HANFMANN Y. (GER)
NADAL R. (ESP)
04:15
 
PHI Flyers
3
NY Islanders
2
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 1-0)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
2. tempo
(1-5 : 0-0)
WAS Capitals
3
WIN Jets
2
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
2
3. tempo
(0-1 : 1-0 : 0-1)
NAS Predators
1
VAN Canucks
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
DAL Stars
0
MON Canadiens
0
1. tempo
(0-0)
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
contrordine-ps-sul-pareggio-sirica-difende-la-scelta
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
6 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
6 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
7 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
8 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
8 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
8 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
8 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
8 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
8 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
9 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
9 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
01.11.2021 - 19:220
Aggiornamento : 22:28

‘Contrordine’ Ps sul pareggio, Sirica difende la scelta

Il partito non aveva lanciato il referendum contro il via libera all’iniziativa Morisoli, ma ora sostiene la raccolta firme avviata dalla Vpod

a cura de laRegione

Il Partito socialista ticinese sosterrà il referendum contro il pareggio del bilancio cantonale entro il 2025 lanciato dalla Vpod, sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari. Questo nonostante lo stesso Ps avesse rinunciato a lanciare da sé la raccolta firme: «Non è strategico chiamare un referendum su questa modifica di legge prettamente declamatoria», aveva detto in assemblea il copresidente Fabrizio Sirica subito dopo il via libera all’iniziativa da parte del Gran Consiglio.

Contrordine, compagni? Per Sirica «in realtà, la nostra non è mai stata un’opposizione pregiudiziale alla via referendaria. Quella che abbiamo cercato di sottolineare in assemblea è stata la necessità di portare il tema tra la gente partendo dagli aspetti concreti, dalle ricadute immediate dei tagli sociali per la popolazione, mobilitando istituti e persone che potranno essere direttamente toccati. Per questo ritenevamo che dovessero essere esponenti della società civile – sindacati, realtà dell’associazionismo e così via – e non i partiti a guidare lo sforzo referendario».

Qualcuno potrebbe scorgere nella tattica socialista il vecchio ‘vai avanti tu che mi vien da ridere’, ma il copresidente la vede diversamente: «Niente affatto, semmai così si evita che tutto si riduca a una discussione astratta e declamatoria su tasse e spese. Lo avevo già chiesto una decina di giorni prima del voto in Gran Consiglio alla Vpod; ora che ha avviato la raccolta firme, saremo ben contenti di supportarne lo sforzo con una quota di duemila firme» (ne servono 7mila entro il 20 dicembre per andare al voto).

A dirla tutta il segretario cantonale Vpod Raoul Ghisletta – a sua volta granconsigliere socialista e consigliere comunale a Lugano – ci aveva spiegato così la sua scelta la settimana scorsa, leggendo diversamente le titubanze di Ps e Verdi: «Avremmo preferito che fosse la politica, o meglio l’area progressista a muoversi per prima e noi avremmo seguito e appoggiato». Ora comunque Ghisletta smorza le polemiche e si dice ad ogni modo soddisfatto di un fronte che si allarga, oltre che al Ps, anche a ForumAlternativo, Partito comunista, Partito operaio e popolare e Sindacato indipendente studenti e apprendisti. E sul ‘suo’ Ps aggiunge: «Salutiamo positivamente la scelta. A questo punto i giochi restano aperti e ci auguriamo una massima adesione da parte di tutte le forze progressiste». L’allusione è chiara: resterà infatti da vedere se anche i Verdi – che a loro volta avevano evitato di fare da apripista nel lancio – saranno della partita (aggiornamento: anche i Verdi hanno confermato la loro adesione in serata).

Ma come mai tanta titubanza da parte del maggiore partito della sinistra ticinese? Adriano Venuti, vicepresidente e sostenitore della prima ora del referendum, lo spiega così: «Il partito era preoccupato dalla difficoltà di raccogliere forze organizzative e militanti sufficienti dato l’impegno concomitante sul fronte dell’iniziativa in difesa del salario minimo» (lanciata appunto dal Ps. Obiettivo: eliminare tutte le deroghe e aumentare il montante da 19 ad almeno 21,5 franchi orari). Venuti precisa comunque che «naturalmente ora siamo pronti a seguire i passi della Vpod».

Morale della favola, il Ps mobilita i suoi ranghi rispolverando toni più decisi: “Fermare questo ennesimo assalto al servizio pubblico è per noi socialisti un atto necessario: questo è il momento del rilancio economico, non dell’austerità”, si legge nel comunicato diffuso sabato. L’iniziativa del capogruppo Udc Sergio Morisoli approvata dal Gran Consiglio prevede il pareggio del conto economico cantonale entro il 31 dicembre 2025, agendo ‘prioritariamente’ sulle spese e dunque evitando l’introduzione di nuove tasse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved