fonio-basta-i-dipendenti-pubblici-non-sono-capri-espiatori
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 min

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
44 min

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
55 min

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
55 min

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
1 ora

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
2 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
7 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
7 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
7 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
7 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
12 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
14 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
14 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
16 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Ticino
 
28.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 09:23

Fonio: ‘Basta, i dipendenti pubblici non sono capri espiatori’

Il sindacalista Ocst e deputato Ppd torna sull‘iniziativa Udc votata dal parlamento e i tagli all’orizzonte: ’Ci rimettono sempre loro e la socialità’

«È davvero svilente quanto successo, perché fa passare l’immagine sbagliata del dipendente pubblico come un elemento di costo, un mero capro espiatorio». È passata una settimana da quando il Gran Consiglio ha dato il via libera all’iniziativa parlamentare Udc che impone di avere i conti in pari entro il 2025 agendo, grazie all’emendamento del Plr, ‘prioritariamente’ sulla spesa anziché ‘esclusivamente’. Ma sempre di quello si parla. Si taglierà. Sbagliato, per alcuni. Unica alternativa all’aumento generalizzato delle imposte, per altri. In aula era presente anche il deputato Ppd e responsabile settore pubblico dell’Ocst Giorgio Fonio, sindacalista cristiano sociale che «già dal giorno dopo» ha raccolto «più di qualche malessere presso i dipendenti. La situazione è preoccupante».

Per chi, soprattutto?

All’interno dell’Amministrazione cantonale ci sono tensione e preoccupazione. Ormai viene dato per scontato il meccanismo per cui ogni volta che c’è un problema nei conti dello Stato si fanno passare i dipendenti pubblici alla cassa, attuando misure di risparmio continue. Pensando siano lì a far niente. Invece rappresentano lo Stato, e se vogliamo uno Stato efficiente, che aiuti i cittadini e che risponda alle esigenze della popolazione abbiamo bisogno evidentemente anche di dipendenti motivati e valorizzati. Non dimentichiamoci che tra il 1993 e il 2009 si sono contate 134 misure di risparmio sui dipendenti, tra cui blocco degli scatti e alle promozioni, il contributo al risanamento delle casse dello Stato e molto altro. Misure che al di là del sovraccaricare il servizio tolgono anche prestazioni ai cittadini.

Le misure però non riguarderebbero solo i dipendenti pubblici, ma la socialità in generale.

Certo, perché è un discorso a catena. Rischiano di trovarsi sotto pressione anche i vari istituti sociali che si impegnano sul territorio, così come le strutture sociosanitarie che da anni sono in difficoltà e richiedono a gran voce maggiori risorse. Oggi siamo in un momento di estrema difficoltà, dove le fasce più fragili della popolazione rischiano di essere ulteriormente penalizzate. Io mi sono opposto a tutta la misura, con i due colleghi dell’Ocst in parlamento Isabella e Jelmini abbiamo votato contro pure all’entrata in materia. Come contromisura a sostegno di queste fasce posso citare solo l’emendamento del Ppd.

Partito, il suo, che è stato accusato di aver proposto quell’emendamento per mero dipartimentalismo visto che a reggere il Dipartimento sanità e socialità è il vostro consigliere di Stato Raffaele De Rosa. Come reagisce?

Ciò che lei riferisce è stato fatto credere in maniera molto strumentale da qualcuno, e se vogliamo essere davvero obiettivi non dobbiamo dimenticare che quello popolare democratico era l’unico emendamento che andava in maniera concreta a salvaguardare le fasce più fragili della popolazione chiedendo che i tagli non toccassero la socialità. Tante volte è sconfortante rimanere da soli, ma vedere la compattezza del gruppo di cui faccio parte e la fierezza con la quale è stata difesa la parte più fragile della società dà morale, così come il fatto che si siano espressi chiaramente sia il presidente cantonale Dadò sia il capogruppo Agustoni.

Quanto successo ormai è il passato. La sinistra ha deciso di non raccogliere le firme, voi dell’Ocst come affronterete il domani? Un referendum, opposizione attiva sui possibili tagli, scenderete in piazza?

Per prima cosa ricordo che siamo abituati a doverci rimboccare le maniche e difendere con altri strumenti determinate decisioni politiche. Lo abbiamo fatto ad esempio quando abbiamo combattuto la revisione della legge contro la disoccupazione, eravamo fuori a raccogliere le firme, dicevamo che sarebbe stato un disastro e molti ci ridevano in faccia. Oggi vediamo le conseguenze di quella riforma che ha travasato persone dalla disoccupazione all’assistenza. Quello che non si può fare nelle aule della politica va fatto nelle piazze.

Nelle piazze dice, quindi con manifestazioni o anche referendum? Perché sul lato referendum il Ps per ora non darà sponde, ma in futuro forse sì.

La scelta del Ps è una loro scelta e non tocca al sottoscritto commentarla. Uno degli elementi che porteremo in parlamento sarà, assolutamente, quello di vigilare con totale attenzione su tutte le proposte che arriveranno per concretizzare questa iniziativa. Già all’interno dell’aula il lavoro sarà attentissimo per evitare di peggiorare le condizioni delle persone, che siano servizi, prestazioni o posti di lavoro. Successivamente, dove non si riuscisse in aula, la democrazia diretta offre tutti gli strumenti per contrastare alcune decisioni ritenute sbagliate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved