legionellosi-il-ticino-e-il-moesano-i-piu-colpiti
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
10 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
10 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
11 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
11 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
11 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
11 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
11 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
12 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
12 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
12 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
17.01.2022 - 15:15
Aggiornamento : 19:56

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Fa eccezione la Leventina. La malattia non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol. La microbiologa: ‘Niente allarmismi’

di Ats/Red

Bellevue-Stratford Hotel, Filadelfia, luglio 1976. Congresso annuale dell’American Legion, i veterani delle forze armate statunitensi. Sono 4mila gli ospiti dell’albergo. Da lì a qualche giorno 221 persone presenteranno i sintomi di una strana polmonite febbrile. 34 moriranno. Il colpevole: l’aria condizionata che ha diffuso una particolare forma batterica. Una volta identificata, sarà chiamata Legionella pneumophila. Quasi cinquant’anni dopo, e in particolare negli ultimi due decenni, i casi di questa malattia in Svizzera sono quintuplicati. Se ne contano 1’603 tra 2017 e 2020, l’età media è di 65 anni, sette malati su dieci sono uomini. Il Ticino e il Moesano – con l’eccezione della Leventina – sono le regioni più colpite dal ‘morbo del legionario’, con 15,8 casi ogni 100mila abitanti. È quello di Lugano il distretto più toccato (22,9/100mila abitanti), ma sette degli otto distretti ticinesi e la Moesa sono stati definiti “hot spot” da un recente studio dell’Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale.

Dobbiamo preoccuparci? Secondo la microbiologa Valeria Gaia, responsabile del Centro di referenza per la Legionella presso l’Ente ospedaliero cantonale, «non è corretto suscitare allarmismi. I numeri restano contenuti e nell’ultimo paio d’anni assistiamo anche a una lieve diminuzione dei contagi»: dopo il picco di 567 a livello nazionale nel 2018 le segnalazioni – che sono più elevate alla fine dell’estate – sono scese nel 2019 a 530 casi e nel 2020 a 435. Resta il fatto che «a incidere maggiormente sull’aumento dei casi pare essere il fattore climatico», spiega Gaia: «La Legionella prolifera negli ambienti acquatici con temperatura tra i 25 e i 45 gradi centigradi, agevolata da stagioni calde e piovose. Per la stessa ragione può trovare in Ticino un habitat più favorevole che a nord delle Alpi».

La malattia non si diffonde da persona a persona e neanche bevendo acqua contaminata, bensì tramite aerosol: ad esempio tramite gli impianti di condizionamento o i vapori che si generano durante una doccia. Questo perché il batterio deve raggiungere l’apparato respiratorio per scatenare la polmonite, che a sua volta porta al ricovero nell’88,6% dei casi segnalati e alla morte nel 4,6% dei casi. I più fortunati sviluppano solo una leggera influenza. La terapia è a base di alcuni antibiotici specifici.

«Sappiamo che le malattie croniche e il tabagismo costituiscono fattori di rischio, e che si diventa più vulnerabili alla malattia col passare dell’età: il fattore anagrafico potrebbe costituire un altro elemento di relativo svantaggio per la Svizzera italiana», spiega Gaia, a capo dell’unico centro federale per una malattia soggetta a obbligo di segnalazione presente in Ticino, da dove viene fornita a tutto il Paese assistenza diagnostica dal 1998.

Lo studio appena pubblicato evidenzia anche altri elementi correlati a una maggiore diffusione della Legionella, quali la densità urbanistica, l’estrazione socioeconomica e l’inquinamento. Nei distretti in cui il livello socioeconomico medio è più basso è stato osservato un numero di casi superiore del 40%. Ciò potrebbe spiegarsi con la presenza più frequente in queste regioni di fattori di rischio, come appunto il fumo e patologie pregresse. «Ma attenzione», frena Gaia: «La presenza di correlazioni non significa che siano già dimostrati legami causali. Per quanto riguarda l’inquinamento non risultano precedenti in letteratura, mentre è piuttosto normale che in zone più densamente abitate possano esserci maggiori focolai». Per prevenirli, dal 2017 si rileva la presenza di legionella nell’acqua di stabilimenti e docce accessibili al pubblico. L’ordinanza federale non interessa invece l’edilizia privata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
infezione polmonare legionella legionellosi moesano ticino ufsp
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved