cocaina-scaricata-in-mare-e-recuperata-da-palombari
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
7 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
12 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
14 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
15 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
15 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
24.11.2021 - 20:34
di Marco Marelli

Cocaina scaricata in mare e recuperata da palombari

Così operava la cosca ’ndranghetista Molè, colpita dal recente blitz che ha interessato anche la Svizzera, Ticino compreso

Nulla era lasciato al caso dalla cosca della ’ndrangheta Molè della piana di Gioia Tauro, la cui esistenza, con un ruolo apicale, nel traffico internazionale di cocaina, ha trovato una definitiva conferma con l’operazione Nuova Narcos Europea che - condotta dalla Direzione distrettuale antImafia di Reggio Calabria con il coinvolgimento delle procure antimafia di Milano e Firenze - ha portato, martedì della scorsa settimana, all’arresto di oltre cento persone, di cui un terzo in provincia di Como. Personaggi legati alla storica (per gli innumerevoli precedenti) ’ndrina di Fino Mornasco, che puntualmente troviamo in tutte le più importanti indagini a cavallo tra la Lombardia e il Canton Ticino. Come ’’I fiori della notte di San Vito’’ (1994: 370 arresti, 250 dei quali nel Comasco), ‘’Crimine-Infinito’’ (2003: 150 arresti, di cui quasi un terzo nel Comasco) e ’’Insubria" (2014: 40 arresti, una trentina dei quali di aderenti alle cosche di Cermenate e Fino Mornasco che a lungo hanno operato anche in Ticino nel recupero crediti). Operazioni che avevano confermato come la Lombardia era diventata la quarta regione italiana in fatto di criminalità organizzata. E una ulteriore conferma, casomai fosse stato necessario, è giunta con il blitz della scorsa settimana.

Una retata di presunti ’ndranghetisti (per parecchi di loro si può escludere qualsiasi cautela, essendo già stati condannati per associazione mafiosa) che in materia di traffico di droga, così come sta scritto negli atti degli inquirenti, ha certificato la potenza di fuoco della cosca Molè nel traffico di droga. Soprattutto cocaina che dalla Calabria saliva a ridosso del Canton Ticino, per, superata la frontiera, arrivare nei cantoni Zurigo, San Gallo e Grigioni dove sono finite in manette quattro delle sei persone arrestate a fini estradizionali (le altre due in Ticino). Dalle carte dei magistrati della Dda di Reggio Calabria si apprende che la cosca Molè si avvaleva di una ramificazione internazionale (in Sud America e in OIanda) non solo per approvvigionarsi di ingenti quantitativi di cocaina, ma anche per il successivo recupero in mare dello stupefacente e per la lavorazione dello stesso. Per evitare il rischio di sequestri nel porto di Gioia Tauro in più occasione la cocaina è stata scaricata in mare. Per il recupero della droga la cosca Molè ha assoldato e ospitato a Gioia Tauro tre esperti palombari e due chimici, tutti sudamericani. Tutti identificati e arrestati martedì della scorsa settimana. Una attività quella di palombari e chimici che tra il 2019 e lo scorso anno aveva consentito di recuperare una montagna di polvere bianca, poi però trovata dagli investigatori, i quali, grazie a intercettazioni telefoniche, il 25 marzo 2020 in una masseria di Gioia Tauro avevano rinvenuto 500 chili di cocaina.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cocaina cosca molè
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved