l-ordinanza-sui-casi-di-rigore-covid-e-da-cambiare
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
1 ora

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
2 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
2 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
2 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
2 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
3 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
4 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
4 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
5 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
6 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
6 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
7 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
8 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
14 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
14 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
21 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
laR
 
22.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 11:51

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L’allarme è stato lanciato all’inizio dell’anno da Gastrosuisse: quasi il 70% di ristoranti, bar e caffè sono in perdita a causa delle misure anti-coronavirus. Secondo l’associazione di categoria la situazione si è aggravata con l’introduzione dell’obbligo per i clienti di disporre del certificato Covid (vaccinati, guariti e testati negativi) a metà settembre dello scorso anno e ancor di più da dicembre, quando è entrata in vigore la regola del 2G (ingresso solo per vaccinati o guariti).

“La situazione economica del settore rimane seria”, aveva affermato nei giorni scorsi il presidente di Gastrosuisse Casimir Platzer. Secondo un sondaggio effettuato nella prima settimana dell’anno, quasi sette esercizi su dieci accusano un deficit. E il tutto si ripercuote anche sui dipendenti, che si trovano sempre più in difficoltà.

«Difficoltà vissute anche da altri settori come i centri fitness, la cultura e lo sport», spiega dal canto suo Fabio Regazzi, consigliere nazionale del Ppd e presidente dell’Usam (Unione svizzera delle arti e mestieri). «Il calo del fatturato per la ristorazione è stato molto marcato nel periodo natalizio perché sono venute a mancare tutte le cene aziendali programmate», ricorda Regazzi. «Diminuzioni delle entrate di almeno il 30% sono state comuni a tanti locali», commenta Regazzi. Casimir Platzer va oltre: le aziende del settore hanno fatturato solo il 53% rispetto a un normale anno commerciale.

Per quanto riguarda gli aiuti, Gastrosuisse accoglie con favore il fatto che il programma per i casi di rigore sarà rilanciato e che il governo sta cercando di indennizzare gli ambienti colpiti il più rapidamente possibile e in modo uniforme in tutto il Paese. Ma è proprio questo programma – mirato a coprire i costi fissi e non la cifra d’affari perduta – che verrà attuato attraverso un’ordinanza del Consiglio federale, quindi senza passare dal Parlamento, a non convincere gli ambienti coinvolti ovvero le piccole e medie imprese. Per il presidente dell’Usam Fabio Regazzi si tratta di un progetto troppo restrittivo e burocratico che di fatto arrischia di escludere molte Pmi. «Secondo il progetto di ordinanza in consultazione, per i casi di rigore è previsto un miliardo di franchi supplementare di cui 800 milioni a carico della Confederazione e il resto a carico dei Cantoni», ci spiega Regazzi che non contesta tanto l’importo, ma piuttosto i criteri di erogazione. «I paletti che il Governo ha messo per evitare abusi rischiano di impedire alle imprese che hanno bisogno di ottenere un aiuto concreto. Dobbiamo evitare di creare un mostro burocratico», continua il deputato ticinese popolare democratico, membro della Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale. «Già il fatto di prevedere – nell’ordinanza – che l’impresa richiedente deve dimostrare che ha preso tutte le misure ragionevoli per far fronte al calo del fatturato è una precisazione inutile. L’imprenditore per indole e vocazione fa questo tipo di esercizio. Bisogna darlo quindi per assodato e chiedergli di dimostrare solo il calo del fatturato rispetto al periodo pre Covid e che questo calo sia imputabile alle misure restrittive varate dal Consiglio federale», commenta ancora Regazzi. Negli ultimi due anni per far fronte alla crisi sanitaria sono state varate chiusure delle attività economiche. La situazione per gli indennizzi, paradossalmente, era più chiara con i lockdown palesi. «Limitando l‘accesso a determinate attività ricreative alle sole persone vaccinate, di fatto è stato varato un lockdown mascherato con conseguenze economiche che dovrebbero essere mitigate dell’ente pubblico». «Siamo ancora in una situazione speciale e fino a quando non ci saremo lasciati alle spalle questo periodo, il sostegno alle Pmi non deve mancare», commenta Regazzi.

È però vero che la Commissione economia e tributi (Cet) e in generale il Parlamento in questo progetto non può cambiare molto. Inoltre la parte politica (l’area moderata e liberale, ndr) che teoricamente è più vicina alle istanze del mondo economico è restia ad allargare i cordoni della borsa. «Possiamo comunque fare pressione affinché le regole cambino in senso meno restrittivo. Lunedì prossimo ci sarà una riunione della Cet e io porterò delle proposte concrete per cercare di correggere l’ordinanza messa in consultazione dal governo. Il problema è reale e non tocca solo il settore della ristorazione e del tempo libero. Pensiamo anche a chi opera nel campo degli eventi culturali e sportivi che da due anni fa fatica a programmare la sua attività. Spero di trovare un sostegno trasversale a queste proposte per lanciare un messaggio forte al Consiglio federale». «Siamo in un momento ancora difficile per cui serve pragmatismo, più che ideologia. Solo quando si tornerà alla normalità sanitaria e sociale – e lo auspichiamo tutti – si potrà tornare a confrontarsi sulle idee», conclude Regazzi.

Christian Vitta: ‘Così com’è servirà una modifica della legge cantonale’

«Come Cantone Ticino, insieme ad altri, ci siamo espressi criticamente nell’ambito della consultazione sul progetto di ordinanza sui casi di rigore Covid del Consiglio federale. In particolare è la complessità della nuova procedura che ci preoccupa», afferma Christian Vitta, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia. «Salutiamo ovviamente positivamente il fatto che il programma di aiuti – a cui contribuiranno anche i Cantoni –verrà riproposto per i prossimi sei mesi, ma sottolineiamo che se l’ordinanza resterà come è stata proposta, in Ticino dovremo modificare la legge cantonale di attuazione votata solo un anno fa con conseguenti tempi più lunghi per l’iter di approvazione della modifica di legge e quindi anche nell’erogazione degli aiuti», aggiunge Vitta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid pass fabio regazzi ordinanza
Keystone
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved