una-petizione-contro-la-mascherina-alle-elementari
Ti-Press
Una novità che crea discussione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
55 min

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
1 ora

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
1 ora

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
1 ora

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
2 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
2 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
2 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
2 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
3 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
3 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
3 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
Locarnese
3 ore

Colonia diurna estiva di Losone, iscrizione criticata

Il metodo ‘chi prima arriva meglio alloggia’ non è piaciuto alla Lista della sinistra, che chiede di cambiare modalità
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, annullata la cena di solidarietà pro bambini ucraini

All’evento organizzato dall’Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto si è iscritto un numero insufficiente di persone
06.01.2022 - 23:36

Una petizione contro la mascherina alle elementari

La raccolta di firme online ha già raccolto oltre 1’500 adesioni in meno di dieci ore e chiede un passo indietro per le classi prime, seconde e terze

No alla mascherina alle scuole elementari. S’intitola così la petizione online lanciata sul sito www.change.org e che in meno di dieci ore ha già raccolto oltre 1’500 adesioni. La raccolta di firme è accompagnata da un lungo testo, indirizzato al direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport Manuele Bertoli e sostanzialmente chiede di fare un passo indietro per quanto riguarda l’obbligo per gli allievi di prima, seconda e terza elementare di indossare la protezione a partire dal rientro a scuola, lunedì prossimo. Non solo: si chiede anche che l’obbligo già vigente per i ragazzi di quarta e quindi sia altrettanto tolto. Vediamo perché.

Scuola simbolo di normalità

“In primo luogo – si legge –, facciamo presente che tutti noi abbiamo passato gli ultimi due anni tentando faticosamente di mantenere una certa normalità almeno per i nostri figli più piccoli. La Scuola è stata finora una nostra alleata in questo difficile percorso; infatti, sebbene vi fossero innegabilmente alcune differenze rispetto a «prima», i nostri figli potevano trovarvi un luogo di aggregazione privo, almeno per loro, di forti e definitivi simboli riguardanti la pandemia. Con questa ultima decisione, tale alleanza è venuta a cadere. In questo periodo, infatti, si è più volte fatto appello alla solidarietà della comunità al fine di proteggere le fasce più fragili, ma evidentemente la Scuola si è ora dimenticata che, oltre ad anziani e persone a rischio, anche i nostri bambini sono parte integrante della fascia debole della nostra società e in quanto tali meritano protezione”.

Frattura fra Scuola e famiglie

“La sensazione, se non la certezza – continuano gli oppositori –, è che con la recente variante Omicron e la conseguente esplosione dei contagi e di problematiche nonché numerose quarantene, i nostri bambini si vedano assurgere a salvagente del mondo economico, in quanto saranno obbligati a portare la mascherina tutto il giorno con il solo fine di evitare isolamenti di classe che metterebbero in difficoltà le attività professionali in cui operano i genitori, fermo restando che la nuova variante non appare per nulla problematica per la salute dei nostri piccoli. A nostro avviso questa decisione viola gravemente il loro diritto alla tutela che la società tutta deve loro, riducendoli a mero strumento per scopi altri. Da un lato lo Stato, con questa decisione, impone un obbligo che trascina i bambini in un ruolo che non spetta loro, dall’altro, le famiglie rimangono le uniche a tentare di tutelare una normalità per i loro figli. Non neghiamo la nostra profonda delusione nel constatare l’inevitabile frattura che, con questa decisione, si è venuta a creare fra Scuola e famiglie”.

‘Ostacolerà la socializzazione’

E non finisce qui. “Secondariamente, ricordiamo che tutti noi adulti siamo confrontati quotidianamente con la mascherina e sappiamo quanto comprometta la socializzazione e quanto alieni i rapporti fra le persone. In un contesto come la Scuola elementare, in cui l’aspetto socializzante è centrale, la mascherina diviene un vero e proprio ostacolo a un normale scambio fra pari: mimica, espressioni, emotività verranno significativamente compromesse in un’età in cui spesso si sostituiscono ancora al linguaggio verbale. Oltre a ciò, i nostri figli dovranno svolgere anche le attività di educazione fisica indossando la mascherina. Correre, ridere, giocare diverranno attività probabilmente fastidiose, oltre che malsane, il che è una contraddizione in termini. Anche in merito a questi due aspetti, ci chiediamo dove sia la tutela di cui sopra”.

‘Si vogliono modificare le disposizioni per le quarantene’

“Non da ultimo, e basta uscire di casa per accorgersene, sappiamo quanto sia problematico anche per alcuni adulti indossare la mascherina correttamente e non è difficile immaginare che per molti bambini sarà ancor più complesso. A questo punto, ci pare evidente che tale obbligo servirà esclusivamente a poter modificare le disposizioni riguardanti le eventuali quarantene, indipendentemente dal fatto che i bambini possano godere di una reale e maggiore protezione. Concludiamo con un ultimo spunto di riflessione. Lei stesso ha affermato, a mezzo stampa, che i bambini sanno essere recettivi e che accetteranno di buon grado questa «novità». Nessuno di noi mette in dubbio l’innata capacità di adattamento dei nostri figli, ma siamo tutti coscienti che il limite fra manipolazione e vera condivisione è, a volte, estremamente sottile e fragile. Non dimentichiamo che i bambini possono accettare qualunque cosa se imposta da un adulto che sa utilizzare le giuste parole, anche atti terribili. Per questo, è per noi ancor più fondamentale che vi sia una loro tutela a prescindere”.

Leggi anche:

In Ticino mascherina dalla prima elementare ed eventi con il 2G

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
manuele bertoli mascherina scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved