Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
il-consiglio-di-stato-spesa-in-italia-con-certificato-covid
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
10 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
10 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
18 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
20 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
20 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
21 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
21 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
21 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
21 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
22 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
22 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
22 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
22 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
15.09.2021 - 09:010
Aggiornamento : 12:42

Il Consiglio di Stato: ‘Spesa in Italia con certificato Covid’

L’esecutivo ticinese risponde alla consultazione di Berna, proponendo una soluzione intermedia per quanto riguarda gli obblighi di test o quarantena

a cura de laRegione

Il Consiglio di Stato si è dichiarato d’accordo, in linea di principio, con le misure poste in consultazione dal Consiglio federale circa le restrizioni da imporre al traffico di viaggiatori della Svizzera, avanzando però alcune proposte di compromesso rispetto alla linea indicata da Berna, ovvero le due soluzioni del doppio test, a carico del viaggiatore, all’arrivo e dopo 4-7 giorni o del test all’arrivo con successiva quarantena di dieci giorni riducibile a 7 dopo l’effettuazione di un test, sempre a carico della persona.

Test + quarantena soluzione più efficace

Riguardo alle due soluzioni proposte, il Cantone propenderebbe per la seconda (test + quarantena), poichè la proposta del doppio test garantisce una riduzione “solo in misura parziale” del rischio di circolazione del virus, considerato che chi presenta un test negativo potrebbe comunque risultare positivo al secondo test dopo aver circolato liberamente: inoltre, tale soluzione è influenzata dalla sensibilità del test usato (con il Pcr ritenuto più efficace dell’antigenico rapido) e dal fatto che “l’esecuzione dei test fatti all’estero non è controllabile e potrebbe essere variabile in funzione del Paese, dell’esecutore o del test utilizzato”. Infine, ciò comporterebbe un ulteriore carico di lavoro per i Cantoni, chiamati non solo a verificare l’effettiva esecuzione dei test a 4-7 giorni, ma anche a dover poi mettere in isolamento le persone risultate positive e avviare il tracciamento dei contatti da mettere successivamente in quarantena se non vaccinati o guariti. “Questo lavoro sarebbe evitato se il caso indice fosse isolato fin dall’inizio”, sottolinea il Consiglio di Stato.

La soluzione del test e quarantena è ritenuta invece più efficace dal punto di vista epidemiologico poichè impedisce che le persone non immuni o immunizzate che entrano in Svizzera possano circolare liberamente e potenzialmente infettare altre persone, ed evita che esse abbiano contatti fino a quando la loro contagiosità scende a un livello estremamente basso, ovvero alla fine della quarantena.

Quarantena solo per arrivi da Paesi a rischio

Secondo l’esecutivo ticinese, “una regolamentazione più severa è opportuna, alla luce dei numerosi contagi riconducibili alle vacanze estive all’estero”: tuttavia, l’obbligo di quarantena a prescindere dal Paese di provenienza e dalla relativa situazione epidemiologica è una misura che da Bellinzona viene ritenuta non proporzionata. Al riguardo, il Ticino propone di continuare a tener conto del’elenco degli Stati o regioni con varianti preoccupanti del virus e di imporre la quarantena solo ai viaggiatori provenienti da questi Paesi. Allo stesso modo, il Consiglio di Stato non ritiene giustificata la registrazione dei dati di contatto anche per le persone vaccinate o guarite che entrano in Svizzera, dato che comunque non verrebbero poi sottoposte ad alcun obbligo di test o quarantena.

In conclusione, la linea proposta dall’esecutivo cantonale è una via intermedia fra le due soluzioni, ovvero: obbligo di test all’entrata per tutti, e poi ulteriore test a 4-7 giorni per persone in provenienza da Paesi non a rischio, e quarantena per le persone provenienti da Paesi a rischio.

Il modello messo in consultazione da Berna prevede eccezioni all’obbligo di test per i frontalieri, i minori di 16 anni, i passeggeri in transito e gli autotrasportatori di merci.Il Consiglio di Stato ticinese. Il Consiglio di Stato condivide tali deroghe, ma ritiene anche che “per ragioni di praticabilità dei controlli” per gli spostamenti transfrontalieri nelle zone di frontiera e per gli espatri di breve durata sia “opportuno evitare eccezioni”. In sostanza, per quanto riguarda il Ticino, le persone non vaccinate o guarite dovrebbero presentare un tampone negativo anche per andare a fare la spesa o bere un caffè in Italia.

Berna si faccia carico dei tamponi per la fine della quarantena

Da Bellinzona, infine, viene condivisa la presa a carico da parte della persona interessata dei costi per i test in ingresso e dopo 4-7 giorni, coerentemente con quanto deciso dal Consiglio federale circa l’abbandono della gratuità dei test per le persone asintomatiche a partire dal 1° Ottobre: tuttavia, l’esecutivo ticinese ritiene che , il fatto che il test dopo 7 giorni per la fine della quarantena sia a carico della persona interessata potrebbe indurre le persone economicamente più svantaggiate dall’esecuzione di tale test, cosicchè esse potrebbero essere ancora contagiose alla fine della quarantena: il Consiglio di Stato ritiene dunque che lo Stato dovrebbe farsi carico di tali test del settimo giorno in quanto “sarebbe dunque nell’interesse della salute pubblica” e “permette un controllo, che altrimenti andrebbe perso, della contagiosità di persone con un rischio accresciuto”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved