una-stagione-vitivinicola-compromessa-in-alcune-zone
Ti-Press
La vendemmia è alle porte
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
2 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
3 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
3 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
3 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
11 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
11 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
11 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
11 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
11 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
11 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
11 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
12 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
30.08.2021 - 18:53
Aggiornamento : 19:46

Una stagione vitivinicola compromessa in alcune zone

Maddalena: ‘Un’annata iniziata in ritardo e contraddistinta dal maltempo, ma ci sono anche delle note positive’

«Bisognerà valutare a vendemmia ultimata, ma per alcune regioni si parla di perdite importanti che arrivano anche fino al 90 o addirittura al 100% della produzione». Questo il punto della situazione sull’annata viticola esposto in conferenza stampa a Cugnasco da Giuliano Maddalena, presidente cantonale di Federviti. 

La stagione vegetativa si è infatti avviata e sviluppata con un certo ritardo rispetto agli anni precedenti a causa di condizioni meteorologiche instabili e parzialmente sfavorevoli. Tant’è che la maturazione ottimale delle uve dovrebbe essere raggiunta con 10-15 giorni di ritardo. «Quest’anno, penso di non esagerare – prosegue Maddalena –, abbiamo avuto una stagione un po’ difficile. Oltre al ritardo, le abbondanti precipitazioni hanno fatto emergere qualche problema e, in alcune zone, le grandinate hanno causato danni anche importanti». Si pensi qui alla regione di Biasca, al Bellinzonese da Arbedo fino a Sant’Antonino, alle Terre di Pedemonte e alla bassa Vallemaggia, dove a partire da inizio luglio la stagione viticola è stata caratterizzata da forti piogge che hanno toccato dei livelli massimi, ma anche da cadute di grandine che hanno provocato localmente perdite di raccolto e fogliame. In queste aree lo stato fitosanitario delle piante e dei grappoli appare in effetti delicato. Nel Mendrisiotto invece, contrariamente a quanto si verificava spesso in passato, non vi sono state grandinate, ma importanti precipitazioni che hanno causato anche degli scoscendimenti, soprattutto nei vigneti terrazzati. Qui, come pure nel Luganese, in parte del Bellinzonese e nel Locarnese, l’annata sembra dunque essere relativamente positiva. Vi sono quindi delle chiare differenze regionali.

‘Qualità alta, ma interventi fitosanitari difficoltosi’

Il susseguirsi di giorni piovosi, variabili sul territorio per frequenza e intensità, ha poi reso impegnativa la pianificazione degli interventi fitosanitari: «Dato che questi prodotti richiedono di essere applicati in un lasso di tempo in cui non piove – spiega Maddalena –, è spesso risultato difficile trovare un momento in cui il trattamento potesse fare effetto e asciugarsi sulla superfice fogliare o sui grappoli. Questa complicanza ha probabilmente avuto delle ripercussioni, quali la segnalazione di alcuni focolai di peronospora e di oidio. Intanto, non ci sono però grosse indicazioni relative alla ‘Drosophila suzukii’, il famoso moscerino del ciliegio. Sarà da vedere nelle prossime settimane cosa succederà».

Nel settore, il mese di settembre è in effetti sempre determinante, ragione per cui le condizioni meteorologiche influenzeranno i risultati della vendemmia. A ogni modo, secondo Maddalena, riguardo alla qualità non ci sono dubbi. «Le uve che giungeranno in cantina saranno come sempre ottime, perché i viticoltori lavorano in modo estremamente professionale. Evidentemente, questa condizione si rifletterà anche sul livello del vino che verrà prodotto».

‘Un prezzo frutto della trattativa tra più enti’

E per quanto concerne i quantitativi e i prezzi concordati? «Quest’anno, per le uve di Merlot vinificate sotto la denominazione Ticino Doc, le cantine si sono impegnate a rispettare il limite di produzione di 840 grammi per metro quadrato e il relativo prezzo è stato fissato a quattro franchi per chilo. Noi come Federviti – precisa il presidente dell’associazione – avevamo chiesto di ripristinare la tabella del 2018, che partiva da un prezzo base di 4,15, ma come si sa, quando ci sono delle trattative tra vari enti, occorre trovare un compromesso e riteniamo che la soluzione trovata sia accettabile. Quello che speriamo, contrariamente a ciò che si è verificato l’anno scorso, è che le cantine seguano queste indicazioni giunte dall’Interprofessione della vite e del vino Ticino (Ivvt)».

‘Le reti antigrandine hanno permesso di limitare i danni’

Quest’anno la questione grandine e maltempo occupa indubbiamente un posto centrale nella discussione sulla resa delle vigne. Nel Bellinzonese e nella regione Tre Valli, dove la grandine ha colpito con forza a inizio luglio, i viticoltori hanno infatti perso fino al 90% del raccolto, ma le protezioni hanno permesso di limitarle dal 5 al 20-30%. E non si tratta di un caso isolato: «I danni più contenuti sono stati registrati laddove era stata installata la rete antigrandine – afferma Maddalena –, i più importanti al contrario hanno toccato chi non l’aveva. Comunque, la maggior parte dei produttori, tenuto conto di questi fenomeni atmosferici che si ripetono abbastanza frequentemente e che diventeranno una costante nei prossimi anni, si sono dotati di una rete. È vero, c’è un investimento in tempo e denaro, che però alla fine forse viene ripagato».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
federviti giuliano maddalena ivvt maltempo uva vendemmia vino
Archivio Ti-Press
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved