e-urgente-un-piano-climatico-cantonale
Nel riquadro la deputata Cristina Gardenghi (foto principale Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

‘Il processo Zylla’, presentazione spostata al Dfa Supsi

Domani sera dalle 18.15 il libro dell’ex magistrato Luciano Giudici verrà illustrato nell’Aula magna del Dipartimento formazione e apprendimento a Locarno
Locarnese
12 min

Ad Ascona l’inaugurazione del Bicentenario Antonio Ciseri

Domani alle 18 al Museo Castello San Materno parte la mostra realizzata in collaborazione con l’associazione dedicata al grande artista
Ticino
13 min

Intervista a monsignor Chiappini: trasmissione contestata

L’Autorità indipendente in materia radiotelevisiva esaminerà un ricorso contro la puntata di ‘Millevoci’ sulla vicenda giudiziaria del religioso
Luganese
17 min

Si apre a Lugano la campagna per i contributi 2022

Per persone fisiche o giuridiche, ed enti che svolgono un’attività sociale, educativa, ambientale, sportiva, culturale, ricreativa e turistica
Luganese
31 min

Finanze, Lugano vede sempre più rosso

Preventivo 2022: deficit d’esercizio di 24,2 milioni di franchi. Foletti: ‘Resto fiducioso ma faticheremmo a sopportare altri due anni di pandemia’
Locarnese
33 min

Loco e Intragna, i musei domenica chiudono

Stagione espositiva al termine per le due realtà etnografiche regionali
Mendrisiotto
34 min

I volti del nuovo Ufficio presidenziale del Plr di Mendrisio

Rinnovato il comitato del prossimo quadriennio: ‘Ci impegneremo sempre per la nostra cittadina, più bella, più coraggiosa e più trasparente’
Locarnese
37 min

Minusio, Quartiere Rivapiana in seduta

L’assemblea dell’associazione domenica 14 novembre a Casa San Vittore di Muralto. All’ordine del giorno anche le nomine statutarie
Luganese
39 min

Al via nel weekend la prima edizione di Lugano Classic

La kermesse, dedicata alle auto d’epoca ma non solo, animerà nell’ultimo fine settimana di ottobre alcune fra le più belle piazze del centro
Locarnese
1 ora

Salva, il nuovo Regolamento dei dipendenti e la sua incidenza

Il Servizio ambulanza del Locarnese sta valutando cosa cambierà con la sua introduzione. Ai Comuni un fabbisogno da coprire di 2,41 milioni
Locarnese
1 ora

Ppd Locarno, Akai chiede la conferma alla presidenza

‘Dopo le Comunali, delusissimo, volevo lasciare, ma ci ho ripensato perché ci tengo molto’. Deciderà la prossima assemblea
Bellinzonese
1 ora

Rodi-Fiesso, Leventina Calcio in assemblea

Appuntamento per giovedì 18 novembre alle 20 al Ristorante Baldi
Bellinzonese
1 ora

‘Sentire con le protesi acustiche’ a Bellinzona

Il corso si terrà dalle 14 alle 15 alla sede di ATiDU (Salita Mariotti 2) il 12 e il 19 novembre, così come il 3 dicembre
Bellinzonese
1 ora

Mercatino di Natale a Quinto

L’evento si terrà l’8 dicembre (9.30-12.30) sul piazzale esterno dello Stadio multifunzionale di Ambrì e sarà abbinato alla vendita di alberelli di Natale
Bellinzonese
2 ore

Lottigna, finissage della rassegna ‘50 di voce 50 di blenio’

Appuntamento per domenica 7 novembre al Museo storico etnografico. Alle 16 si esibirà anche il gruppo di musica popolare Vox Blenii
Grigioni
2 ore

Guida in stato di inettitudine, impatta con il muro e si ribalta

L’incidente sulla strada cantonale H29 lungo il lago di Poschiavo, fra Le Prese e Miralago. Il 19enne guidava con una patente in prova
Mendrisiotto
2 ore

Doppio credito di circa 600mila franchi per Morbio Inferiore

Da interventi per la sistemazione della canalizzazione comunale alla sostituzione delle condotte dell’acqua potabile in via Maestri Comacini
Ticino
 
03.08.2021 - 05:150
Aggiornamento : 14:41

‘È urgente un Piano climatico cantonale’

I Verdi chiedono al Consiglio di Stato di elaborarlo entro la fine di quest’anno: occorre agire anche a livello cantonale. E ribadiscono: il Pec non c’entra

“Urge assolutamente agire anche a livello di Canton Ticino per arginare gli effetti nefasti dei cambiamenti climatici”. Ragion per cui il Ticino “si doti al più presto di un Piano climatico cantonale”. I Verdi, tramite il gruppo in Gran Consiglio, rilanciano.

Stavolta lo fanno con una mozione, dopo aver sollevato il tema lo scorso febbraio con un altro atto parlamentare: un’interrogazione ("Un piano cantonale climatico per il Ticino?") stilata da Nicola Schoenenberger e sottoscritta anche da deputati di altri partiti. Interrogazione alla quale il Consiglio di Stato ha risposto in maggio, sostenendo fra l’altro che il Piano energetico cantonale (Pec) "è già di per sé un piano climatico” e ricordando che con il messaggio governativo accolto poche settimane prima dal Gran Consiglio “si è proposta una modifica delle basi legali del Pec, affinché possa diventare a tutti gli effetti il documento di riferimento della politica energetica e della politica climatica cantonale”. Ma gli ecologisti non ci stanno. Nella mozione - prima firmataria Cristina Gardenghi - ribadiscono che "è necessario che i due piani cantonali, quello energetico e quello climatico, siano distinti”. Osservano: “Nella sua missione di contrasto al surriscaldamento globale, la politica climatica non può limitarsi al settore energetico": eventualmente, aggiungono, il Pec “dovrebbe essere integrato nel Piano climatico, non il contrario”. Chiedono quindi al Consiglio di Stato di elaborare - “entro fine 2021” - un Piano climatico cantonale.

Gli obiettivi

Un Piano ad hoc insomma. Che “integri gli obiettivi di riduzione delle emissioni interne vincolanti e precisi, conformemente agli impegni presi dal nostro Paese nel quadro dell’Accordo di Parigi sul clima”. Che, scrivono ancora i Verdi, “contempli e strutturi le misure di riduzione delle emissioni in tutti i settori in cui esse sono generate" e ciò "attraverso un piano di azione”. Che “preveda un piano di intervento strutturato per quanto riguarda la cattura e lo stoccaggio di emissioni di gas a effetto serra”. Che “preveda una riflessione su come affrontare le emissioni grigie” (emissioni “prodotte all’estero a causa della produzione, del trasporto e dello stoccaggio dei beni che importiamo") nei vari settori e “proponga misure concrete per la loro riduzione”. Un Piano climatico cantonale che “integri una strategia coordinata di adattamento ai cambiamenti climatici già in corso nei vari ambiti in cui sono stati identificati dei rischi”. Che “attribuisca compiti concreti ai vari settori dell’Amministrazione cantonale”. E che “definisca le incombenze delle amministrazioni comunali e degli enti di diritto pubblico (enti regionali di sviluppo, patriziati ecc.)".

’Fenomeni meteo estremi’

La mozione è stata peraltro confezionata in un periodo meteorologicamente contraddistinto da eventi meteorologici estremi, dentro e fuori i confini cantonali e nazionali. I Verdi non hanno dubbi: un "susseguirsi" e "intensificarsi" di fenomeni,"sintomo" dei mutamenti climatici in atto. Mutamenti che costituiscono, sottolineano nell’atto parlamentare, “una delle più grandi sfide a cui la nostra società deve far fronte nel breve, medio e lungo termine”. I maggiori danni e pericoli provocati "dall’intensificarsi di fenomeni meteorologici estremi come quelli a cui stiamo assistendo in queste settimane”, annotano gli ecologisti, “sono una delle dimostrazioni più palesi, ma la lista di conseguenze soprattutto a lungo termine è ben più estesa e costituisce una reale minaccia per la popolazione attuale e futura, sia a livello locale che globale”. Tuttavia il tempo utile per agire “si assottiglia inesorabilmente: tutti gli scenari dell’Ipcc (il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico, ndr) indicano che se si vuole restare entro la soglia di riscaldamento globale di +1.5 °C, necessaria a contenere i danni sulla specie umana e sugli ecosistemi dai quali essa dipende, una riduzione allo zero netto delle emissioni a livello globale è necessaria entro il 2050”. Per i Verdi, il Ticino “non può sottrarsi a questa missione e deve trovare una soluzione per passare dalle attuali 1,53 milioni di tonnellate di CO2eq emesse all’anno solo all’interno dei propri confini (dato riferito al 2020) allo zero netto in meno di 30 anni”. Per questo il Cantone “deve innanzitutto accordare alla crisi climatica l’attenzione che merita, come fatto per altre minacce per popolazione ed economia (vedi misure di contrasto alla pandemia di Coronavirus), sia in termini di risorse stanziate che di elaborazione di strumenti d’azione efficaci”.

Da qui la necessità di “un Piano che ridefinisca in modo chiaro le varie tappe della riduzione delle emissioni per i vari settori, che integri le potenzialità delle soluzioni di cattura e stoccaggio delle emissioni e che coordini le varie strategie di adattamento alle nuove condizioni climatiche”. Un Piano in tal senso - evidenziano Gardenghi, Schoenenberger, Claudia Crivelli Barella, Marco Noi, Andrea Stephani e Samantha Bourgoin nella mozione - "è un elemento fondamentale di un’azione coraggiosa ed efficace di contrasto ai cambiamenti climatici ed è assolutamente indispensabile che venga istituito il più presto possibile”. Afferma Cristina Gardenghi, interpellata dalla ’Regione’: «Attendiamo la presa di posizione del Consiglio di Stato sulla mozione, anche se è assai poco probabile che nel giro di pochi mesi cambierà idea. Noi insistiamo: Piano energetico e Piano climatico, pur essendo in qualche modo legati, non sono la stessa cosa. Se il governo non vuole allestire un Piano climatico, separato dal Pec, almeno rediga un piano di coordinamento che contenga tutte quelle misure di adattamento ai cambiamenti climatici. E questo piano non è il Pec: l’adattamento ai mutamenti climatici non rientra nella politica energetica».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved