ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
3 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
11 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
15 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
15 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
16 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
16 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
16 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
16 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
17 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
18 ore

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
18 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
18 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
Bellinzonese
20 ore

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
20 ore

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
21 ore

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
1 gior

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
1 gior

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
1 gior

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
12.01.2022 - 18:07
Aggiornamento: 13.01.2022 - 00:06

‘Il dibattito democratico ha bisogno di media forti’

Il Consiglio di Stato sostiene il pacchetto di aiuti a giornali e radio tv locali. Manuele Bertoli: ‘Un sistema plurale è nell’interesse generale’

di Generoso Chiaradonna e Andrea Manna
il-dibattito-democratico-ha-bisogno-di-media-forti
(Ti-Press)

«Siamo un paese democratico che vota spesso e che ha bisogno di un sistema mediatico che garantisca pluralità e qualità dell’informazione. In questo senso l’aiuto pubblico può essere utile perché l’alternativa è un impoverimento del sistema che equivale allo scadimento del dibattito democratico». Si esprime così Manuele Bertoli, presidente del Consiglio di Stato, sul pacchetto federale di misure a favore dei media sul quale i cittadini si esprimeranno il prossimo 13 febbraio. Una proposta che ha il consenso unanime dell’intero esecutivo cantonale.

Ricordiamo che attraverso la modifica di due leggi esistenti (quelle sulle poste e radiotelevisione) e una nuova legge sulla promozione dei media online, tutte approvate dal parlamento federale e contro le quali è stato promosso il referendum, si intende sostenere la distribuzione di quotidiani e riviste; aumentare il sostegno alla radio e tv private e incentivare – temporaneamente – progetti editoriali online. Oltre a questo ci sarebbero anche aiuti alle agenzie di stampa e agli istituti di formazione per giornalisti. In totale gli aiuti ammonterebbero a 150 milioni di franchi l’anno (99 milioni in più rispetto a quanto la Confederazione fa già oggi) a cui si aggiungerebbero altri 137 milioni l’anno (al massimo) provenienti dall’attuale canone radiotelevisivo (52 in più rispetto a oggi, ndr). “Va sottolineato che queste sovvenzioni saranno concesse unicamente ai media che si impegneranno a rivolgersi prevalentemente a un pubblico svizzero e a trattare argomenti di interesse pubblico in ambito di politica, economia e società”, si legge in una nota del Consiglio di Stato. Sovvenzioni giustificate “per assicurare al sistema dei media la necessaria pluralità di voci”.

Ma perché sostenere i media tradizionali? In fondo con internet e i social tutti i cittadini potenzialmente hanno accesso alle informazioni. Ognuno può farsi ‘il giornale’ del colore che preferisce. «I social media sono mezzi gestiti da persone che possono anche fare propaganda o raccontare cose non vere e che non sono tenute a rispettare alcuna deontologia professionale», risponde Manuele Bertoli. «I mezzi d’informazione locali e regionali (giornali, radio e tv, siti a loro legati, ndr) di solito operano in altro modo. Vi lavorano professionisti che distinguono i fatti dalle opinioni e che cercano di raccontare la realtà per quello che è verificando le fonti. Questo evidentemente porta a una qualità nella pluralità che in un sistema democratico è assolutamente necessaria soprattutto in una regione linguistica come la nostra», continua il presidente del CdS. «È vero che c’è il mercato, ma è difficile affidarsi solo a esso anche perché la sua logica è quella che il più grosso vince e gli altri scompaiono». «Il Consiglio di Stato – continua Bertoli – sostiene questa modifica di legge, nella convinzione che si tratti di un intervento giustificato per assicurare al sistema dei media la necessaria pluralità di voci, che accanto all’emittente pubblica contribuiscono al buon funzionamento della nostra democrazia diretta».

C’è poi anche il ruolo per quanto riguarda il giornalismo di prossimità. «È interesse della società tutta fare in modo che il sistema dei media sopravviva perché è funzionale a un sistema democratico anche per le realtà locali. Sennò il rischio è di cadere all’interno di un tritacarne in cui non si capisce che cosa sia informazione e cosa non lo sia».

C’è chi sostiene che in questo modo si crei una dipendenza dei media privati dagli aiuti statali. «Gran parte di questi sostegni sono transitori e non si tratta di uno sforzo impossibile. Anche l’argomento dell’aiuto pubblico e quindi della dipendenza dallo Stato è un formalismo eccessivo. In realtà non è richiesta nessuna controprestazione. Del resto ci sono una serie di politiche nelle quali lo Stato investe avendo al centro un obiettivo di interesse generale. In questo caso l’interesse è avere un sistema dell’informazione plurale e di qualità», conclude il presidente del governo.

Norman Gobbi: ‘Favorisce la partecipazione a livello comunale’

Il direttore del Dipartimento istituzioni non ha dubbi. «Per una regione linguistica e periferica come la nostra, questo pacchetto di aiuti è essenziale», dice, da noi contattato, Norman Gobbi. «Se tutto fosse come in passato, queste misure a favore dei media non sarebbero necessarie e quindi non si giustificherebbero: sino a pochi anni fa il mercato pubblicitario girava bene e ciò permetteva a più testate di vivere, garantendo sul nostro territorio la presenza di voci diverse sul piano dell’informazione regionale e locale. Oggi invece si assiste a una contrazione del mercato pubblicitario, o meglio a una sua riduzione sui media per così dire tradizionali in generale e sulle testate principali in particolare: buona parte della pubblicità si è infatti spostata su altri canali. Ciò mette a repentaglio sia la pluralità dell’informazione sia l’informazione di prossimità, quella che riferisce di fatti che accadono dove il cittadino vive. Pluralità e prossimità: due aspetti fondamentali di una democrazia moderna». Insomma, aggiunge il consigliere di Stato, «la situazione odierna come governo ticinese ci preoccupa. Senza questi aiuti, la pluralità dell’informazione a livello regionale e locale, assicurata dall’esistenza di più media, è a rischio».

Il Dipartimento delle istituzioni è fra l’altro il principale interlocutore istituzionale dei Comuni. «I media che si occupano di cronaca locale – riprende Gobbi – svolgono un ruolo estremamente importante. Non tutti gli abitanti si informano recandosi all’albo comunale o consultando il sito online del Comune. Da qui l’importanza dei media che riferiscono di temi locali o regionali. Media che oltretutto su idee e progetti locali o regionali possono, raccogliendo opinioni anche contrastanti, alimentare il dibattito. E questo favorisce la partecipazione dei cittadini alle decisioni politiche del proprio Comune». La posta in gioco il 13 febbraio è importante. «E non credo proprio – afferma Gobbi – che gli aiuti pubblici possano condizionare o limitare l’indipendenza dei giornalisti, come insegna l’esperienza di altri Paesi con una democrazia collaudata come la nostra. L’indipendenza sta anzitutto nella testa del giornalista».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved