riforma-livelli-alle-medie-via-la-voce-di-spesa-dal-preventivo
Ti-Press
Fiorenzo Dadò, relatore di maggioranza sul Preventivo 2022
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
4 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
5 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
19 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
20 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
11.01.2022 - 18:37
Aggiornamento: 19:23

Riforma livelli alle Medie, via la voce di spesa dal preventivo

Lo propone la maggioranza della Gestione. Il progetto del Decs non incontrerebbe il consenso unanime d’insegnanti e politica

Il deficit previsto dal Consiglio di Stato nei conti del Cantone per il 2022 era di 135,2 milioni di franchi e tale – più o meno – rimarrà anche per la maggioranza della Commissione della gestione. Anzi, potrebbe essere leggermente inferiore se a questo importo verrà stralciata la voce di spesa pari a 390mila franchi inerente al progetto del Decs di superamento in terza media del sistema dei livelli. La somma inserita a preventivo e piano finanziario tra i nuovi oneri salirebbe a oltre un milione (1,06 milioni) dal 2023. I motivi di questo stralcio? “Alla luce delle diverse prime reazioni alla consultazione appena conclusa, da parte non solo del mondo politico, ma anche della scuola, tale importo è alla base di un progetto che non sembra godere di un consenso unanime, sia nel merito sia nel metodo”, si legge nel rapporto di maggioranza stilato dal popolare democratico Fiorenzo Dadò e appoggiato da Plr, Lega e Ppd. I Verdi, invece, hanno aderito al rapporto di minoranza del capogruppo socialista Ivo Durisch. Si delineano quindi i rapporti di forza in Gran Consiglio tra destra e sinistra che rispecchiano di fatto – con l’eccezione del Ppd – favorevoli e contrari al referendum sulla famosa iniziativa elaborata da Morisoli per il pareggio dei conti entro il 2025.

La maggioranza della Gestione su questo punto va oltre. “Si ritiene prematuro approvare questa voce di spesa senza avere una valutazione generale della consultazione e in mancanza di chiari obiettivi in merito al progetto, sul quale dovrà se del caso esser inoltre coinvolta la Commissione formazione e cultura”. È un no ‘preventivo’ dal sapore politico a quel tentativo di riforma nella scuola media quindi, e non di natura finanziaria visto che il risparmio, su un bilancio di 3,8 miliardi di franchi, sarebbe infimo.

Per quanto riguarda il preventivo nel suo complesso, la maggioranza ricorda che “si situa ancora in un contesto economico-finanziario a tinte chiaro-scure, in cui ogni previsione sembra assumere un carattere estemporaneo, in una situazione sospesa tra un passato marcato da difficoltà e un futuro prossimo ancora costellato da incertezze, a cavallo tra due legislature”. Proprio per questo motivo la maggioranza ha accettato di aderire alla decisione di allestire “un rapporto unico e neutrale” che permetta “a ognuno legittimamente di esprimere eventualmente le sue proposte o ricette durante il dibattito parlamentare”. Ricordiamo che la seduta di Gran Consiglio è prevista per lunedì 24 gennaio e si preannuncia tesa.

Non mancano stoccate all’indirizzo del Consiglio di Stato. Il relatore Fiorenzo Dadò sottolinea la forte crescita della spesa pubblica negli ultimi 14 anni passata da 2,9 miliardi del consuntivo 2007 a 3,8 miliardi del corrente preventivo. “Una realtà preoccupante, che non ci può lasciare indifferenti e inattivi; infatti basta una crisi per mettere immediatamente a nudo la fragilità con la quale l’ente pubblico è confrontato”, si legge. “Tenuto conto di un’evoluzione economica e politica incerta in tutta Europa, della pressione fiscale cantonale non propriamente concorrenziale nonché dei costi per i cittadini ormai troppo elevati, c’è da chiedersi in quale modo governo in primis, ma anche il parlamento, pensa di riuscire a far fronte alle sfide finanziarie future e consegnare uno Stato solido alle prossime generazioni”.

Individuato il problema nell’eccesso di spesa, la maggioranza mette le mani avanti sulle misure di risanamento: nessun taglio lineare o aumenti generalizzati d’imposta. “Occorreranno misure mirate e strutturali sulla spesa, sulle quali i gruppi parlamentari, secondo le loro sensibilità, si riserveranno di prendere posizione”. Nel contempo però si redarguisce il Consiglio di Stato per non aver presentato un piano di risanamento delle finanze pubbliche contestualmente al preventivo 2022. “Ciò avrebbe permesse di compiere un iter parlamentare lineare ed evitato la discussione sfociata nella presentazione e approvazione dell’iniziativa elaborata di Sergio Morisoli (Udc) per la modifica della legge sulla gestione e sul controllo finanziario dello Stato, che implicherà una chiamata della popolazione alle urne con un relativo dibattito tutt’altro che semplice da affrontare, in un momento delicato come quello che la società e la popolazione tutta sta già affrontando”. Come dire, è colpa del governo se si voterà e si litigherà su qualcosa che il parlamento poteva fare a meno di votare.

Archiviato il Preventivo 2022, giudicato transitorio visto il contesto pandemico, l’invito al Consiglio di Stato della maggioranza della Gestione è quello di disegnare già dal prossimo bilancio di previsione “perlomeno i lineamenti di una manovra finanziaria atta al risanamento”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
decs preventivo 2022 riforma
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved