digitalizzazione-della-giustizia-e-ora-di-correre
Sarah Stadler e Gianluca Padlina (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 min

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
8 min

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
27 min

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
56 min

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Bellinzonese
1 ora

A2 a Bellinzona, l’Unità di sinistra insiste sui pannelli solari

In un interrogazione si torna sul tema dopo che il Consiglio federale ha indicato di sfruttare il potenziale di elettricità lungo autostrade e ferrovia
Mendrisiotto
1 ora

Il Monte Morello a Novazzano e la sua valorizzazione

Un credito di 920mila franchi per un progetto volto a migliorare la fruibilità del bosco di svago e le infrastrutture dedicate alle attività
Mendrisiotto
1 ora

Novazzano e un Preventivo 2022 dettato dalla prudenza

L’utile preventivato risulta di 129mila franchi, determinato da spese correnti per oltre 10 milioni e ricavi per circa 3 milioni e 700mila franchi
Mendrisiotto
2 ore

Mercato dell’usato, antiquariato e artigianato a Chiasso

Avrà luogo sabato 30 ottobre sul corso San Gottardo a Chiasso (zona piazza Indipendenza) con orario dalle 9 alle 18
Luganese
2 ore

L’Istituto di medicina di famiglia si presenta

Incontro aperto al pubblico all’Usi di Lugano per lanciare il progetto in seno alla Facoltà di scienze biomediche
Mendrisiotto
2 ore

Festa della battitura delle castagne alla graa di Cabbio

 L’essiccazione è iniziata a metà ottobre, e da allora il fuoco è acceso e curato senza interruzione dall’Associazioni degli amici
Ticino
3 ore

In Ticino 25 contagi, invariata la situazione ospedaliera

Restano negli ospedali del Cantone 8 pazienti Covid di cui 2 in cure intense. I vaccinati raggiungo il 66,9% della popolazione
Mendrisiotto
3 ore

Dal romanzo al poema, doppio appuntamento a Vacallo

Due serate in compagnia dello scrittore Domenico Dara e dell’attore Antonio Zanoletti, parlando di inverno e di Dante Alighieri
Locarnese
4 ore

Rogo Capanna Soveltra: dopo la sentenza, ardono le polemiche

Attorno a quel che resta del rifugio valmaggese la rabbia di chi ritiene che, forse, si poteva evitare. Dal collaudo ‘fantasma’ alle assemblee roventi
Ticino
4 ore

I dubbi del Cantone sul certificato Covid post guarigione

Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale accogliendo solo in parte le proposte formulate
Bellinzonese
7 ore

Liceo Bellinzona e prefabbricati, preoccupata pure la Direzione

E dal Collegio dei docenti giunti ‘diversi interventi su punti critici’ della soluzione provvisoria prevista nei tre anni di cantiere
Ticino
7 ore

Da un sacco di juta ‘il processo del secolo’

Il caso Zylla in un libro dell’avvocato ed ex magistrato Luciano Giudici, che sostenne l’accusa al dibattimento tenutosi nel 1973 a Locarno
Ticino
7 ore

Fonio: ‘Basta, i dipendenti pubblici non sono capri espiatori’

Il sindacalista Ocst e deputato Ppd torna sull‘iniziativa Udc votata dal parlamento e i tagli all’orizzonte: ’Ci rimettono sempre loro e la socialità’
Luganese
7 ore

Lugano, Pse ma quanto mi costi?

Srotolata la matassa finanziaria dell’investimento che rivoluzionerà il comparto di Cornaredo (se vincesse il sì il prossimo 28 novembre)
Ticino
01.09.2021 - 19:050
Aggiornamento : 22:15

'Digitalizzazione della giustizia, è ora di correre'

Ordine degli avvocati: Gianluca Padlina traccia un bilancio, con lo sguardo al futuro, della sua presidenza. Gli subentra, eletta dall'assemblea, Sarah Stadler

Si fa presto a dire giustizia digitalizzata in Svizzera. «Il traguardo purtroppo è ancora lontano. Il progetto ’Justitia 4.0' dovrebbe concretizzarsi, è stato indicato, tra il 2026 e il 2027: l’auspicio è che questo termine venga rispettato e che lo scambio dei documenti in formato digitale possa finalmente iniziare. In quest’ambito il nostro Paese è in ritardo nel confronto internazionale. Basti pensare all’Italia, dove l’utilizzo della posta elettronica certificata per la notifica degli atti giudiziari è una realtà da molti anni». Quello della digitalizzazione della giustizia è uno dei dossier che Gianluca Padlina lascia in eredità alla sua subentrante alla testa dell’Ordine ticinese degli avvocati. E cioè a Sarah Stadler, già vice di Padlina, eletta oggi pomeriggio dall’assemblea, tenutasi a Mendrisio, alla presidenza dell’Oati. Assemblea dell’Ordine preceduta, come da tradizione recente, da una conferenza stampa: gli ultimi appuntamenti di Padlina in veste di responsabile dell’Oati.

E nel tracciare il bilancio di oltre due anni vissuti da presidente - carica che ha assunto nel giugno del 2019 - non poteva non accennare al piano nazionale, che coinvolge Confederazione e Cantoni, per lo scambio elettronico “entro il 2026”, secondo il sito www.justitia40.ch, di dati e atti giudiziari fra le parti di un procedimento civile, penale o amministrativo. La digitalizzazione, ha evidenziato Padlina, «permette alle parti di un procedimento di interagire rapidamente e consente alla giustizia e ai suoi attori di ridurre i costi». Ovvero le spese postali e quelle derivanti da stampa e archiviazione di documenti. Per Padlina, bisogna adesso far di tutto per rispettare la scadenza del 2026, affinché la Svizzera «possa essere competitiva pure in questo settore». Anche se, ha riconosciuto il presidente uscente dell’Oati, «l’applicazione del progetto ha risvolti tecnici non indifferenti».

’Udienze in videoconferenza: aspetti da chiarire’

La digitalizzazione della giustizia passa comunque anche «dalla digitalizzazione degli studi legali», ha ricordato a sua volta Andrea Lenzin, da oggi vicepresidente dell’Ordine. Per questa ragione, ha fatto sapere, la Federazione svizzera degli avvocati (Fsa) «sta fornendo le necessarie informazioni ai propri affiliati, perché non perdano questo importante treno». ’Justitia 4.0' è tra gli argomenti al centro degli incontri fra l’Oati e la Divisione giustizia del Dipartimento istituzioni. «Ci ha fatto piacere che dietro nostra proposta il Cantone si sia messo a disposizione per eseguire dei test legati alla digitalizzazione», ha sostenuto Padlina, sottolineando «gli ottimi rapporti» fra l’Ordine e il Dipartimento. Ed è grazie pure a questi «ottimi rapporti» che «è stato possibile agevolare il lavoro degli studi legali durante la fase più acuta della pandemia con le conseguenti restrizioni decise dalla Confederazione». Già, un momento non facile. Per non bloccare la macchina della giustizia il Consiglio federale, ha rammentato Padlina «nell’aprile 2020 ha autorizzato, con un’ ordinanza, lo svolgimento, per un periodo limitato di tempo, delle udienze mediante videoconferenza, ma senza predisporre un disciplinamento né tecnico né procedurale». Sul tema «è poi intervenuto il Tribunale federale, stabilendo che per poter svolgere un dibattimento tramite videoconferenza serve il consenso di tutte le parti coinvolte». Il Tf «ha però lasciato aperta una serie di quesiti». Che il Consiglio dell’Ordine «ha sottoposto alla Federazione svizzera degli avvocati per i necessari approfondimenti, e chiarimenti, con le competenti autorità». E ancora: nonostante il coronavirus, il servizio di consulenza giuridica gratuita organizzato dell’Oati è rimasto attivo. Lo scorso anno «sono state offerte 423 consulenze, di cui 121 in forma telefonica per via della pandemia».

La pubblicazione delle sentenze cresciute in giudicato è un altro dei dossier sotto la lente dell’Ordine degli avvocati. «Abbiamo sollecitato il Cantone ad aggiornare il sito www.sentenze.ti.ch: sollecitiamo un aggiornamento tecnico ma anche - ha spiegato Padlina - una prassi uniforme da parte delle varie autorità giudiziarie, in modo che le decisioni definitive vengano pubblicate in tempi congrui». La banca dati delle sentenze pronunciate in Ticino «è per noi avvocati uno strumento di lavoro piuttosto importante per conoscere la giurisprudenza dei tribunali cantonali e come si evolve». Sull’argomento è peraltro pendente una mozione all’indirizzo del Consiglio di Stato dei deputati Fiorenzo Dadò (Ppd) e Sabrina Aldi (Lega). Per i due granconsiglieri l’accesso dei cittadini alle sentenze va migliorato. Occorre pertanto, scrivono nell’atto parlamentare, “migliorare l’implementazione del principio di pubblicità" e, aggiungono, “valutare l’adozione di un concetto di informazione dell’intero potere giudiziario”.

Oltre 760 iscritti

«Lascio la presidenza di un Ordine in piena salute», ha detto Padlina. Lo attestano anche i numeri: a inizio 2021 «erano iscritti 761 avvocati e 192 praticanti». A Gianluca Padlina succede Sarah Stadler. «Sono consapevole dell’impegno e della grande responsabilità che mi attendono, ma sono anche tranquilla e serena, poiché so di poter contare su un Consiglio dell’Ordine estremamente valido», ha dichiarato alla ’Regione’ la nuova presidente dell’Oati. Da segnalare che nel Consiglio sono entrati gli avvocati Athos Mecca e Vinh Giang, in sostituzione di Augusta Simoni e di Padlina, che dopo otto anni è tenuto «per limiti statutari» a uscire dall’organo esecutivo dell’Ordine. Da segnalare pure che l’assemblea ha omaggiato il giudice Mauro Mini, che dopo diciassette anni ha lasciato la magistratura (era presidente della Corte dei reclami penali). «Un magistrato distintosi in particolare nel campo della formazione e quale autore di opere dottrinali», ha sottolineato Padlina. Quest'ultimo non esce completamente di scena: a Padlina infatti il Consiglio dell’Oati ha affidato la presidenza della neonata commissione interna per le questioni di diritto pubblico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved