ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20° C negli uffici comunali
Locarnese
4 min

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
51 min

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
57 min

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
Locarnese
1 ora

Progettazione Museo di storia naturale, la seconda fase

Una procedura complessa, ricorda il Cantone: ‘Il Santa Caterina a Locarno è un comparto pregiato dal profilo storico-culturale’
Locarnese
1 ora

Ascona, Concerto della Vos da Locarno

Nell’ambito dei festeggiamenti per il 70esimo di fondazione, la formazione canora di scena nella Chiesa evangelica sabato sera
Locarnese
1 ora

Alla Galleria Mazzi di Tegna le opere di Cortesi

Vernice dell’esposizione ‘Diario dell’asfalto’ dell’artista locarnese domenica alle 10.30
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, riprende l’attività la ludoteca di Corso San Gottardo

Lo annuncia Comunità familiare che gestisce il prestito dei giochi, dell’educazione ricreativa e collabora con i genitori del Mendrisiotto e Basso Ceresio
Grigioni
3 ore

Apicoltura e cambiamenti climatici, se ne parla a Grono

Appuntamento per venerdì 14 ottobre alle 20 nell’aula magna delle scuole. Relatori saranno il meteorologo Luca Nisi e la biologa Silvia Bernasconi
Mendrisiotto
3 ore

Coldrerio, la casa anziani accoglie i primi 43 ospiti

Nel centro del paese, il prossimo lunedì comincerà l’esperienza del quartiere intergenerazionale. A fine mese l’inaugurazione
Mendrisiotto
3 ore

(In)formazione alle Medie, Mendrisio come Lugano?

Il gruppo Lega-Udc-Udf richiama l’attenzione sul progetto che la Città sul Ceresio dedica ai ragazzi di terza e quarta in vista del loro futuro
Luganese
3 ore

Lugano, in arrivo il bando di concorso per le borse di studio

La Città annuncia la pubblicazione domani. Potranno fare richiesta gli studenti di meno di 25 anni. Le domande sono da inviare entro febbraio 2023
Bellinzonese
4 ore

La funicolare Ritom ‘va in vacanza’ per l’inverno

Domenica 9 ottobre si concluderà la stagione. Il trasporto pubblico riprenderà sabato 20 maggio 2023
Mendrisiotto
4 ore

Valle di Muggio, è ora di caricare la graa di Cabbio

Le castagne potranno essere consegnate dal 14 al 17 ottobre. L’essiccazione durerà circa tre settimane
Locarnese
4 ore

Golino, serata pubblica dedicata al Masterplan Centovalli 

Il 13 ottobre verrà presentato un resoconto dei primi due anni di operatività di questo documento programmatico
Locarnese
4 ore

La Compagnia Teatrale Maggiainscena prosegue la sua tournée

Spettacoli dialettali a Losone, Centro la Torre, sabato, a Loco il 16 ottobre e a Tenero il 12 novembre
08.09.2021 - 23:07

Dadò traccia altri tre punti per il rilancio del Ppd

Dopo l'iniziativa sugli affitti, sarà il turno di defiscalizzare il volontariato sociale, una Corte dei conti e l'aiuto del Cantone per l'edilizia scolastica

dado-traccia-altri-tre-punti-per-il-rilancio-del-ppd
Questa sera il Ppd è tornato a riunire in presenza il proprio Comitato cantonale

Neanche il tempo di prendere nota dell’iniziativa parlamentare che chiede una deduzione sociale sui costi degli affitti, che il presidente cantonale Fiorenzo Dadò davanti al parlamentino del Ppd tornato a riunirsi in presenza stasera a Sant'Antonino, traccia ben più di una linea per il futuro. Perché se non è un (ambizioso) programma, poco ci manca. «Nel prossimo futuro presenteremo alcuni atti sui quali abbiamo lavorato in questi mesi: tanto per citarne tre in preparazione, l’iniziativa per defiscalizzare il volontariato sociale a favore degli anziani e dei disabili, la Corte dei conti per garantire una maggior trasparenza nell’uso del denaro pubblico, l’iniziativa per un aiuto finanziario del cantone nell’edilizia scolastica, oggi a carico dei Comuni», sottolinea Dadò. 

Probabili due iniziative popolari su Over 50 e per contrastare il calo demografico

Ma non è finita. Perché il Ppd intende, anche se tempi e modi vanno ancora decisi, uscire dal Palazzo e rivolgersi direttamente al popolo. Lo farà, continua Dadò, su due temi: «A proposito di iniziative popolari e di attrattività del Cantone, dopo l’incredibile bocciatura in Gran Consiglio da parte di alcune forze politiche della proposta che prevede un maggior incentivo a favore delle aziende ticinesi che assumono personale indigeno disoccupato over 50, è probabile che nei prossimi mesi saremo attivi in questa direzione». Il secondo tema è «una delle più grandi emergenze che non solo il Ticino, ma tutta l'Europa sta affrontando: l'allarmante calo demografico che vede il Ticino all'ultimissimo posto tra i cantoni». E quindi, davanti a questa «emergenza», il presidente del Ppd afferma che «il nostro Partito, proprio per quel che rappresenta, non può stare a guardare ma deve reagire, e lo sta facendo, non escludendo di ricorrere a un programma che potrebbe addirittura sfociare in un’iniziativa popolare». Ricorrere (eventualmente) al popolo, per Dadò sarà una semplice conseguenza di un fatto: «La risposta eufemisticamente insufficiente che ci è stata data dal Governo all’interrogazione che abbiamo presentato, la dice lunga sull’incapacità della classe politica ticinese di mettersi d’accordo e di chinarsi con umiltà e tempestività su quello che secondo gli esperti potrebbe rappresentare il più grave problema della società dei nostri figli».

Tra maggioritario e nome del partito

Il cantiere del futuro popolare democratico prevede, secondo l’agenda del riconfermato presidente (assieme ai due vice Giorgio Fonio e Marco Passalia), altri due punti. Il primo è «l’eventuale passaggio a un sistema maggioritario per le elezioni cantonali, su cui abbiamo fatto allestire uno studio». Il secondo richiama il nome del partito, da cui poi discende tutto: «Dobbiamo prendere una decisione entro il 2025, e la riflessione se cambiare nome o no come successo a livello federale dovrà portare anche, e soprattutto, una rinfrescata agli indirizzi e ai valori, non sempre chiari e attuali».

Detto del futuro - o meglio, delle speranze per il futuro - Dadò si guarda indietro. A quanto fatto in questi quattro anni abbondanti di presidenza. Tra vittorie e sconfitte, la valutazione finale è che «condurre e appartenere a un partito come il nostro, che ha una storia centenaria e i cui padri hanno contribuito con i loro ideali e con il loro sudore a forgiare le basi di questo nostro magnifico Paese, significa avere una responsabilità sociale non indifferente, significa soprattutto avere l’obbligo morale e materiale di fornire ai cittadini una risposta ai loro problemi, un progetto serio di società del futuro, un indirizzo chiaro e senza equivoci sul come e dove vogliamo andare. Ma non basta - continua Dadò -. La responsabilità e l’onere di condurre un partito nel Ticino del 2021, equivale a dedicarsi anima e corpo senza esclusione di colpi e sacrifici, sapendo di vedersi appioppare anche demeriti la cui responsabilità avrebbe ben altre origini e paternità».

De Rosa: ‘I giovani necessitano di una nuova normalità’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, dedica grande parte del suo discorso ai giovani e «al loro bisogno di trovare una nuova normalità». Proprio i giovani «durante la pandemia hanno dimostrato grande senso di responsabilità e notevole serietà, ma oggi necessitano il nostro sostegno e la nostra attenzione». Questo perché, rileva De Rosa, «le generazioni più giovani sono state particolarmente colpite da quando è arrivato il Covid, proprio nel momento in cui cominciano ad affacciarsi al mondo. Numerosi adolescenti hanno sofferto per monotonia, riduzione dei contatti, incertezze sul futuro e, purtroppo, anche per l'aumento di tensioni famigliari». E se si è notato un «livello più elevato di stress nei più piccoli», anche «negli adolescenti sono frequenti depressione e ansia». Per affrontare queste difficoltà, «il Consiglio di Stato si è avvalso da subito di una task force di specialisti. Oltre a organizzare conferenze, hanno fornito consulenza e supporto a moltissime persone». Ed entro la fine di quest'anno, si auspica, «la Supsi consegnerà il risultato di una ricerca che le abbiamo commissionato sull'impatto della pandemia sulla salute degli adolescenti e dei giovani adulti. In questo modo - spiega De Rosa - il Consiglio di Stato dimostra di affrontare seriamente il tema e potrà proporre nuove raccomandazioni di azione sociali e concrete per prevenire degli effetti nefasti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved