preventivo-22-ogni-partito-ha-la-sua-via-per-il-risanamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
5 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
7 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
7 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
16 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
18 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
19 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
laR
 
30.09.2021 - 17:30
Aggiornamento: 20:14

Preventivo ’22, ogni partito ha la sua via per il risanamento

Gianella (Plr): ‘Un altro approccio’. Guerra (Lega): ‘Tirare la cinghia’. Agustoni (Ppd): ‘No ad aumento delle imposte’. Durisch (Ps): ‘Cambiare registro’

«Ogni partito ha la sua visione del Paese, ed è sempre interessante confrontarsi. Ma a un certo punto la lista dei desideri di ognuno deve diventare una lista condivisa perché, sennò, l’impegno di riequilibrare le finanze entro il 2025 non sarà mantenuto». La capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella accoglie il Preventivo 2022 presentato oggi (con 135 milioni di disavanzo) volgendo già lo sguardo al futuro: «Serve un serio cambio di approccio, a partire dalla Commissione della gestione. Sul come analizzare i messaggi correnti, ma soprattutto dovremmo iniziare a dedicare più tempo per discutere, dibattere e trovare un punto d’incontro su elementi condivisi: tutto questo non è mai stato fatto». L’auspicio di Gianella è «che dalle prossime riunioni si cominci a entrare in una visione di Paese vera, non si deve più limitarsi al dire di farlo ma prendersi il tempo, e l’impegno, di farlo». Anche perché se la politica a volte è lenta, «queste cifre mostrano che c’è una resilienza dell’economia ticinese, la crisi la stiamo accogliendo un po’ meglio del previsto. La politica faccia la sua parte».

Guerra: ‘Non tagli draconiani, ma spalmare un margine di risparmio’

Per il leghista Michele Guerra «l’attuale situazione finanziaria è sotto stretto monitoraggio, ormai da due anni, della nostra Sottocommissione finanze. Ed è una situazione gravemente compromessa e fuori controllo, che prevede deficit ricorrenti di 200 milioni l’anno per i prossimi anni e l’aumento del debito pubblico di un miliardo di franchi». Fortunatamente, continua, «dal 2015 al 2019 abbiamo condotto un importante risanamento dei conti che ci ha permesso di presentarci alla pandemia più robusti: ma la situazione rimane gravemente compromessa e richiede un intervento». Per uscirne «come sempre, le possibilità sono due. Una da noi non condivisa, l’aumento di tasse e imposte, cioè scaricare sul cittadino già tartassato il peso economico della pandemia. Una da noi condivisa, cioè ridurre le uscite». Questo, sottolinea Guerra, «non significa però fare tagli draconiani e smantellamenti, ma fare ciò che farebbe qualsiasi famiglia in difficoltà: tirare la cinghia». In sostanza, «spalmare su tutto il bilancio pubblico e i Dipartimenti un margine di risparmio che noi riteniamo esista». Ma, conclude il deputato leghista, «Attenzione! Non dovessimo farlo oggi, tra due o tre anni il governo a furia di accumulare perdite si troverebbe obbligato ad aumentare a tutti tasse e imposte. E questo noi vogliamo evitarlo come la peste».

Agustoni: ‘Parliamo comunque del 3% del bilancio...’

Quello presentato oggi dal Consiglio di Stato per il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni è «un Preventivo di transizione, ma non si capisce verso cosa si stia transitando perché dal governo non c’è un’indicazione politica su come pensano di riequilibrare i conti. Questo è l’ultimo anno in cui si possono lasciare così le cose, già se nel 2023 avessimo un Preventivo simile saremmo costretti ad aumentare le imposte e noi abbiamo già ribadito la nostra contrarietà a far pagare alla popolazione l’incapacità di riequilibrare i conti». Ad ogni modo, Agustoni osserva che «se le cifre sono queste, rientrare non sarà un esercizio particolarmente drastico: il bilancio del Cantone è di 4mila milioni di franchi, 135 sono qualcosa attorno al 3%. Con un impegno forte da parte di chi è interessato a mettere a posto i conti, si può raggiungere l’obiettivo senza danneggiare le fasce deboli o farlo generalmente pagare alla popolazione».

Durisch: ‘La ricetta non è il blocco delle spese’

Il capogruppo socialista Ivo Durisch annota dal canto suo che «la nostra ricetta non è sicuramente un blocco delle spese, perché inciderebbe soprattutto su quella sociosanitaria e non lo accetteremmo». Ciò detto, per Durisch «bisogna smettere di rincorrere l’attrattività fiscale e cominciare a diventare attrattivi per famiglie e giovani, con servizi e prestazioni adeguati, una politica familiare seria e creare posti di lavoro per i giovani ben retribuiti e con opportunità di crescita». In questo modo, «a medio termine possiamo anche risanare le finanze del Cantone, abbandonando il miraggio che i nuovi contribuenti facoltosi ci risolvano problemi che la politica della maggioranza del Gran Consiglio ha creato da sola».

Leggi anche:

135,3 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2022

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio partiti preventivo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved