svolta-energetica-i-comuni-sono-partner-fondamentali
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
5 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
7 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
7 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
16 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
18 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
19 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
21.10.2021 - 18:01
Aggiornamento: 26.03.2022 - 15:44

Svolta energetica: ‘I Comuni sono partner fondamentali’

Per raggiungere gli obiettivi della strategia della Confederazione le azioni possibili sono molte

«I Comuni sono dei partner fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi della strategia energetica 2050 della Confederazione», afferma Michela Sormani di Enermi, azienda che offre consulenza ai Comuni che mirano ad attuare una politica energetica sostenibile. Città e paesi sono «gli enti pubblici più vicini ai cittadini, che facilmente possono creare le condizioni quadro favorevoli per l’adozione di comportamenti o misure che puntino al traguardo auspicato dalla Svizzera». Durante l’incontro organizzato da ‘SvizzeraEnergia per i Comuni’ sono stati presentati i programmi esistenti a cui possono aderire gli enti. Tra questi c’è ‘Società a 2000 watt’. «Ci sono due scadenze temporali: il 2030 e il 2050», illustra Antonella Realini di Enermi. «Questi obiettivi toccano l’energia primaria, le emissioni di gas serra e la percentuale di energie rinnovabili nel consumo finale. Entro il 2030 si vuole ridurre l’energia primaria a 3mila watt per abitante, per arrivare nel 2050 a duemila». Nel 2018 il consumo medio di energia in Svizzera era di 4’500 watt.

Percorsi personalizzati

Aderendo al programma i Comuni possono «definire il proprio percorso di riduzione conforme a quello svizzero», dice Sormani. Si tratta di tracciati personalizzati in quanto ogni territorio ha le sue particolarità: «Quelli caratterizzati da una prevalenza di case o residenze partiranno da un valore di consumo per abitante inferiore alla media, quello che ha tantissime industrie partirà da un punto più alto. L’importante è che tutti arrivino a raggiungere gli stessi obiettivi percentuali di riduzione in modo che la Svizzera in media raggiunga il suo obiettivo di watt ed emissioni entro il 2050». A cosa bisogna prestare attenzione per essere una società più sostenibile? Le azioni possibili sono molte, tra cui «non installare riscaldamenti a energia fossile, utilizzare esclusivamente elettricità proveniente da fonti rinnovabili e acquistare alimenti della regione».

Mobilità, efficienza e industria responsabili del 74% dei consumi

«SvizzeraEnergia – su mandato della Confederazione – promuove le misure libere e volontarie che permettono di raggiungere gli obiettivi nazionali», spiega Belinda Tria dell’Ufficio federale dell’energia. «Il programma ha tre campi d’azione prioritari: questi settori sono responsabili del 74 per cento del consumo finale in Svizzera. Il primo comprende l’efficienza energetica degli edifici e le energie rinnovabili per le economie domestiche, il secondo la mobilità privata e delle aziende e il terzo gli impianti e i processi nell’industria e nei servizi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved