l-aiti-dobbiamo-evitare-un-nuovo-lockdown
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
13 min

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
20 min

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
51 min

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federale di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
1 ora

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
1 ora

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della Valle, festeggiato lunedì corso dalle autorità comunali e dei familiari
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, il Fc si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
3 ore

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
3 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
Luganese
4 ore

A Lugano al lavoro per un ‘piano Marshall’ ucraino

Ultimi scampoli di conto alla rovescia in riva al Ceresio: alle 13.30 Ignazio Cassis e Volodymir Zelensky (virtualmente) daranno il via ai lavori
Luganese
7 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
laR
 
10.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13:53

L'Aiti: dobbiamo evitare un nuovo lockdown

Dopo le decisioni dI Berna, l'Associazione industrie scrive alle aziende e raccomanda: mantenete i piani di protezione, la pandemia non è alle spalle

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Raccomandiamo a tutte le aziende di mantenere in vigore i piani di protezione e di verificare regolarmente la loro applicazione. Il fatto che una parte importante o molto importante del personale sia vaccinato, non deve indurre a credere che la pandemia sia oramai alle spalle. Anzi! L’obiettivo nostro e delle autorità deve restare quello di evitare chiusure totali o parziali di attività, pertanto l’applicazione regolare e completa dei piani di protezione della salute in azienda resta indispensabile”. Lo sottolinea l’Associazione industrie ticinesi in una mail inviata alle ditte affiliate (attualmente circa duecentoventi) nel primo pomeriggio di ieri, all’indomani della decisione del Consiglio federale di estendere, da lunedì, l’obbligo del certificato Covid per accedere all'interno dei ristoranti e a manifestazioni al chiuso. E di accordare, sempre da lunedì, la possibilità ai datori di lavoro di chiedere il pass ai propri dipendenti. Ed è su quest'ultimo aspetto che si sofferma l'Associazione industrie. “Data la genericità delle decisioni comunicate ieri (mercoledì ndr) dal Consiglio federale, è per noi difficile dare delle risposte completamente esaustive su tutte le disposizioni che le aziende possono mettere in atto. Per questo - scrive l'Aiti - restiamo a disposizione per un contatto personale“. Aggiunge: "Appare ad esempio sostenibile introdurre un obbligo dell’utilizzo della mascherina per il personale non vaccinato o comunque non in possesso del Covid-Pass, mentre all’inverso non obbligare a utilizzare la mascherina chi è vaccinato, sul posto di lavoro. Tutto però dipende molto anche dalle attività specifiche delle imprese”.

Dal 13 settembre, ricorda l'Associazione industrie ticinesi, è quindi "data facoltà ai datori di lavoro di verificare se il personale è in possesso o meno di un certificato Covid, se ciò è necessario all’attuazione di misure di protezione adeguate o di strategie di test". Se chiedono ai loro dipendenti di sottoporsi al test, i datori di lavoro "dovranno coprirne i costi". Soltanto i test ripetuti "saranno assunti dalla Confederazione". Nella mail si richiama poi un aspetto importante: "L’impiego del certificato e le misure che le aziende intendono adottare andranno discusse con il personale e dovranno essere documentate per iscritto".

La Confederazione "non prevede l’obbligo di certificato nei luoghi di lavoro e nei centri di formazione (comprese le mense). L’ordinanza (...) indica che le mense aziendali possono (ma non sono obbligate) rinunciare a limitare l’accesso delle persone a partire dai 16 anni alle persone con un certificato vaccinale. Se utilizzano tale possibilità devono prevedere misure di protezione adeguate, segnatamente il rispetto della distanza obbligatoria fra gli ospiti o gruppi di ospiti e l’obbligo di stare seduti durante la consumazione. La limitazione di accesso alle mense aziendali è dunque consentita".

Modenini: un blocco totale o parziale della produzione sarebbe drammatico per tante attività

Nella comunicazione alle aziende associate, spiega da noi interpellato il direttore dell'Aiti Stefano Modenini, «abbiamo pure evidenziato la necessità di non allentare i piani di protezione interni. Anche le industrie devono fare la loro parte per scongiurare un nuovo lockdown. Ci sono ordinazioni da rispettare. Un blocco totale o parziale della produzione imposto dall'autorità sarebbe drammatico per tante aziende, in particolare per quelle piccole. Che potrebbero non risollevarsi più».  

Leggi anche:

Certificato Covid per i luoghi al chiuso dal 13 settembre

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiti certificato lockdown
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved