ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
32 min

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
32 min

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
48 min

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
1 ora

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
3 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
3 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
9 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
12 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
12 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
13 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
13 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
13 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
01.11.2021 - 19:22
Aggiornamento: 22:28

‘Contrordine’ Ps sul pareggio, Sirica difende la scelta

Il partito non aveva lanciato il referendum contro il via libera all’iniziativa Morisoli, ma ora sostiene la raccolta firme avviata dalla Vpod

contrordine-ps-sul-pareggio-sirica-difende-la-scelta
(Ti-Press)

Il Partito socialista ticinese sosterrà il referendum contro il pareggio del bilancio cantonale entro il 2025 lanciato dalla Vpod, sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari. Questo nonostante lo stesso Ps avesse rinunciato a lanciare da sé la raccolta firme: «Non è strategico chiamare un referendum su questa modifica di legge prettamente declamatoria», aveva detto in assemblea il copresidente Fabrizio Sirica subito dopo il via libera all’iniziativa da parte del Gran Consiglio.

Contrordine, compagni? Per Sirica «in realtà, la nostra non è mai stata un’opposizione pregiudiziale alla via referendaria. Quella che abbiamo cercato di sottolineare in assemblea è stata la necessità di portare il tema tra la gente partendo dagli aspetti concreti, dalle ricadute immediate dei tagli sociali per la popolazione, mobilitando istituti e persone che potranno essere direttamente toccati. Per questo ritenevamo che dovessero essere esponenti della società civile – sindacati, realtà dell’associazionismo e così via – e non i partiti a guidare lo sforzo referendario».

Qualcuno potrebbe scorgere nella tattica socialista il vecchio ‘vai avanti tu che mi vien da ridere’, ma il copresidente la vede diversamente: «Niente affatto, semmai così si evita che tutto si riduca a una discussione astratta e declamatoria su tasse e spese. Lo avevo già chiesto una decina di giorni prima del voto in Gran Consiglio alla Vpod; ora che ha avviato la raccolta firme, saremo ben contenti di supportarne lo sforzo con una quota di duemila firme» (ne servono 7mila entro il 20 dicembre per andare al voto).

A dirla tutta il segretario cantonale Vpod Raoul Ghisletta – a sua volta granconsigliere socialista e consigliere comunale a Lugano – ci aveva spiegato così la sua scelta la settimana scorsa, leggendo diversamente le titubanze di Ps e Verdi: «Avremmo preferito che fosse la politica, o meglio l’area progressista a muoversi per prima e noi avremmo seguito e appoggiato». Ora comunque Ghisletta smorza le polemiche e si dice ad ogni modo soddisfatto di un fronte che si allarga, oltre che al Ps, anche a ForumAlternativo, Partito comunista, Partito operaio e popolare e Sindacato indipendente studenti e apprendisti. E sul ‘suo’ Ps aggiunge: «Salutiamo positivamente la scelta. A questo punto i giochi restano aperti e ci auguriamo una massima adesione da parte di tutte le forze progressiste». L’allusione è chiara: resterà infatti da vedere se anche i Verdi – che a loro volta avevano evitato di fare da apripista nel lancio – saranno della partita (aggiornamento: anche i Verdi hanno confermato la loro adesione in serata).

Ma come mai tanta titubanza da parte del maggiore partito della sinistra ticinese? Adriano Venuti, vicepresidente e sostenitore della prima ora del referendum, lo spiega così: «Il partito era preoccupato dalla difficoltà di raccogliere forze organizzative e militanti sufficienti dato l’impegno concomitante sul fronte dell’iniziativa in difesa del salario minimo» (lanciata appunto dal Ps. Obiettivo: eliminare tutte le deroghe e aumentare il montante da 19 ad almeno 21,5 franchi orari). Venuti precisa comunque che «naturalmente ora siamo pronti a seguire i passi della Vpod».

Morale della favola, il Ps mobilita i suoi ranghi rispolverando toni più decisi: “Fermare questo ennesimo assalto al servizio pubblico è per noi socialisti un atto necessario: questo è il momento del rilancio economico, non dell’austerità”, si legge nel comunicato diffuso sabato. L’iniziativa del capogruppo Udc Sergio Morisoli approvata dal Gran Consiglio prevede il pareggio del conto economico cantonale entro il 31 dicembre 2025, agendo ‘prioritariamente’ sulle spese e dunque evitando l’introduzione di nuove tasse.

Leggi anche:

Pareggio di bilancio, al referendum ci pensa la Vpod

Verdi, niente referendum contro il decreto taglia spese

Conti in pareggio, anche i Verdi al referendum

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved