la-rsi-tagliera-34-posti-di-lavoro-entro-fine-2022
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Ticino
12 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
13 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
14 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
15 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
18 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
22 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
07.09.2021 - 14:08

La Rsi taglierà 34 posti di lavoro entro fine 2022

Gli impieghi saranno soppressi nel quadro delle misure di risparmio nazionale, il sindacato Ssm coinvolto nelle scelte. Riorganizzazione in vista per teche e radio

La Rsi taglierà 34 posti di lavoro a tempo pieno entro fine 2022, impieghi che sono parte dei 45 complessivi previsti dai piani di risparmio già annunciati in tutta la Srg Ssr nel corso del 2020 (per un totale di 250 posti di lavoro tagliati a livello nazionale entro il 2024) e di cui 11 sono stati già soppressi lo scorso anno grazie alla fluttuazione naturale del personale e ai prepensionamenti: il tutto per un risparmio complessivo, per la Rsi, di 8 milioni di franchi. 

Questo è quanto comunicato oggi dal direttore Mario Timbal nel corso di una riunione plenaria con il personale, durante la quale sono stati anche annunciati i primi passi della trasformazione della Rsi dal punto di vista organizzativo e di creazione e produzione di contenuti.

 

"La riduzione dei 34 posti restanti sarà realizzata entro fine 2022 ed è stata impostata individuando ambiti di intervento strutturali, che permettano di raggiungere un equilibrio tra le risorse e una produzione agile, adatta a esercitare il mandato di servizio pubblico. Il tutto attraverso la qualità e la diversità della propria offerta, sviluppandola e diversificandola al contempo", comunicano da Comano in una nota stampa.

Le misure sono state presentate al partner sociale Ssm Lugano: seguirà fino a fine settembre una "fase partecipativa" che coinvolgerà tutte le collaboratrici e tutti i collaboratori, per poi giungere alle decisioni definitive che saranno prese e comunicate entro metà ottobre.

 

"La Direzione Rsi ha affrontato questa riduzione di posti di lavoro privilegiando le fluttuazioni naturali, i prepensionamenti, e cercando di ridurre al minimo gli impatti sul personale ma licenziamenti, in questa fase, non sono esclusi. La Direzione Rsi confida che la fase partecipativa, in collaborazione con il partner sociale, permetterà di ridurre ulteriormente il possibile impatto sociale del pacchetto di misure elaborate", si legge nel comunicato.

Nuovi flussi decisionali

Tre sono i cardini su cui poggia il processo di trasformazione dell'azienda di Comano: una maggiore trasversalità nella creazione, nella produzione e nella distribuzione dei contenuti; una ulteriore semplificazione dei processi produttivi e decisionali; una sempre più rigorosa mappatura di tutti i flussi organizzativi e operativi, in grado di rendere l’azienda ancora più agile, flessibile, rapida e presente.

"La riorganizzazione prevede inoltre nuovi flussi decisionali e di organizzazione che possano supportare il processo creativo, mettendo al contempo al centro della sua offerta di servizio pubblico, i diversi pubblici della Svizzera italiana, i loro interessi e le loro esigenze" è il commento della Direzione Rsi.

In concreto, riguardo ai settori coinvolti dalla riorganizzazione, gli Archivi Rsi verranno posizionati nel Dipartimento cultura e società, "riconoscendone l’inestimabile valore e potenziale quale patrimonio culturale"; cambiamenti in vista anche per le reti radiofoniche, con Rete Due che farà capo al Settore cultura, mentre al Dipartimento programmi e immagine, recentemente affidato a Matteo Pelli, verranno attribuiti i flussi di Rete Uno e Rete Tre.

La Direzione Rsi comunica infine che nell’ambito del riposizionamento e ridefinizione dell’offerta culturale Rsi (Tv, radio e digitale) verrà indetto un concorso per il ruolo di responsabile del settore Cultura Rsi, ruolo ricoperto ora ad interim dalla responsabile del Dipartimento cultura e società.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario timbal rsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved