Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
preventivo-22-ogni-partito-ha-la-sua-via-per-il-risanamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
1 ora

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
1 ora

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
1 ora

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
7 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
8 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
9 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
10 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
11 ore

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
12 ore

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
12 ore

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Ticino
12 ore

Il Soccorso d’inverno ha accettato oltre 500 richieste d’aiuto

Il calo del reddito alla base di molte situazioni di povertà
Ticino
13 ore

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Ticino
 
30.09.2021 - 17:300
Aggiornamento : 20:14

Preventivo ’22, ogni partito ha la sua via per il risanamento

Gianella (Plr): ‘Un altro approccio’. Guerra (Lega): ‘Tirare la cinghia’. Agustoni (Ppd): ‘No ad aumento delle imposte’. Durisch (Ps): ‘Cambiare registro’

«Ogni partito ha la sua visione del Paese, ed è sempre interessante confrontarsi. Ma a un certo punto la lista dei desideri di ognuno deve diventare una lista condivisa perché, sennò, l’impegno di riequilibrare le finanze entro il 2025 non sarà mantenuto». La capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella accoglie il Preventivo 2022 presentato oggi (con 135 milioni di disavanzo) volgendo già lo sguardo al futuro: «Serve un serio cambio di approccio, a partire dalla Commissione della gestione. Sul come analizzare i messaggi correnti, ma soprattutto dovremmo iniziare a dedicare più tempo per discutere, dibattere e trovare un punto d’incontro su elementi condivisi: tutto questo non è mai stato fatto». L’auspicio di Gianella è «che dalle prossime riunioni si cominci a entrare in una visione di Paese vera, non si deve più limitarsi al dire di farlo ma prendersi il tempo, e l’impegno, di farlo». Anche perché se la politica a volte è lenta, «queste cifre mostrano che c’è una resilienza dell’economia ticinese, la crisi la stiamo accogliendo un po’ meglio del previsto. La politica faccia la sua parte».

Guerra: ‘Non tagli draconiani, ma spalmare un margine di risparmio’

Per il leghista Michele Guerra «l’attuale situazione finanziaria è sotto stretto monitoraggio, ormai da due anni, della nostra Sottocommissione finanze. Ed è una situazione gravemente compromessa e fuori controllo, che prevede deficit ricorrenti di 200 milioni l’anno per i prossimi anni e l’aumento del debito pubblico di un miliardo di franchi». Fortunatamente, continua, «dal 2015 al 2019 abbiamo condotto un importante risanamento dei conti che ci ha permesso di presentarci alla pandemia più robusti: ma la situazione rimane gravemente compromessa e richiede un intervento». Per uscirne «come sempre, le possibilità sono due. Una da noi non condivisa, l’aumento di tasse e imposte, cioè scaricare sul cittadino già tartassato il peso economico della pandemia. Una da noi condivisa, cioè ridurre le uscite». Questo, sottolinea Guerra, «non significa però fare tagli draconiani e smantellamenti, ma fare ciò che farebbe qualsiasi famiglia in difficoltà: tirare la cinghia». In sostanza, «spalmare su tutto il bilancio pubblico e i Dipartimenti un margine di risparmio che noi riteniamo esista». Ma, conclude il deputato leghista, «Attenzione! Non dovessimo farlo oggi, tra due o tre anni il governo a furia di accumulare perdite si troverebbe obbligato ad aumentare a tutti tasse e imposte. E questo noi vogliamo evitarlo come la peste».

Agustoni: ‘Parliamo comunque del 3% del bilancio...’

Quello presentato oggi dal Consiglio di Stato per il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni è «un Preventivo di transizione, ma non si capisce verso cosa si stia transitando perché dal governo non c’è un’indicazione politica su come pensano di riequilibrare i conti. Questo è l’ultimo anno in cui si possono lasciare così le cose, già se nel 2023 avessimo un Preventivo simile saremmo costretti ad aumentare le imposte e noi abbiamo già ribadito la nostra contrarietà a far pagare alla popolazione l’incapacità di riequilibrare i conti». Ad ogni modo, Agustoni osserva che «se le cifre sono queste, rientrare non sarà un esercizio particolarmente drastico: il bilancio del Cantone è di 4mila milioni di franchi, 135 sono qualcosa attorno al 3%. Con un impegno forte da parte di chi è interessato a mettere a posto i conti, si può raggiungere l’obiettivo senza danneggiare le fasce deboli o farlo generalmente pagare alla popolazione».

Durisch: ‘La ricetta non è il blocco delle spese’

Il capogruppo socialista Ivo Durisch annota dal canto suo che «la nostra ricetta non è sicuramente un blocco delle spese, perché inciderebbe soprattutto su quella sociosanitaria e non lo accetteremmo». Ciò detto, per Durisch «bisogna smettere di rincorrere l’attrattività fiscale e cominciare a diventare attrattivi per famiglie e giovani, con servizi e prestazioni adeguati, una politica familiare seria e creare posti di lavoro per i giovani ben retribuiti e con opportunità di crescita». In questo modo, «a medio termine possiamo anche risanare le finanze del Cantone, abbandonando il miraggio che i nuovi contribuenti facoltosi ci risolvano problemi che la politica della maggioranza del Gran Consiglio ha creato da sola».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved