Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
0
Basilea
1
1. tempo
(0-1)
Losanna
0
Servette
0
1. tempo
(0-0)
Milan
1
Sassuolo
3
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
4
1. tempo
(0-4)
Olten
Ticino Rockets
17:30
 
Langenthal
Kloten
17:30
 
i-salari-sono-fondamentali-si-ma-non-e-stato-l-unico-tema
Ti-Press
Arrivi e partenze
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 min

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del sì
Bellinzonese
29 min

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
37 min

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
59 min

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
1 ora

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
1 ora

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
1 ora

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
1 ora

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
1 ora

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Ticino
1 ora

In Ticino 65,3% di Sì alla Legge Covid, solo 3 comuni per il No

Il 56,1% dei ticinesi ha inoltre approvato l’iniziativa sulle cure infermieristiche. No al 63,4% all’iniziativa Giustizia, con soli due comuni favorevoli
Luganese
2 ore

Lugano dice ‘sì’ al Polo sportivo e degli eventi (Pse)

A votare a favore della realizzazione dell’opera quasi il 57% degli elettori luganesi. Partecipazione del 62,52% degli elettori
Luganese
2 ore

Il pugilato tra suoni e parole

Incontro pubblico martedì nella Biblioteca cantonale di Lugano
Luganese
3 ore

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni
Locarnese
5 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo al docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Ticino
13.10.2021 - 18:400

‘I salari sono fondamentali’. ‘Sì, ma non è stato l’unico tema’

Dopo l’incontro a Friburgo tra alcuni studenti ticinesi e una delegazione del Gran Consiglio, la delusione di un partecipante e la replica dei deputati

«Quando ho letto l’intervista che vi ha rilasciato il presidente del Gran Consiglio Nicola Pini per raccontare l’incontro che ha avuto con noi studenti a Friburgo sono rimasto di stucco». Di più: «Leggendo le risposte mi son chiesto se non ha capito ciò che gli abbiamo detto, o ha omesso alcune parti». E scandisce: «Eravamo una trentina noi ragazze e ragazzi, la maggior parte di coloro che hanno preso la parola, me compreso, ha parlato del problema dei salari bassi che vengono offerti ai giovani laureati e generalmente in Ticino. Pini non ne ha fatto una diretta menzione, e la trovo davvero una questione di onestà intellettuale chiedere perché». Matteo ha 25 anni, e l’incontro che ha avuto a Friburgo, dove studia Pedagogia curativa e educazione specializzata, lo considerava «davvero importante». Al punto da chiedersi «come mai un tema così importante per noi giovani, ma non solo, è stato derubricato alla frase che tra le nostre preoccupazioni ci sarebbe anche “evidentemente l’offerta di posti di lavoro all’altezza delle loro aspettative”: una considerazione largamente insufficiente rispetto a quanto emerso». Il motivo è presto detto. Per Matteo «il problema non è solo di posti di lavoro, ma come questi vengono remunerati. È venuto fuori da più e più voci differenti ma non è stato detto nelle risposte che vi ha dato».

Da noi raggiunto per una replica, il presidente del parlamento Nicola Pini si dice «contento che ci sia questo dialogo franco e aperto, anche frutto di percezioni diverse a fronte dei tantissimi temi che abbiamo trattato in così poco tempo». E sul concreto la replica è netta: «Non è assolutamente mia intenzione negare l’importanza del salario. Io da voi intervistato ho parlato chiaramente di “offerta di posti di lavoro all’altezza delle aspettative”, e in questo concetto mi sembra scontato ci sia non solo il fatto di trovare un lavoro adeguato ai loro studi, ma anche il rimarcare l’importanza di un salario dignitoso anche quando si pensa alla qualità della vita delle persone, giovani e non solo». Per sintesi non è stato quindi fatto espressamente riferimento ai salari? «Evidentemente: per posti di lavoro di qualità cosa si intende altrimenti?», risponde Pini. Che aggiunge: «Quello dei posti di lavoro, e della relativa retribuzione, è un tema prioritario, che ho pure citato nel mio intervento introduttivo dell’incontro, ma che non è assolutamente l’unico, né il principale, che è emerso. Molti ragazzi hanno parlato di mobilità, problemi per chi abita nelle valli, accesso alla cultura, biblioteche, qualità della formazione in Ticino, valore dei diplomi e tanto altro ancora». Per questo – annota Pini – abbiamo promosso altre occasioni di incontro, come la prossima a Bellinzona, dove potremo approfondire questi e altri temi con più tempo a disposizione». Ad avere avuto la stessa impressione – sia in merito all’incontro, sia a come è stato riportato da Pini al nostro giornale – sono anche le deputate Gina La Mantia (Ps) e Cristina Gardenghi (Verdi), presenti all’incontro.

«Il tema dei salari a noi interessa e ci sta a cuore, ma non è stato affatto l’unico tema in discussione», sottolinea il deputato leghista Stefano Tonini, anche lui nella delegazione del Gran Consiglio. «Durante la nostra riunione si è parlato anche di trasporto pubblico, dell’Usi, della Supsi, di quanto stiamo facendo per dare la possibilità ai ticinesi di rimanere in Ticino». L’incontro per Tonini è stato «costruttivo e positivo. Ho pochi anni più di loro, sono in Gran Consiglio e cerco di portare anche la loro voce. Il salario è un fattore di preoccupazione, certo. Ma non è che ci hanno detto tutti che non torneranno per questioni di salari: ci sono anche altri motivi come scelte di vita, come trovarsi meglio in una città piuttosto che in un’altra e mille altri fattori».

Lo riconosce Matteo, lo studente ticinese a Friburgo: «Il trasporto pubblico è un grande tema, perché le valli e alcuni comuni del Sopraceneri non hanno ancora un buon collegamento. Anche la scarsità di offerte culturali per noi giovani è un problema e lo abbiamo indicato, perché vorremmo tanto andare al Lac più spesso per esempio, ma con quei prezzi proibitivi – e torniamo al tema salari – non possiamo permettercelo». In più, conclude lo studente, «la questione delle biblioteche è essenziale. Il nostro lavoro adesso è studiare, la speranza è di non trovare più le biblioteche chiuse il sabato pomeriggio e la domenica o, in alcune occasioni, all’ora di pranzo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved