l-assenza-di-condanne-e-requisito-fondamentale-per-i-fiduciari
Archivio Ti-Press
La massima istanza giudiziaria svizzera
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
45 min

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
1 ora

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
1 ora

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
1 ora

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
1 ora

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
1 ora

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
2 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
2 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
2 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
2 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
2 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
2 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
3 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
3 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
laR
 
13.12.2021 - 05:30
Aggiornamento : 16:19

L’assenza di condanne è requisito fondamentale per i fiduciari

Il Tribunale federale conferma una sentenza del Tram ticinese sulla revoca dell’esercizio a un professionista condannato in Italia per frode fiscale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una sentenza estera passata in giudicato può essere un motivo valido per ritirare l’autorizzazione a esercitare la professione di fiduciario commercialista e immobiliare in quanto non adempiva più ai requisiti dell’ottima reputazione e della garanzia di un’attività irreprensibile. Lo ha stabilito la seconda Corte di diritto pubblico del Tribunale federale. La sentenza risale allo scorso primo novembre e riguarda un ex fiduciario luganese condannato in Italia per frode fiscale. Ma andiamo con ordine.

Il professionista in questione ha ottenuto l’autorizzazione a esercitare la professione di fiduciario commercialista e immobiliare nel 1994. Appreso dalla stampa estera di un procedimento penale a suo carico per il reato di frode fiscale, il 17 giugno del 2015 l’autorità cantonale di vigilanza sull’esercizio delle professioni di fiduciario ha aperto nei confronti dello stesso un procedimento amministrativo, invitandolo a esprimersi.

L’uomo aveva spiegato che il procedimento in questione si era concluso anni prima, il 6 ottobre 2007, con “la pronuncia di una sentenza di applicazione della pena su richiesta delle parti”: il termine giuridico italiano per indicare il cosiddetto ‘patteggiamento’. La pena inflittagli ammontava a un anno e sei mesi di reclusione sospesi condizionalmente.

In base alle informazioni ricevute, il 21 ottobre 2015 l’autorità di vigilanza revocava al fiduciario l’autorizzazione a suo tempo rilasciatagli, ordinandogli di cessare subito ogni attività in questo campo. Sul sito della fiduciaria luganese in questione l’uomo risulta ancora attivo in qualità di fiduciario commercialista e immobiliare. A suo tempo l’autorità di vigilanza, giustificando la revoca, rilevava che “egli non rispettava più le condizioni legali per esercitare la professione”. In particolare, “non adempiva più ai requisiti dell’ottima reputazione e della garanzia di un’attività irreprensibile”. Requisiti previsti dall’articolo 8 della legge ticinese del 1° dicembre 2009 sull’esercizio delle professioni di fiduciario”. Normativa cantonale che è stata sì adeguata alle recenti disposizioni federali, ma confermata nello spirito – per quanto riguarda il regime autorizzativo – ancora recentemente dal Gran Consiglio: lo scorso 18 ottobre.

Su ricorso del fiduciario luganese (16 novembre 2015), la decisione di revoca pronunciata dall’autorità cantonale di vigilanza è stata confermata anche dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram) espressosi con sentenza del 7 maggio 2021. L’ex professionista ha impugnato anche quest’ultimo giudizio appellandosi il 9 giugno 2021 al Tribunale federale. In sostanza, sosteneva l’uomo, il patteggiamento concluso con le autorità italiane non avrebbe permesso la pronuncia di una revoca e domandava anche la concessione dell’effetto sospensivo. Il Tram si è invece riferito alle motivazioni e alle conclusioni del proprio giudizio; la conferma dello stesso è stata postulata anche dall’autorità di vigilanza sull’esercizio delle professioni di fiduciario. Dato che il ricorrente aveva continuato a esercitare durante l’intera procedura e la prima istanza non adduceva elementi che dovessero far decidere un cambiamento di questo assetto, fino a quel momento tollerato, con decreto del 28 giugno 2021 la richiesta di concessione dell’effetto sospensivo è stata quindi accolta.

La seconda Corte di diritto pubblico del Tribunale federale, motivando la sua sentenza, ha ricordato che secondo la LFid ticinese “non gode di ottima reputazione, rispettivamente non garantisce un’attività irreprensibile, in particolare che è stato condannato in Svizzera per reati intenzionali contrari alla dignità professionale, negli ultimi dieci anni, a una pena pecuniaria superiore a 180 aliquote giornaliere oppure a una pena detentiva superiore a sei mesi”. Questo vale per analogia nel caso di condanne subite all’estero, per reati contemplati dal diritto svizzero.

Nel ricorso del fiduciario – a questo punto ‘ex’ – si parlava di “errata interpretazione del patteggiamento ex articolo 444 del codice di procedura penale italiano” e di “errato accertamento dei fatti oggetto di causa” e di “errata individuazione dei fatti e dei reati oggetto del patteggiamento”.

Aspetti ritenuti non congrui dal Tribunale federale che ritiene sufficiente il riferimento al diritto estero da parte dell’articolo 8 della LFid ticinese che è ritenuta dalla Corte conforme al diritto federale e al diritto costituzionale e la stessa cosa vale per il diritto italiano richiamato nel ricorso.

‘Un filtro importante contro gli abusivi’

A presiedere l’Autorità di vigilanza sui fiduciari, organo introdotto dalla legge cantonale (la LFid) e indipendente dall’Amministrazione cantonale, è Marco Bertoli. Afferma, interpellato dalla ‘Regione’, l’avvocato ed ex procuratore pubblico: «L’autorità di vigilanza è un filtro importante per cercare di contenere il più possibile i casi di coloro che esercitano abusivamente, dunque senza la necessaria autorizzazione, la professione di fiduciario in Ticino. Casi che danneggiano i clienti e la piazza finanziaria, ma anche la concorrenza. Basti dire che la maggior parte delle segnalazioni che riceviamo arrivano da fiduciari autorizzati ai quali si sono rivolti ex clienti di abusivi».

Leggi anche:

Revisione ok, ma sul futuro della legge fiduciari è dibattito

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autorità vigilanza fiduciari frode fiscale italia tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved