NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
NY Rangers
TOR Leafs
01:30
 
alloggi-a-pigioni-moderate-mozioni-da-respingere
Ti-Press
Mancano appartamenti popolari
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
4 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
5 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
5 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
5 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
5 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
6 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
6 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
7 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
7 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
7 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
7 ore

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
18.11.2021 - 18:500
Aggiornamento : 19:10

Alloggi a pigioni moderate, mozioni da respingere

Commissione sanità e socialità spaccata sul sostegno pubblico per appartamenti accessibili ai bassi redditi

La politica dell’alloggio è stata al centro della riunione della Commissione della sanità e socialità che si è spaccata sul messaggio del Consiglio di Stato che invita a respingere tre mozioni sul tema: due del deputato socialista Raoul Ghisletta e una di Massimiliano Ay (Partito comunista). I tre atti parlamentari chiedono, in estrema sintesi, un intervento pubblico sia nel campo della ristrutturazione del parco immobiliare, sia per incentivare Comuni e altri enti attivi nella politica dell’alloggio a prezzi accessibili per contrastare lo sfitto che da alcuni anni, in alcune regioni del Ticino, è in netta ascesa.

La maggioranza commissionale – il relatore è Giorgio Galusero (Plr) – si allinea alle conclusioni del governo che per ragioni finanziarie, ma anche giuridiche (tutela della proprietà privata e della libertà economica, articoli 26 e 27 della Costituzione federale) e invita il parlamento a respingere le tre mozioni. La prima risale al 2011, ma è stata attribuita alla Commissione solo nel marzo del 2021, chiede il varo di una legge sulla trasformazione e sulla ristrutturazione degli alloggi analoga a quella in vigore nel Cantone di Ginevra: preservare i quartieri con alloggi a prezzi accessibili, proteggere le condizioni di vita degli inquilini con redditi medio-bassi e nel contempo favorire il rinnovo degli alloggi per creare impieghi, con particolare attenzione alle imprese artigianali e alle imprese sociali.

La seconda mozione di Ghisletta, del 2019, chiedeva invece un credito quadro cantonale per sostenere finanziariamente i Comuni e le Organizzazioni di utilità pubblica riconosciute che si attiveranno con iniziative concrete volte a mantenere e ad accrescere il numero di alloggi a prezzi accessibili per i ceti medi e bassi della popolazione. Le basi per questa richiesta erano date dall’incarico dato al governo dal parlamento di elaborare entro la fine del 2011 un piano cantonale a sostegno dell’alloggio a pigione moderata coinvolgendo la Alloggi Ticino Sa e prevedendo aiuti a sostegno delle famiglie con figli e per anziani autosufficienti, sotto forma di aiuti diretti ai beneficiari di prestazioni sociali e Avs/Ai. Nel Piano cantonale, allestito dal governo solo nel 2017, si parla anche dell’istituzione di un Centro di competenza e di crediti (cantonali e comunali) “necessari per far partire le azioni pubbliche a sostegno di realizzazione e di mantenimento di nuovi alloggi a pigione sostenibili esistenti”.

La creazione del Centro di competenza sull’alloggio (CcAll) presso la Supsi, avvenuta nella seconda parte del 2019, non è però definitiva. Un suo consolidamento avverrà in funzione dei risultati della prima fase di attività. A ogni modo, secondo il consiglio di Stato, la richiesta di un credito quadro, come auspicata dalla mozione, potrà essere formulata “non appena saranno individuate misure d’intervento ritenute opportune e adeguate a ridurre eventuali situazioni di squilibrio tra esigenze e offerta, tenendo conto degli aspetti congiunturali e strutturali”. Questo per dire che prima di intervenire, si attendono i meccanismi di correzione del mercato.

‘Non può fare tutto il mercato’

Ed è proprio su questo punto che il rapporto di minoranza di Raoul Ghisletta bacchetta il governo rimproverando per aver atteso di fatto quasi un decennio per non dare seguito alle decisioni prese dal Gran Consiglio nel 2011 in materia di politica dell’alloggio, in particolare per il sostegno alle iniziative di Comuni e Organizzazioni di utilità pubblica riconosciute per cercare di aumentare il numero di alloggi a prezzi moderati.

“Il fatto che vi sia una certa percentuale di alloggi sfitti non significa che vi sia un aumento del numero di alloggi a prezzi accessibili per i ceti medio-bassi della popolazione”, scrive il deputato socialista che ricorda che “chi ha tratto beneficio dalla situazione di eccesso di offerta sul mercato sono gli inquilini con disponibilità economiche medio-superiori, che godono di una facoltà di scelta dell’alloggio più ampia e con canoni più vantaggiosi: in particolare si tratta di alloggi nuovi nel Luganese e Mendrisiotto”. Questi inquilini, si spiega, lasciano appartamenti datati e meno interessanti dal punto di vista del rapporto qualità/prezzo. Appartamenti che rimangono vuoti più a lungo, vista la scarsa immigrazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved