il-covid-pass-per-tornare-all-insegnamento-in-presenza
Ti-Press
Dal 20 settembre varranno altre regole
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
36 min

La Polizia Ceresio Nord più capillare sul territorio

Il servizio di pattuglia si dota di un’ulteriore vettura efficiente a vantaggio del comprensorio sotto sorveglianza
Bellinzonese
1 ora

Quasi 500 abitanti in più a Bellinzona in un anno

Il 31 dicembre 2021 si contavano in totale 44’530 residenti nella città aggregata, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima
Ticino
2 ore

In Ticino 2 decessi e -4 pazienti Covid (-1 in cure intense)

Resta sostanzialmente stabile il livello dei contagi. Nelle case anziani un decesso e ben 33 ospiti dichiarati guariti in 24 ore: 85 ad oggi i positivi
Luganese
2 ore

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione
Bellinzonese
2 ore

Colline antirumore fattibili ma solo in un parco fluviale

Bellinzona-Riviera: lo studio piace al Cantone ma pone alcuni vincoli per una valorizzazione paesaggistica, naturalistica e fruitiva del fiume Ticino
Locarnese
2 ore

Cugnasco-Gerra, il ‘verde’ dei vicini è diventato oramai troppo

La piazza di raccolta da tempo accoglie scarti vegetali dalla regione. Valutate contromisure al problema, che determina costi maggiori per lo smaltimento
Locarnese
2 ore

Soccorso alpino, più interventi lungo i corsi d’acqua

Bilancio d’attività 2021 della Colonna di soccorso regione di Locarno. Casistica sui livelli degli scorsi anni, si avvicina la realizzazione della sede
Mendrisiotto
3 ore

Ricetta anti-decrescita a Chiasso, il bonus famiglia divide

Fa discutere la proposta dal Ppd. Nel frattempo, il sindaco Arrigoni prospetta uno studio a tutto campo
Mendrisiotto
6 ore

Attraverso i boschi di Stabio, in cerca della salvezza

Bruna Cases è fuggita da Milano con la famiglia per scappare ai rastrellamenti. Il diario dove racconta il passaggio da Montalbano è stato pubblicato
Luganese
14 ore

Pestaggio di Cadempino, slitta ancora il processo

Si sarebbe dovuto aprire domani alle 9.30. Il motivo è il medesimo del primo rinvio: uno dei sei imputati è risultato positivo al Covid.
Luganese
15 ore

Lugano, ‘i giovani vengono ascoltati’

Il Municipio assicura il loro coinvolgimento, mantiene attivi i canali di comunicazione e annuncia la possibile riattivazione del Parlamento
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio riapre lo Sportello energia

In presenza o a distanza per saperne di più su vettori e impianti efficienti e sul mercato
Bellinzonese
16 ore

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
16 ore

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
17 ore

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
Luganese
17 ore

Aggregazione Malcantone est, Cademario in sala d’attesa

Si è risolto in un nulla di fatto l’incontro con il Dipartimento delle istituzioni: la palla torna ai Comuni di Aranno, Bioggio, Neggio e Vernate
Mendrisiotto
18 ore

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
10.09.2021 - 21:120
Aggiornamento : 22:06

‘Il Covid pass per tornare all’insegnamento in presenza’

Il direttore della Supsi Franco Gervasoni: ‘Il diritto all’istruzione è sacrosanto, ma lo è anche quello di offrire una formazione di qualità’

«Il nostro auspicio è che la Confederazione continui a finanziare i test Covid oltre la data del prossimo 1° di ottobre, in modo che gli studenti che non hanno ancora completato il ciclo vaccinale e risultino negativi possano frequentare le lezioni senza pregiudizio», così Franco Gervasoni, direttore della Supsi. 

Dal 20 di settembre la Scuola universitaria della Svizzera italiana, al pari di tutte le sue omologhe del resto del Paese, introdurrà l’obbligo del certificato Covid (avvenuta vaccinazione, guarigione dalla malattia, risultato negativo di un test) per poter frequentare tutte le attività della formazione di base e per l’accesso alle sedi delle collaboratrici e dei collaboratori. Una decisione presa in accordo con le autorità cantonali e in linea con le raccomandazioni di swissuniversities. «Siamo coscienti che questo potrebbe diventare un problema, per le persone non ancora vaccinate, quando i test saranno a pagamento. Del resto la Confederazione ha posto le università di fronte alla scelta di ridurre la capienza massima degli spazi didattici, o di garantirne l’accesso senza limitazioni ma unicamente alle persone provviste di Covid pass», continua Gervasoni. «Sono consapevole che il diritto all'istruzione è sacrosanto, però è altrettanto sacrosanto offrire una formazione di qualità e quindi non penalizzare coloro che – e sono la maggior parte  – si sono immunizzati». «Capisco chi potrebbe obiettare, mi piacerebbe però sentire anche la voce dei vaccinati che sono magari contenti di poter tornare in presenza a svolgere delle attività didattiche piuttosto che farle tutti a distanza», continua ancora il direttore della Suspi che ribadisce la richiesta alle autorità federali di spostare di almeno di 4-6 settimane il termine per i test gratuiti. 

Il Covid pass è però stato esteso – sempre dal 20 di settembre – anche ai docenti e a tutto il resto del personale non docente. «Abbiamo fatto un ragionamento di comunità. Non ci sembrava assolutamente equo e coerente pretenderlo dagli studenti e non dai docenti. E a cascata vi rientrano tutti: ricercatori e personale amministrativo. In fondo tutti frequentiamo gli stessi spazi», aggiunge Gervasoni.

Su questo punto il segretario del sindacato Vpod Raoul Ghisletta precisa che «esiste un contratto collettivo di lavoro per il personale amministrativo della Supsi, ma non siamo stati interpellati da essa». «Come fatto in altri ambiti, chiediamo che il tampone per chi non è vaccinato venga pagato dal datore di lavoro che l’ha richiesto».

I dettagli sull’implementazione dell’obbligo del certificato Covid verranno definiti nei prossimi giorni. Da lunedì 13 per gli eventi organizzati dalla Supsi in luoghi chiusi sarà obbligatorio presentare il pass, mentre per i corsi di formazione continua fino a 30 partecipanti il certificato non verrà richiesto, a condizione che le aule vengano occupate al massimo per i due terzi della loro capienza. 

«Quella dell’insegnamento a distanza rimane comunque l’ultima ratio. L’alternativa all’insegnamento in presenza con il Covid pass è la didattica online che per una università professionalizzante come la nostra è limitante», commenta ancora Gervasoni che non si esprime sul fatto che l’Usi – unica in Svizzera – ha comunque deciso di non introdurre il certificato sanitario. «Noi siamo dislocati su più sedi e abbiamo aule più piccole. Loro hanno fatto valutazioni differenti perché hanno spazi più grandi»

Il presidente del governo

Bertoli: ‘È l’opzione meno dolorosa’

Alla fine del mese di agosto Manuele Bertoli, consigliere di Stato e direttore del Dec aveva salutato con favore l’esenzione di scuole e università dall’obbligo di pass, dicendoci: “Non credo si possa confondere l’accesso alla ristorazione, ma anche ahimè a teatri, musei e altri luoghi culturali, al diritto di formarsi, che impone, pandemia permettendo, di garantire un accesso all’istruzione più libero possibile”.

Onorevole Bertoli, ha cambiato idea o è cambiata la situazione?

Rimango dell'avviso che l'ambito della formazione meriti una tutela particolare, ma la situazione è certamente cambiata. Il Consiglio federale, con scarso preavviso, ha imposto da lunedì alle scuole universitarie la scelta tra l’introduzione del certificato Covid e la limitazione a due terzi della capienza delle aule. A fronte di questa scelta obbligata ogni istituto, in base alla propria situazione logistica, ha optato per l'opzione meno dolorosa che permettesse di proseguire con le lezioni in presenza. 

Come faranno gli studenti che a pochi giorni dalla ripresa delle lezioni non avranno tempo di vaccinarsi? E cosa è previsto quando, dal 1° ottobre, dovranno pagarsi i tamponi?

Il certificato Covid attesta l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dalla malattia o il risultato negativo di un test. Chi non è né guarito né vaccinato, nonostante la possibilità sia data già da mesi, dovrà temporaneamente far capo ai tamponi e nel frattempo non tardare ad annunciarsi per poter concludere in tempi brevi il ciclo vaccinale. In alternativa, se qualcuno non può o non vuole vaccinarsi e non è disposto a eseguire i test, dovrà accordarsi con l'istituto per trovare soluzioni alternative, assumendosi però anche la responsabilità della sua scelta, che non potrà andare a discapito di tutti coloro che hanno fatto uno sforzo per restare in presenza. Il fatto che dal 1° ottobre i tamponi diventeranno a pagamento per le persone asintomatiche è sicuramente un ostacolo ulteriore per chi finora ha temporeggiato. Viste le nuove misure introdotte, sarebbe bene che la Confederazione valutasse di pagare i tamponi più a lungo. 

Perché scelte diverse per Usi e Supsi?

Usi e Supsi hanno delle situazioni logistiche diversificate e hanno optato per scelte differenti tenuto conto delle rispettive situazioni, entrambe con il medesimo obiettivo di poter continuare con le lezioni in presenza.

Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved