorso sono 27
Bellinzonese
57 min

Pronta a scattare la Giubiasco-Carena

Gara ciclistica e podistica in programma durante il prossimo fine settimana. Previste anche categorie popolari non competitive
26.01.2022 - 12:08
Aggiornamento : 14:13

Apertura negozi, la legge resterà in vigore

Il Tribunale federale ha accolto parzialmente due ricorsi. Bocciata la creazione della commissione consultiva

Ats, a cura de laRegione

La legge ticinese sull’apertura dei negozi rimarrà in vigore, ma non ci sarà una commissione consultiva, composta da rappresentanti dei datori di lavoro e dei sindacati e incaricata di monitorare l’applicazione. Il Tribunale federale (TF) ha infatti accolto parzialmente due ricorsi sul testo entrato in vigore all’inizio del 2020.

La nuova legge cantonale, promulgata dal Gran Consiglio nel 2015 e accolta in votazione popolare l’anno dopo, prevedeva di subordinare l’entrata in vigore alla sottoscrizione di un contratto collettivo di lavoro (CCL) di obbligatorietà generale nel settore della vendita (articolo 23 capoverso 1). Quest’ultimo è stato concluso nel 2019 e la legge è entrata in vigore l’anno dopo

Il sindacato Unia, diversi privati e un’azienda hanno inoltrato ricorsi chiedendo l’annullamento della legge o lo stralcio di alcune singole disposizioni.

Supremazia del diritto federale

Nella sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale accoglie parzialmente le argomentazioni dei ricorrenti. Secondo l’Alta Corte l’articolo che condiziona l’entrata in vigore della legge alla sottoscrizione di un CCL di obbligatorietà generale è incostituzionale. Il suo scopo infatti è la tutela dei lavoratori che è però regolamentata dalla Legge federale sul lavoro. La norma ticinese quindi costituisce una violazione della supremazia del diritto federale, secondo i giudici di Mon Repos. Il TF ha comunque ritenuto inopportuno l’annullamento dell’intera legge poiché solo l’entrata in vigore era vincolata al CCL.

Per le stesse ragioni è stata annullata anche la disposizione che prevede la creazione di una commissione consultiva (articolo 4 capoversi 2 e 3). La legge quindi rimane in vigore, ma senza la commissione.

Gli altri ricorsi (articoli 8, 9, 10, 14 e 16) sono stati giudicati infondati dal TF. Unia chiedeva l’annullamento integrale della legge. In particolare il sindacato criticava il fatto che le “zone turistiche” dove è consentita l’apertura dei negozi 7 giorni su 7 dalle 6.00 alle 22.30 sono state estese al punto da inglobare anche aree che nulla hanno di turistico e coprire gran parte del territorio cantonale.

Per il segretario regionale Giangiorgio Gargantini l’incostituzionalità della norma che lega l’entrata in vigore della legge al CCL non è una sorpresa poiché Unia aveva già sottolineato a più riprese questa criticità. Per il TF l’annullamento di questa disposizione non giustifica l’annullamento dell’intera legge da un punto di vista giuridico, ma in realtà senza l’“obbligo” di CCL la legge non avrebbe raccolto la maggioranza in Gran Consiglio e probabilmente neppure in votazione popolare, fa notare Gargantini, raggiunto da Keystone-ATS.

Rimane inoltre da chiarire se l’annullamento della disposizione avrà conseguenze sull’obbligatorietà generale conferita del CCL. Il rischio è di ritrovarsi ora con una legge che peggiora le condizioni dei lavoratori e non serve all’economia perché alla maggioranza dei negozi non conviene tenere aperto la domenica, conclude il segretario di Unia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
apertura negozi ccl commissione consultiva tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved