ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
12 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
14 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
17 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
20 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
23.12.2021 - 12:18
Aggiornamento: 17:54

Trattative fallite, i driver di Divoora entrano in sciopero

L’azienda non vuole riconoscere il tempo di attesa fra una consegna e l’altra. I dipendenti: ‘Dove sono i nostri diritti? Siamo esseri umani, non schiavi’

trattative-fallite-i-driver-di-divoora-entrano-in-sciopero
Ti-Press

I driver Divoora incrociano le braccia, al grido «la dignità e i diritti non si possono... divorare». In piazza della Riforma a Lugano è stata annunciata oggi una giornata di mobilitazione e di astensione dal lavoro, dopo che le trattative fra dipendenti e sindacati da un lato e azienda dall’altro sono ieri naufragate. Così, i dipendenti si sono riuniti in assemblea e sostenuti dai sindacati Unia e Ocst hanno deciso di entrare in sciopero.

Il caso Divoora è esploso circa due mesi fa, quando ai dipendenti sono stati cambiati i contratti peggiorandone notevolmente le condizioni di lavoro, non riconoscendo in sostanza i tempi di attesa fra una consegna e l’altra. «Ieri purtroppo l’azienda ha rifiutato la richiesta base, ossia il riconoscimento di ogni ora lavorata», ha detto Giangiorgio Gargantini (Unia). La tesi padronale sarebbe che i lavoratori possono rifiutare le ordinazioni: «Non sta né in cielo né in terra». «A fronte del rifiuto dei lavoratori di adattarsi a queste condizioni – ha proseguito il sindacalista – l’azienda sta investendo in targhe ticinesi da apporre sui veicoli per trovare in tal modo lavoratori disposti a essere pagati così poco (il riferimento è ai frontalieri, ndr)». E qualcuno che accetta di essere sottopagato sarebbe già stato trovato: «Abbiamo informazioni di dipendenti assunti con contratti che prevedono doppie condizioni salariali: il minimo per il lavorato e il 20% (ossia 4 franchi, ndr) per i tempi d’attesa».

Sul piede di guerra anche il sindacato Ocst: «Il popolo ha voluto il salario minimo proprio perché ci sono sempre più spesso queste situazioni – ha detto Diana Camenzind –, è ora di dire basta! Queste porcherie in Ticino non le vogliamo più». Toccanti, in questo contesto, anche le testimonianze di due dipendenti scesi in piazza: «Siamo persone semplici che lavorano con dignità, dignità che ci è stata brutalmente tolta con la modifica del contratto che prevedeva 35 centesimi al minuto» ha detto una; «dove sono i nostri diritti? Siamo esseri umani, non schiavi. Siamo arrivati a Natale stanchi e con stipendi miseri» le ha fatto eco un altro.

Gargantini ha precisato che questa è sì una prova di forza, ma che si intende tornare al tavolo delle trattative. Ma a due condizioni: «L’azienda deve mettere nero su bianco una durata minima del lavoro e il riconoscimento dei tempi d’attesa».

Queste, nel dettaglio, le richieste dei dipendenti:

  • il riconoscimento immediato di tutto il tempo di lavoro
  • il pagamento del salario per tutte le ore dei turni effettuate
  • una pianificazione dell’orario di lavoro equa e regolare
  • l’introduzione di un sistema corretto di rimborso spese per l’utilizzo di veicoli privati
  • il riconoscimento del diritto all’indennità di malattia
Leggi anche:

Divoora, i fattorini: ‘Mi porto il telefono anche in bagno’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved