le-ditte-si-stanno-organizzando-per-contenere-le-assenze
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Sagra della costina a Madonna d’Arla con lo sci club

La manifestazione alla sua 49esima edizione nel castagneto del Pian Piret in programma il 14, 15 e 16 luglio
Luganese
33 min

Lugano, perdita d’acqua in via Maraini: disagi alla circolazione

Sulla strada si circola su una sola corsia e a senso alternato. La polizia invita a usare l’accesso autostradale di Lugano Nord
Mendrisiotto
47 min

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
58 min

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
2 ore

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
2 ore

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
Gallery
Luganese
2 ore

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni
Luganese
2 ore

Svizzera e Ucraina firmano un’intesa per la protezione del clima

La convenzione ‘permette di mobilitare fondi in aggiunta alla cooperazione internazionale’, afferma il Datec
Speciale ucraina
LIVE

‘La Russia sta attaccando i valori di tutti i Paesi democratici’

Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto all’inaugurazione dell’Ukraine recovery conference di Lugano. Segui il live del laRegione
Bellinzonese
2 ore

Musica da camera, tutto pronto per il Montebello Festival

Scatta domani a Bellinzona la 16esima edizione della rassegna internazionale
Luganese
3 ore

‘L’Ucraina può contare sul nostro costante sostegno’

Per la presidente della Commissione Ue Von der Leyen, la conferenza di Lugano è ‘fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale’
Luganese
3 ore

E la Coop di Breganzona sarà ampliata e rinnovata

Inoltrata la domanda di costruzione alla Città di Lugano. La ristrutturazione sarà conclusa entro la prossima primavera. Sul tetto impianto fotovoltaico
Locarnese
3 ore

Cascina distrutta dalle fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
Bellinzonese
4 ore

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
4 ore

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
5 ore

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federali di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
5 ore

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-Covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
5 ore

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della valle, festeggiato lunedì scorso dalle autorità comunali e dai familiari
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, il Football club si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
7 ore

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
7 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
8 ore

A Lugano al lavoro per un ‘Piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymyr Zelensky (virtualmente) daranno il via ai lavori
Luganese
12 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Luganese
12 ore

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Ticino
20 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
20 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
laR
 
10.01.2022 - 20:00

‘Le ditte si stanno organizzando per contenere le assenze’

Omicron e quarantene, le associazioni imprenditoriali: politica, sanità e economia si muovano di concerto. La Sel ai Municipi: valutate piani di emergenza

Nel mondo economico quella che segue le festività è una ripresa piena di preoccupazioni a causa di Omicron, la variante particolarmente contagiosa del coronavirus. Preoccupazioni legate, soprattutto in prospettiva, alle assenze causa quarantena. E non sempre il telelavoro è possibile. Tuttavia, premette il direttore dell’Associazione industrie ticinesi (Aiti) Stefano Modenini, «è ancora presto per valutare l’impatto dell’impennata di contagi sull’operatività delle aziende». Insomma, «per il momento non ci sono assenze in numero eccessivo, sono ancora relativamente contenute: chi quattro, chi cinque… non tali da pregiudicare l’operatività». Ma la preoccupazione è alta, si diceva. Al punto che «alcune aziende, dopo aver informato i dipendenti la settimana scorsa, hanno organizzato dei tamponi già stamattina, per poi ripeterli in settimana».

Modenini (Aiti): ‘Ridurre i giorni di quarantena’

In un contesto dove però, ricorda Modenini, «le aziende hanno già piani non solo di protezione, ma proprio di organizzazione aziendale: non aspettano di certo l’autorità». Il vero problema è che la situazione di partenza già è difficoltosa, per via del complicato approvvigionamento delle materie: «Siccome non arrivano nelle scadenze previste, può capitare che il materiale da lavorare arriva e manca gente in ditta. In quel caso occorre riorganizzare i turni, e abbiamo fatto presente mesi fa al Cantone che se i lavori devono essere fatti celermente occorre far capo anche al lavoro serale e notturno. Quindi occorrono i relativi permessi». Risposta? «Beh, è stata abbastanza accademica: quando si fa una richiesta, l’Ispettorato del lavoro verifica e cerca di venire incontro». Si vedrà. Intanto, un altro fronte che vede attivo il mondo economico è quello della riduzione dei giorni di quarantena: «Il Paese non è in grado di gestire tutti questi tamponi, non ha più senso usare questa unica via» dice il direttore di Aiti: «Se non c’è presenza di sintomi particolari questi dieci giorni possono essere ridotti, dobbiamo accettare di convivere con il virus sperando che la gente ancora non vaccinata lo faccia presto».

Albertoni (Camera di commercio): ‘Ora non c’è problema di effettivi, ma potrà verificarsi’

Sulla stessa lunghezza d’onda è il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni: «Siamo preoccupati, perché non tutti possono fare telelavoro se positivi senza sintomi. Un problema di effettivi al momento non c’è, ma potrà assolutamente verificarsi. Per questo – continua Albertoni – a livello nazionale le associazioni economiche hanno chiesto la riduzione delle quarantene. Chiaro, dipende dalle valutazioni sanitarie, ma oggi dieci giorni di quarantena sono parecchi e di difficile gestione». L’auspicio del direttore della Camera di commercio è quello che «la discussione torni a essere più fattuale e oggettiva, meno spaccata su fronti ideologici». È più concretezza quella che Albertoni chiede alla politica, «perché il confronto non deve essere tra chi vuole chiudere le attività e chi le vuole aperte, l’economia non ha alcun interesse a far ammalare la gente, anzi. L’economia è posti di lavoro, redditi per le famiglie e sarebbe bello che la si smettesse di mettere politica e sanità da una parte, e l’economia dall’altra. Tutto deve andare di concerto». In attesa di vedere, tra qualche giorno, se le assenze dal lavoro a causa di quarantene e isolamenti diventeranno ingestibili.

Della Santa (Enti locali): ‘Prima di Natale abbiamo scritto ai Municipi con le nostre indicazioni’

Ma le assenze per quarantene interessano o possono interessare anche il settore pubblico. Per quanto riguarda le amministrazioni comunali, la Sezione degli enti locali (Dipartimento istituzioni) si è mossa d’anticipo. «Visto l’aumento dei contagi, già prima di Natale – spiega alla ‘Regione’ il capo della Sel Marzio Della Santa – abbiamo scritto ai Municipi, chiedendo loro due cose. La prima: riattivare le cellule di crisi, cioè quei gruppi di funzionari comunali e municipali che in caso di necessità possono essere da noi allertati per predisporre in tempi rapidi a livello locale le misure che dovessero essere decise dalla Confederazione o dal Consiglio di Stato. La seconda cosa che abbiamo chiesto agli Esecutivi è di iniziare a riflettere sull’allestimento di un piano d’emergenza per garantire, in caso di assenze di un numero importante di dipendenti, l’erogazione dei servizi di base e il funzionamento di organi comunali come la Cancelleria, il Controllo abitanti o lo Stato civile». In altre parole, si vuole evitare la paralisi delle amministrazioni locali a causa delle quarantene. «Per questo – riprende il responsabile della Sezione enti locali – occorre anche preparare a titolo preventivo i collaboratori a supplire i colleghi assenti, ad esempio per instradare le pratiche, per avvertire i cittadini che ci saranno dei ritardi e via dicendo».

Per quel che attiene all’attività politica comunale, non vi sono al momento comunicazioni della Sel all’indirizzo dei Municipi. «Da questo punto di vista – osserva Della Santa – l’ordinanza federale non è cambiata, così come non è cambiato il decreto esecutivo cantonale. I Municipi e gli organi legislativi comunali restano operativi. Gli Esecutivi e le commissioni dei legislativi hanno sempre la facoltà di riunirsi a distanza. Mentre consigli e assemblee comunali, la cui attività era stata sospesa nella prima ondata pandemica, devono riunirsi in presenza. Per ragioni di sicurezza, possono farlo – nel rispetto dei piani di protezione – in spazi fuori della sede istituzionale, ma la seduta deve avvenire in presenza».

Pini (Presidente del Gran Consiglio): ‘L’idea è garantire lo svolgimento della seduta il 24 gennaio’

Pandemia in Ticino, annessi e connessi: domani intanto si trova, nell’ambito delle sue riunioni periodiche, lo Stato maggiore cantonale di condotta, di cui è responsabile il comandante della Polizia cantonale, per fare il punto della situazione. Pur non essendo stato sinora formalmente attivato dal governo, è in stato di prontezza.

«Fino ad ora, ed è ovviamente ancora così adesso, il nostro principio guida è attenersi alle direttive della Confederazione, cioè che non c’è problema a svolgere attività istituzionali» spiega dal canto suo il presidente del Gran Consiglio Nicola Pini. Ma va da sé che con il dilagare dei contagi, e con una seduta importante prevista a partire da lunedì 24, il tema si pone: «L’idea è garantire lo svolgimento della seduta perché all’ordine del giorno vi sono temi molto importanti, su tutti il Preventivo ‘22» ricorda Pini. Preventivo che deve essere approvato. «Abbiamo la responsabilità di non bloccare lo Stato, le istituzioni devono andare avanti e lavorare in questo senso». Ciò detto, «stiamo monitorando quotidianamente la situazione, dialogando con il medico cantonale, e insieme valuteremo insieme misure aggiuntive oltre al plexiglas tra le postazioni e le mascherine, misure che hanno già dato prova di efficacia» sottolinea il presidente del Gran Consiglio. Il tutto verrà ufficializzato mercoledì, quando l’Ufficio presidenziale si riunirà e prenderà una decisione definitiva.

Vaccinazioni dai 5 agli 11 anni: iscrizioni aperte

Le iscrizioni per la vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni sono ora aperte. Lo ha appena comunicato Il Dipartimento sanità e socialità, confermando quindi quanto annunciato venerdì nell’incontro con i media. I genitori interessati “possono quindi da subito annunciarsi al proprio pediatra, se risulta fra quelli che vaccinano nel proprio studio medico, oppure sulla piattaforma online www.ti.ch/vaccinazione, che permette di fissare un appuntamento al Centro cantonale di Giubiasco nelle giornate del 16 e del 23 gennaio”.

Le autorità cantonali ricordano che, in linea con le raccomandazioni federali, la vaccinazione pediatrica contro il coronavirus è raccomandata prioritariamente ai bambini affetti da malattie croniche, o che vivono con persone particolarmente a rischio. Ulteriori informazioni e raccomandazioni possono essere consultate sul sito web dell’Ufficio federale della sanità pubblica. In Ticino sono previste due modalità di accesso alla vaccinazione per i bambini da 5 a 11 anni. Ovvero rivolgendosi al proprio pediatra, se risulta fra quelli che vaccinano nel proprio studio medico (la lista dei 35 studi ticinesi che aderiscono al programma di vaccinazione è consultabile sempre sul sito web www.ti.ch/vaccinazione), oppure al Centro cantonale di Giubiasco, nelle giornate dedicate alla vaccinazione dei bambini da 5 a 11 anni (le prime due sono previste domenica 16 gennaio e domenica 23 gennaio: da subito è possibile prendere appuntamento tramite la piattaforma online). Il Dss ricorda inoltre che ai bambini fra 5 e 11 anni – in base alle indicazioni delle autorità federali – sarà somministrato il vaccino pediatrico prodotto da Pfizer/BioNTech: “Si tratta di un preparato diverso da quello utilizzato negli adulti, che prevede due dosi somministrate a tre settimane di distanza”. Per questo le due domeniche dedicate al centro cantonale di Giubiasco saranno poi ripetute il 6 e il 13 febbraio 2022.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid economia gran consiglio mascherine variante omicron
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved