ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
14 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
15 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
16 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
19 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 gior

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 gior

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
1 gior

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
1 gior

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
1 gior

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
31.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 11:07

Pioggia senza fine, acque sott’occhio

Della Bruna: ancora precipitazioni ma meno intense di quelle degli scorsi giorni

pioggia-senza-fine-acque-sott-occhio
Ti–Press
Il fiume Breggia in piena

Ancora pioggia. Sì perché MeteoSvizzera ha diramato un’allerta per precipitazioni di grado 2 per Locarnese, Verzasca e alta Vallemaggia e grado 3 per il resto del cantone. Il pericolo è previsto dalle 12 di oggi fino allo stesso orario di domani domenica. «Stasera ci sarà già un piccolo assaggio, ma non dovrebbero trattarsi di fenomeni particolarmente estesi o forti, qualche rovescio e qualche temporale», ci diceva ieri pomeriggio Guido Della Bruna di MeteoSvizzera. Le piogge fra sabato e domenica comunque, aggiungeva, «non saranno così abbondanti come negli scorsi giorni e si concentreranno un po’ più a nord rispetto a quelle di questa settimana. Toccheranno quindi maggiormente il Ticino centrale, orientale, fino al Moesano e le valli meridionali dei Grigioni. Il Sottoceneri, la zona più toccata negli episodi precedenti, dovrebbe essere un po’ a margine».

Dati alla mano, “fra il 25 e il 28 luglio, a Lugano sono caduti ogni giorno più di 30 litri per metro quadrato. In particolare, sono stati misurati 46,8 millimetri domenica, 31,9 lunedì, 37,1 martedì 27 e ben 80,9 durante la giornata di mercoledì, per un totale di 196,7 millimetri o litri per metro quadrato”, si legge sul blog di MeteoSvizzera. Si tratta di un evento piuttosto insolito: “Analizzando la serie storica, scopriamo che in estate quattro giorni consecutivi con più di 30 millimetri al giorno si erano verificati solamente fra il 21 e il 24 agosto del 1900. Allora ne caddero addirittura più di 60 ogni giorno, con un picco di 130,3 il giorno 23. Il totale di quei quattro giorni raggiunse 355,6 millimetri».

Millimetri di pioggia caduta che diventano anche millimetri di innalzamento di laghi e fiumi. Quello in arrivo stasera sarà però un «evento abbastanza veloce», rileva Della Bruna. «Probabilmente non avrà grandi ripercussioni sul livello dei laghi, ma piuttosto alcuni effetti locali sui piccoli-medi corsi d’acqua, soprattutto riali e torrenti».

Livelli, Breggia da record

Stando quindi alle previsioni meteo per il weekend, non dovrebbero esserci (mai come di questi tempi il condizionale è d’obbligo) precipitazioni di intensità paragonabile a quelle dei giorni scorsi. Tuttavia laghi e fiumi restano osservati speciali. «Le reti di monitoraggio di corsi d’acqua e laghi sono due, coordinate e integrate fra di loro: quella dell’Ufficio federale dell’ambiente, l’Ufam, e quella del nostro Ufficio, per quanto riguarda i corsi d’acqua di importanza regionale e i corsi d’acqua minori”, spiega dal Dipartimento del territorio l’ingegner Andrea Salvetti, collaboratore scientifico dell’Ufficio dei corsi d’acqua, di cui è responsabile del Settore dati di base (idrologia, pericoli naturali, regolazione laghi).

A Salvetti la ‘Regione’ si è rivolta per sapere in quale misura le intense piogge di questa settimana abbiano inciso sul livello di alcuni fiumi e laghi in Ticino, perlomeno quelli principali. Cominciamo dai laghi. Il Ceresio è aumentato “di 53 centimetri da domenica 25, di cui 40 da martedì a mezzanotte”. Il valore massimo, indica Salvetti, è stato raggiunto giovedì mattina: 270,85 metri sopra il livello del mare. “Oggi (venerdì, ndr) il livello si è abbassato di quattro centimetri”, fa sapere Salvetti. Nessun incremento significativo invece per quanto riguarda il Verbano.

Passiamo ai fiumi. In territorio di Bellinzona il Ticino “ha registrato mercoledì pomeriggio una piccola piena, poco significativa, raggiungendo una portata di 391 metri cubi al secondo”. Maggia: “Nessuna piena significativa. La portata massima, sempre mercoledì, in territorio di Locarno: 115 metri cubi al secondo”. Nessuna piena significativa, rimanendo nel Sopraceneri, anche per il fiume Verzasca. A Lavertezzo la portata massima è stata misurata anche in questo caso mercoledì pomeriggio: 140 metri cubi al secondo.

Tutt’altro discorso per il fiume Breggia. Sottoceneri. Martedì mattina, segnala Salvetti, “c’è stata una piena eccezionale, in territorio di Chiasso: in base agli ultimi rilievi, la portata del Breggia ha oltrepassato i 150 metri cubi al secondo, è stato dunque superato il precedente record del 12 giugno 1982 registrato in cinquantasei anni di osservazioni”. Dei corsi d’acqua citati si è trattato dell’unico evento “veramente eccezionale legato alle abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi”, afferma il collaboratore scientifico del Dipartimento del territorio.

Danni e disagi sono stati provocati soprattutto da piccoli torrenti e ruscelli straripati e ciò a causa “dell’elevata frequenza particolarmente ravvicinata di fenomeni temporaleschi”.

Situazione molto critica a Como

Da ieri mattina in piazza Cavour a Como sono sospesi i pontili della Navigazione Lariana Lago di Como. La decisione è stata presa in quanto non cessa l’emergenza, anzi continua ad aumentare, nel primo bacino del lago di Como dove continuano ad affluire e ad accumularsi tronchi, ramaglia e molti altri rifiuti portati a valle dopo l’alluvione che nei giorni scorsi ha colpito numerosi comuni comaschi causando notevolissimi danni, che stando a una stima in difetto ammonterebbero a oltre 20 milioni di euro. Le immagini che senza precedenti arrivano dalla zona antistante piazza Cavour sono ancora una volta impressionanti. La superficie del lago è pressoché invisibile per diverse centinaia di metri quadrati. Una coltre compatta e marrone soffoca letteralmente l’azzurro del Lario, i pontili della Navigazione appaiono letteralmente affondati nel legname. La massa di detriti, oltre a deturpare l’immagine del lago, ha provocato la rottura delle eliche di vari natanti ed ha anche impedito la partenza delle navi e soprattutto l’utilizzo dei mezzi più rapidi e capienti.

La situazione del primo bacino del lago di Como è stata affrontata nel pomeriggio in Prefettura, dove su disposizione del prefetto Andrea Polichetti, si è riunito il Centro coordinamento soccorsi. Considerato che l’attività dei due battelli spazzini – pur incessante – non riesce ancora a scalfire la situazione, e stato deciso che da domani in aggiunta ai due battelli spazzini, saranno all’opera tre grandi gru, montate su camion, che dalla riva con “ragni” pescheranno quando galleggia sulle acque del lago di Como. In due giorni, giovedì e ieri, sono stati smaltiti cento quintali di detriti. C’è ancora molto da fare. «Per dare un’idea della situazione, stiamo smaltendo 50 quintali di detriti al giorno, e non si vede la differenza – osserva in una nota Marco Galli, assessore all’ambiente del Comune di Como –. Ci vorranno ancora diversi giorni prima di rivedere il lago pulito da rami, foglie, tronchi e arbusti». Una previsione sul fatto che sarebbero non meno di 700 chilogrammi i detriti che spinti dalle correnti sono arrivati nella zona antistante piazza Cavour. C’è anche da considerare che sono previsti altri temporali, che inevitabilmente potrebbero peggiorare la situazione. Nell’incontro di ieri si è affrontato anche il tema della viabilità. Soprattutto per quanto riguarda le statali Regina e Larina, le due litoranee del Lario, che, fa sapere la Prefettura, continuano a essere ancora chiuse al traffico. Lungo la statale Regina il transito è consentito solo ai mezzi di soccorso o per ragione d’urgenza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved