ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
25 min

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
15 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
15 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
16 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
19 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
21 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
04.01.2022 - 12:14
Aggiornamento: 20:58

In Ticino mascherina dalla prima elementare ed eventi con il 2G

Per i grandi eventi sportivi e culturali ci sarà anche l’obbligo della mascherina e di restare seduti, oltre a limitazioni della capienza a due terzi

in-ticino-mascherina-dalla-prima-elementare-ed-eventi-con-il-2g
Ti-Press

Mascherine obbligatorie in classe a partire dalla prima elementare dal 10 gennaio 2022, data di riapertura delle scuole, fino al 25 febbraio 2022 e obbligo di certificato 2G e mascherina per gli spettatori dei grandi eventi sportivi e culturali (con più di mille spettatori), i quali dovranno rimanere seduti al proprio posto e consumare cibi o bevande solo nelle strutture della ristorazione. Il numero massimo di spettatori presenti sarà inoltre limitato ai due terzi della capacità delle strutture: per ridurre gli assembramenti prima e dopo gli eventi, potranno essere occupati solo i posti delle tribune. Queste le misure decise ieri dal Consiglio di Stato, riunito parte in presenza e parte in videoconferenza, per limitare la diffusione della variante Omicron in Ticino.

L’evoluzione della situazione epidemiologica, spiega il governo, “rimane preoccupante”, con un numero di nuovi casi giornalieri molto elevato. E se da un lato, nonostante un aumento dei ricoveri, l’impatto sul settore ospedaliero rimane al momento limitato, il numero molto elevato di isolamenti e quarantene inizia a influenzare alcuni servizi alla popolazione e attività economiche essenziali.

Il governo “ha convenuto che per il momento non sono necessarie misure drastiche, come la chiusura di attività economiche: ha tuttavia introdotto alcuni provvedimenti nei settori che prevedono contatti sociali numerosi e prolungati, come la scuola e i grandi eventi”. Dunque, il porto obbligatorio della mascherina fin dalla prima elementare (notizia già anticipata nella serata di ieri da LiberaTv), e l’uso della regola 2G per i grandi eventi sportivi e culturali, con limitazioni circa il numero massimo di persone e l’uso obbligatorio, anche qui, della mascherina. Disposizioni, queste, che resteranno in vigore fino al 16 gennaio 2022.

Per quanto riguarda le scuole, il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport raccomanda inoltre ai genitori e agli allievi di ogni ordine scolastico di eseguire un autotest il giorno prima del rientro in classe, ovvero domenica 9 gennaio 2022. In caso di positività si dovrà evitare la frequenza scolastica per la prima settimana.

Il Consiglio di Stato “coglie l’occasione per ricordare che restano in vigore tutte le disposizioni federali già note, come l’obbligo del telelavoro e le disposizioni particolari per le attività al chiuso e gli incontri privati” e invita la popolazione “ad assumere comportamenti prudenti, limitando al minimo la frequenza e il numero di contatti sociali, rispettando scrupolosamente le norme di protezione personali (mascherina, distanza, igiene delle mani e arieggiamento dei locali) e facendosi testare al minimo sintomo”.

Leggi anche:

Con Omicron, mascherina in classe dalla prima elementare

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved