ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
1 ora

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
7 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
8 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
11 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
13 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
14 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
14 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
16 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
laR
 
10.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13:53

L'Aiti: dobbiamo evitare un nuovo lockdown

Dopo le decisioni dI Berna, l'Associazione industrie scrive alle aziende e raccomanda: mantenete i piani di protezione, la pandemia non è alle spalle

l-aiti-dobbiamo-evitare-un-nuovo-lockdown

“Raccomandiamo a tutte le aziende di mantenere in vigore i piani di protezione e di verificare regolarmente la loro applicazione. Il fatto che una parte importante o molto importante del personale sia vaccinato, non deve indurre a credere che la pandemia sia oramai alle spalle. Anzi! L’obiettivo nostro e delle autorità deve restare quello di evitare chiusure totali o parziali di attività, pertanto l’applicazione regolare e completa dei piani di protezione della salute in azienda resta indispensabile”. Lo sottolinea l’Associazione industrie ticinesi in una mail inviata alle ditte affiliate (attualmente circa duecentoventi) nel primo pomeriggio di ieri, all’indomani della decisione del Consiglio federale di estendere, da lunedì, l’obbligo del certificato Covid per accedere all'interno dei ristoranti e a manifestazioni al chiuso. E di accordare, sempre da lunedì, la possibilità ai datori di lavoro di chiedere il pass ai propri dipendenti. Ed è su quest'ultimo aspetto che si sofferma l'Associazione industrie. “Data la genericità delle decisioni comunicate ieri (mercoledì ndr) dal Consiglio federale, è per noi difficile dare delle risposte completamente esaustive su tutte le disposizioni che le aziende possono mettere in atto. Per questo - scrive l'Aiti - restiamo a disposizione per un contatto personale“. Aggiunge: "Appare ad esempio sostenibile introdurre un obbligo dell’utilizzo della mascherina per il personale non vaccinato o comunque non in possesso del Covid-Pass, mentre all’inverso non obbligare a utilizzare la mascherina chi è vaccinato, sul posto di lavoro. Tutto però dipende molto anche dalle attività specifiche delle imprese”.

Dal 13 settembre, ricorda l'Associazione industrie ticinesi, è quindi "data facoltà ai datori di lavoro di verificare se il personale è in possesso o meno di un certificato Covid, se ciò è necessario all’attuazione di misure di protezione adeguate o di strategie di test". Se chiedono ai loro dipendenti di sottoporsi al test, i datori di lavoro "dovranno coprirne i costi". Soltanto i test ripetuti "saranno assunti dalla Confederazione". Nella mail si richiama poi un aspetto importante: "L’impiego del certificato e le misure che le aziende intendono adottare andranno discusse con il personale e dovranno essere documentate per iscritto".

La Confederazione "non prevede l’obbligo di certificato nei luoghi di lavoro e nei centri di formazione (comprese le mense). L’ordinanza (...) indica che le mense aziendali possono (ma non sono obbligate) rinunciare a limitare l’accesso delle persone a partire dai 16 anni alle persone con un certificato vaccinale. Se utilizzano tale possibilità devono prevedere misure di protezione adeguate, segnatamente il rispetto della distanza obbligatoria fra gli ospiti o gruppi di ospiti e l’obbligo di stare seduti durante la consumazione. La limitazione di accesso alle mense aziendali è dunque consentita".

Modenini: un blocco totale o parziale della produzione sarebbe drammatico per tante attività

Nella comunicazione alle aziende associate, spiega da noi interpellato il direttore dell'Aiti Stefano Modenini, «abbiamo pure evidenziato la necessità di non allentare i piani di protezione interni. Anche le industrie devono fare la loro parte per scongiurare un nuovo lockdown. Ci sono ordinazioni da rispettare. Un blocco totale o parziale della produzione imposto dall'autorità sarebbe drammatico per tante aziende, in particolare per quelle piccole. Che potrebbero non risollevarsi più».  

Leggi anche:

Certificato Covid per i luoghi al chiuso dal 13 settembre

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved