Inter
1
Venezia
1
1. tempo
(1-1)
Zugo
Langnau
19:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
GCK Lions
1
Olten
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-0)
Visp
2
Ticino Rockets
1
2. tempo
(0-0 : 2-1)
La Chaux de Fonds
Zugo Academy
19:00
 
Kloten
Sierre
19:45
 
BUF Sabres
PHI Flyers
19:00
 
nomine-in-magistratura-aldi-lega-si-rispettino-le-regole
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
13 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
13 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
21 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
22 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
23 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
23 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 gior

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 gior

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 gior

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 gior

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 gior

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
1 gior

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
1 gior

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
1 gior

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
25.10.2021 - 19:430

Nomine in magistratura, Aldi (Lega): ‘Si rispettino le regole’

La presidente della commissione Giustizia stigmatizza il tirar giacchette da parte di alcuni candidati a un posto. E sulla procedura: ‘Funziona, però...’

Proceduto da parte della commissione ‘Giustizia e diritti’ alla firma dei rapporti sulle nuove nomine in magistratura, la palla ora è nel campo del Gran Consiglio quindi. Che sarà chiamato a scrivere la parola fine su una tornata di nomine che, pur non avendo raggiunto le ‘cime abissali’ del rinnovo decennale delle cariche dell’anno scorso, nei corridoi e dentro i partiti ha fatto discutere molto. A partire da Lipari, nome difeso dall’inizio alla fine da parte del Ps ma che nella graduatoria stilata dalla Commissione di esperti era parecchio dietro rispetto a Samuele Scarpelli, altro nome in quota Ps. C’è il timore che dal plenum del Gran Consiglio arrivi uno sgambetto? «In commissione vengono fatti molti ragionamenti e approfondimenti sui nomi, i curriculum e le esperienze - risponde alla ‘Regione’ la presidente della ‘Giustizia e diritti’ Sabrina Aldi (Lega) -, dibattendo magari in modo un po’ duro ma di regola si arriva ad approvare un nome che sia quantomeno condiviso da una buona maggioranza». Il problema, però, «sta nel fatto che dopo non sempre i colleghi parlamentari seguono le indicazioni della commissione - riprende Aldi -. Perché da un lato non seguono direttamente le discussioni, senza sapere tutti gli antefatti e il dibattito che hanno portato a una determinata scelta, soprattutto chi non facendo gruppo non è rappresentato in commissione, e dall’altro lato perché c’è il voto segreto». Insomma, «non necessariamente firmare un rapporto significa avere il gruppo parlamentare che segue a ruota». Un problema che mette in luce eventuali limiti dell’attuale sistema di nomina? «Questo sistema non è completamente sbagliato - afferma la presidente della ‘Giustizia e diritti’ -, a patto che però vengano rispettate alcune regole». Quello che per Aldi è «sbagliato» in questo tipo di procedura, «è che ci sia un rincorrere i singoli deputati da parte di alcuni candidati che tirano loro le giacchette, non va per niente bene. Adesso vedremo cosa succederà l’8 novembre in Gran Consiglio, ma è chiaro che la commissione è stata già smentita in diverse occasioni e questo pone diversi problemi». Perché «si avverte un po’ di sfiducia. Se una commissione lavora in un certo modo e arriva a raggiungere degli equilibri il rimettere tutto in discussione nel plenum del parlamento crea un clima che non si può certo definire positivo».

Come uscirne? Per Aldi «bisogna partire dal presupposto che è importante, fondamentale avere una rappresentanza di tutte le parti politiche in seno alla magistratura. Senza fare i farmacisti, ma con le percentuali più simili possibili a quella che è l’espressione della nostra società, che ne sia un riflesso». E quindi, «o c’è un’applicazione stretta, benché con tutte le sfumature del caso, del manuale Cencelli o l’altro sistema possibile, ritengo, è la nomina popolare». Cavallo di battaglia leghista da tempo immemore, per Aldi non sarebbe una rivoluzione copernicana, anzi: «I giudici di pace sono già eletti dal popolo, se si può eleggere un ministro si può eleggere pure un procuratore». Questa è la posizione della Lega e non ci piove, ma quella della commissione? «Nell’ambito del mandato che ci ha dato il Gran Consiglio dobbiamo rivedere e ridiscutere alcune cose, per capire quali correttivi apportare per avere un sistema il più trasparente possibile, con regole del gioco chiare e finalità ben definite. Poi, altrettanto chiaro, sta anche alla disciplina dei granconsiglieri dare seguito al tutto». Questo in generale, poi nello specifico Aldi sottolinea che «prima o poi, piuttosto prima che poi, la ‘Giustizia e diritti’ si dovrebbe dotare di un regolamento per fare in modo che i candidati sappiano quali sono i diritti dinnanzi alla commissione: è fondamentale che un candidato sappia quali diritti ha o non ha, dobbiamo fare un passo per colmare questa mancanza».

Camera di protezione, Bozzini interessato alla presidenza

La commissione ‘Giustizia e diritti’ sarà tra non molto alle prese con una nuova tornata di nomine. Per il 9 novembre è prevista l’uscita del bando di concorso per la successione al Ministero pubblico di Arturo Garzoni, procuratore capo. Di area Plr, eletto pp nel dicembre 2000 ed entrato in carica l’anno successivo, Garzoni ha infatti rassegnato le dimissioni dalla magistratura per fine maggio 2022. E sempre alla fine di maggio del prossimo anno lascerà il Palazzo di giustizia anche Franco Lardelli: 65 anni compiuti lo scorso mese, di area Ppd, è dal 1990 in magistratura. Il giudice d’Appello è attualmente alla testa della Camera di protezione, chiamata a deliberare sui ricorsi contro le decisioni delle Autorità regionali di protezione, sulle quali esercita anche la vigilanza.

Nel frattempo il giudice Damiano Bozzini, di area Ps, ha manifestato interesse, esercitando il cosiddetto diritto di opzione, ad assumere la funzione di presidente della Camera di protezione, della quale è già oggi vice. L’ultima parola spetterà al plenum dei giudici del Tribunale d’appello. Se Bozzini assumerà la guida della Camera di protezione, si libererebbe la funzione di vicepresidente della Seconda Camera civile, anche questa ricoperta dal magistrato. La commissione parlamentare fisserà la data della pubblicazione del concorso per la sostituzione di Lardelli quando saprà a quale delle Camere del Tribunale verrà attribuito prioritariamente il giudice da eleggere.

Oggi in seno alla ‘Giustizia e diritti’ c’è stata pure l’audizione della direttrice della Divisione giustizia (Dipartimento istituzioni). Frida Andreotti ha aggiornato sui dossier su cui sta lavorando la Divisione. Andreotti ha quindi indicato i progetti di messaggi e le risposte ad atti parlamentari pendenti in materia di giustizia. Cristoforo Piattini, dello staff Divisione giustizia, ha a sua volta aggiornato la commissione sulla riforma delle autorità di protezione (istituzione delle Preture di protezione), di cui è capoprogetto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved