dado-traccia-altri-tre-punti-per-il-rilancio-del-ppd
Questa sera il Ppd è tornato a riunire in presenza il proprio Comitato cantonale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
1 ora

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
3 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
3 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
3 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
4 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia.
Ticino
4 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
4 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
9 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
9 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
9 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
16 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
19 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
19 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
19 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
19 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
19 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
08.09.2021 - 23:070

Dadò traccia altri tre punti per il rilancio del Ppd

Dopo l'iniziativa sugli affitti, sarà il turno di defiscalizzare il volontariato sociale, una Corte dei conti e l'aiuto del Cantone per l'edilizia scolastica

Neanche il tempo di prendere nota dell’iniziativa parlamentare che chiede una deduzione sociale sui costi degli affitti, che il presidente cantonale Fiorenzo Dadò davanti al parlamentino del Ppd tornato a riunirsi in presenza stasera a Sant'Antonino, traccia ben più di una linea per il futuro. Perché se non è un (ambizioso) programma, poco ci manca. «Nel prossimo futuro presenteremo alcuni atti sui quali abbiamo lavorato in questi mesi: tanto per citarne tre in preparazione, l’iniziativa per defiscalizzare il volontariato sociale a favore degli anziani e dei disabili, la Corte dei conti per garantire una maggior trasparenza nell’uso del denaro pubblico, l’iniziativa per un aiuto finanziario del cantone nell’edilizia scolastica, oggi a carico dei Comuni», sottolinea Dadò. 

Probabili due iniziative popolari su Over 50 e per contrastare il calo demografico

Ma non è finita. Perché il Ppd intende, anche se tempi e modi vanno ancora decisi, uscire dal Palazzo e rivolgersi direttamente al popolo. Lo farà, continua Dadò, su due temi: «A proposito di iniziative popolari e di attrattività del Cantone, dopo l’incredibile bocciatura in Gran Consiglio da parte di alcune forze politiche della proposta che prevede un maggior incentivo a favore delle aziende ticinesi che assumono personale indigeno disoccupato over 50, è probabile che nei prossimi mesi saremo attivi in questa direzione». Il secondo tema è «una delle più grandi emergenze che non solo il Ticino, ma tutta l'Europa sta affrontando: l'allarmante calo demografico che vede il Ticino all'ultimissimo posto tra i cantoni». E quindi, davanti a questa «emergenza», il presidente del Ppd afferma che «il nostro Partito, proprio per quel che rappresenta, non può stare a guardare ma deve reagire, e lo sta facendo, non escludendo di ricorrere a un programma che potrebbe addirittura sfociare in un’iniziativa popolare». Ricorrere (eventualmente) al popolo, per Dadò sarà una semplice conseguenza di un fatto: «La risposta eufemisticamente insufficiente che ci è stata data dal Governo all’interrogazione che abbiamo presentato, la dice lunga sull’incapacità della classe politica ticinese di mettersi d’accordo e di chinarsi con umiltà e tempestività su quello che secondo gli esperti potrebbe rappresentare il più grave problema della società dei nostri figli».

Tra maggioritario e nome del partito

Il cantiere del futuro popolare democratico prevede, secondo l’agenda del riconfermato presidente (assieme ai due vice Giorgio Fonio e Marco Passalia), altri due punti. Il primo è «l’eventuale passaggio a un sistema maggioritario per le elezioni cantonali, su cui abbiamo fatto allestire uno studio». Il secondo richiama il nome del partito, da cui poi discende tutto: «Dobbiamo prendere una decisione entro il 2025, e la riflessione se cambiare nome o no come successo a livello federale dovrà portare anche, e soprattutto, una rinfrescata agli indirizzi e ai valori, non sempre chiari e attuali».

Detto del futuro - o meglio, delle speranze per il futuro - Dadò si guarda indietro. A quanto fatto in questi quattro anni abbondanti di presidenza. Tra vittorie e sconfitte, la valutazione finale è che «condurre e appartenere a un partito come il nostro, che ha una storia centenaria e i cui padri hanno contribuito con i loro ideali e con il loro sudore a forgiare le basi di questo nostro magnifico Paese, significa avere una responsabilità sociale non indifferente, significa soprattutto avere l’obbligo morale e materiale di fornire ai cittadini una risposta ai loro problemi, un progetto serio di società del futuro, un indirizzo chiaro e senza equivoci sul come e dove vogliamo andare. Ma non basta - continua Dadò -. La responsabilità e l’onere di condurre un partito nel Ticino del 2021, equivale a dedicarsi anima e corpo senza esclusione di colpi e sacrifici, sapendo di vedersi appioppare anche demeriti la cui responsabilità avrebbe ben altre origini e paternità».

De Rosa: ‘I giovani necessitano di una nuova normalità’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, dedica grande parte del suo discorso ai giovani e «al loro bisogno di trovare una nuova normalità». Proprio i giovani «durante la pandemia hanno dimostrato grande senso di responsabilità e notevole serietà, ma oggi necessitano il nostro sostegno e la nostra attenzione». Questo perché, rileva De Rosa, «le generazioni più giovani sono state particolarmente colpite da quando è arrivato il Covid, proprio nel momento in cui cominciano ad affacciarsi al mondo. Numerosi adolescenti hanno sofferto per monotonia, riduzione dei contatti, incertezze sul futuro e, purtroppo, anche per l'aumento di tensioni famigliari». E se si è notato un «livello più elevato di stress nei più piccoli», anche «negli adolescenti sono frequenti depressione e ansia». Per affrontare queste difficoltà, «il Consiglio di Stato si è avvalso da subito di una task force di specialisti. Oltre a organizzare conferenze, hanno fornito consulenza e supporto a moltissime persone». Ed entro la fine di quest'anno, si auspica, «la Supsi consegnerà il risultato di una ricerca che le abbiamo commissionato sull'impatto della pandemia sulla salute degli adolescenti e dei giovani adulti. In questo modo - spiega De Rosa - il Consiglio di Stato dimostra di affrontare seriamente il tema e potrà proporre nuove raccomandazioni di azione sociali e concrete per prevenire degli effetti nefasti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved