covid-presentato-un-pacchetto-di-sostegno-alle-strutture-sanitarie
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 min

Traffico di cocaina: scattano le manette per otto persone

Lo comunicano il Ministero pubblico e la Polizia cantonale. Arrestati cinque albanesi, un’italiana e due svizzeri
Luganese
56 min

Quell’appartamento a Lugano divenuto crocevia dello spaccio

Tre anni di carcere in parte sospesi alle Criminali a un cittadino albanese recidivo che ha ammesso un traffico di 300 grammi di cocaina
Locarnese
1 ora

La Vos da Locarno torna a cantare

Concerto a Muralto: coro ospite sarà il Gruppo Vocale Cantadonna
Locarnese
1 ora

Avegno, concerto natalizio

Corali, organo e clarinetto. Poi vin brûlé e panettone
Locarnese
1 ora

Orizzonti filosofici a Riazzino, conferenza annullata

Non si terrà l’incontro con Sebastiano Maffettone
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, il mercatino di Natale mette la mascherina

L’appuntamento con inizio l’8 dicembre è confermato. Le bancarelle animeranno il centro per sette giorni.
Ticino
2 ore

Nel weekend in Ticino registrati 404 nuovi casi e 3 decessi

I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77, fra questi 11 si trovano in cure intense. Nelle case anziani i nuovi contagi sono 3
Bellinzonese
2 ore

È morto l’architetto Aurelio Galfetti

Co-fondatore dell’Accademia di architettura di Mendrisio, si è spento a Bellinzona all’età di 85 anni
Ticino
3 ore

Cellulare al volante, pericolo costante

Lanciata la campagna di Strade sicure, con lo scopo di sensibilizzare i conducenti sui pericoli derivanti dall’utilizzo del telefonino alla guida
Ticino
5 ore

Psicologi, richiesta una proroga per il cambio di prassi

Nel 2018 la Commissione federale ha apportato delle modifiche senza comunicarle
Mendrisiotto
7 ore

Strategia energetica 2050, Mendrisio e Novazzano della partita

I due Comuni tra i vincitori del bando di concorso indetto dall’Ufficio federale dell’energia. Parola ai sindaci, che illustrano progetti mirati
Ticino
7 ore

‘I piani regolatori sono spesso eccessivi’

L’architetto: ‘Per riattivare gli edifici è necessaria la collaborazione fra professionisti’
Ticino
06.08.2021 - 12:300
Aggiornamento : 19:02

Covid, presentato un pacchetto di sostegno alle strutture sanitarie

Il CdS vuole potenziare il dispositivo ospedaliero per il ricovero di pazienti affetti da coronavirus. De Rosa: ‘Ancora troppe persone a rischio non vaccinate’

«Ci sono 13mila persone over 65 non vaccinate e altrettante tra i 55 e i 65 anni. Persone che hanno dunque potenzialmente un di rischio elevato di essere ricoverate in ospedale nel caso dovessero contrarre il virus», ha affermato questa mattina il presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli in conferenza stampa. L’incontro è stato indetto dal CdS per presentare l’approvazione del messaggio “per il mantenimento in prontezza di un dispositivo ospedaliero potenziato per il ricovero di pazienti Covid fino all’estate 2022”. Sono inoltre stati stanziati “i crediti necessari a coprire i costi supplementari sostenuti dalle strutture sanitarie nel corso del 2020 a seguito della pandemia”. Per quanto concerne il riconoscimento parziale dei mancati introiti da parte dell strutture sanitarie il direttore della Divisione della salute pubblica Paolo Bianchi ha spiegato: «Mancando una base legale, la decisione sarà eventualmente del Parlamento. Il Cantone garantisce comunque una certa sicurezza agli Istituti – ha ricordato –, però vi sono i mancati introiti legati alla parte degli assicuratori malattia, o il mancato pagamento degli introiti per quanto riguarda l'attività ambulatoriale. Le discussioni federali non sono formalmente chiuse, ma non vi sono molte speranze in questo senso. L'idea del Governo è di lavorare su scenari che prendano in carico almeno parte di queste spese».

«Da luglio i contagi sono tornati a salire a causa della variante Delta e prevediamo un aumento nei mesi invernali», ha detto Bertoli. Questo nonostante sia difficile fare delle previsioni per il futuro: «Ci sono aspetti positivi e negativi. I primi sono legati all’efficacia della vaccinazione, i secondi alle varianti più contagiose». Il presidente del Consiglio di Stato ha ricordato che la vaccinazione è la via maestra per poter uscire dalla pandemia. A fargli eco il direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa: «La variante Delta rappresenta oltre il 90 per cento dei casi e con essa il rischio di ospedalizzazione è doppio. Il vaccino è dunque determinante perché riduce almeno del 90 per cento il rischio di un decorso grave della malattia». Per questo motivo il Dss proporrà una campagna di sensibilizzazione diretta principalmente verso i gruppi a rischio: «I tassi di adesione sono buoni, ma non sufficienti», ha affermato De Rosa.

«A causa del rischio di dover ricoverare nuovamente malati gravi, il Governo ha proceduto a stimare un fabbisogno di letti di cure intense», ha spiegato il direttore del Dss. I 3,5 milioni di franchi espressi nel messaggio «servono a coprire i costi di circa 10 medici e 40 operatori del personale infermieristico che saranno impiegati almeno fino alla prossima estate». Il costo della misura si basa sulla seguente stima: fino a 170 pazienti Covid nello stesso momento, di cui fino a 25 letti di cure intense. 

Per quanto riguarda la gestione della pandemia il CdS ha deciso di stanziare circa 20 milioni di franchi: «Con questo pacchetto a supporto dell'attività ospedaliera daremo un contributo tangibile – ha continuato De Rosa –. In un contesto d'incertezza, il CdS intende dare una risposta garantendo letti e personale e rafforzandoli del 25%. Si ritiene importante valorizzare le competenze e soprattutto garantire la gestione della pandemia senza togliere forze altrove».

«Le cure intense sono il limite principale nella possibilità di prendere a carico un numero elevato di pazienti. Lo abbiamo visto nella prima e nella seconda ondata. Sono postazioni complesse a livello di logistica, di struttura e anche di ricerca di personale adeguato», ha ricordato Bianchi. «I limiti strutturali e di materiale sono stati risolti con l'acquisto di ventilatori e apparecchiature specialistiche necessarie. Il limite principale resta quello delle competenze umane. A livello infermieristico servono 2,6 unità per posto letto. Di queste il 30 per cento deve essere infermiere specializzato, ciò impone una formazione adeguata e un'esperienza consolidata». Riguardo agli sforzi del personale sanitario nei mesi scorsi il direttore della Divisione della salute pubblica si è espresso così: «Non sono replicabili e nemmeno giustificabili laddove il sistema ospedaliero è stato ridefinito. Ora possiamo prevedere un aumento delle ospedalizzazioni e quindi non è più accettabile non avere una programmazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved