CILIC M. (CRO)
DJOKOVIC N. (SRB)
18:30
 
in-futuro-sempre-piu-eventi-meteorologici-estremi
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
14 min

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
30 min

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
Bellinzonese
52 min

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
59 min

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
1 ora

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
1 ora

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Locarnese
1 ora

Brione Verzasca, mercatino in piazza

Bancarelle e San Nicolao
Locarnese
1 ora

Musica di Minusio, Concerto di gala

Ad aprire la manifestazione sarà la minibanda Lago Maggiore
Mendrisiotto
1 ora

Stabio fa gli auguri a Dolores Keller

Il sindaco Simone Castelletti ha fatto visita alla concittadina per le sue cento candeline
Ticino
1 ora

Angelo Piritore e Alessandro Recalcati alla testa di Atio

Rinnovati la presidenza e il comitato dell’Associazione ticinese industria orologiera che raggruppa una quarantina di aziende
Mendrisiotto
1 ora

Metalli preziosi, MKS e Pamp rafforzano la loro intesa

La gran parte dei dipendenti (200) saranno impiegati in Ticino. Confermato l’impegno a livello regionale
Luganese
2 ore

Lugano, la Moncucco amplia il Consiglio d’amministrazione

Due nuovi membri nel Cda della Clinica Luganese: il dottor Jürg Beer (Kantonsspital Baden) e Bruno Guggisberg (Spital Simmental-Thun-Saanenland)
Bellinzonese
2 ore

Stalvedro, l’ex direttore dovrà andare in carcere sei mesi

Colpevole di aver sottratto un milione di franchi dalla cassaforte dell’area di servizio, è stato condannato a due anni e mezzo, in gran parte sospesi
Luganese
2 ore

Municipio Lugano: ‘Al Parco Saroli proporzionalità rispettata’

L’esecutivo ha fornito (alcune) risposte sui tafferugli dello scorso settembre, durante i quali la Polizia comunale ha usato proiettili di gomma
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisiotto, le vaccinazioni si spostano al Palapenz

La soluzione è provvisoria e durerà un mese. Dalla metà di gennaio il centro delle vaccinazioni tornerà a essere il Mercato Coperto di Mendrisio
Locarnese
2 ore

Viaggio a Betlemme con la Dante Alighieri

Concerto natalizio dei Vent Negru sabato alle 17 all’Oratorio San Giovanni Bosco per i soci dell’Associazione
Locarnese
3 ore

Brissago, chiusura del 500esimo

Discorsi ufficiali, targa commemorativa, musica, conferenza e una mostra curata dagli alunni delle scuole
Locarnese
3 ore

Richiesta tardiva, Berna non aiuta il ‘Cucciolo’ di Locarno

La sentenza del Taf conferma la decisione dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali. Per il nido una partenza non facile
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, il pranzo degli anziani non ci sarà

Lo comunica il Municipio: l’evento avrebbe dovuto tenersi domenica 5 dicembre alle scuole elementari
Mendrisiotto
4 ore

Riva San Vitale, annullato il mercatino di Natale

Lo comunicano Municipio e Associazione Testematte a seguito dell’evolversi della situazione sanitaria
Ticino
 
23.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:09

‘In futuro sempre più eventi meteorologici estremi’

Marco Gaia di MeteoSvizzera: ‘Senza provvedimenti mirati per proteggere il clima l’incremento della temperatura media estiva sarà di 2,5 – 4,5 °C’

Prima forti temporali e temperature basse e poi canicola. Sul cantone si sono abbattuti vari fenomeni meteorologici in poco tempo. Abbiamo chiesto a Marco Gaia, responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera, di spiegarci cosa sta succedendo.

Questo cambio repentino di condizioni meteo è qualcosa di normale?

La caratteristica principale delle condizioni meteorologiche tipiche in Svizzera è la loro forte variabilità: da un giorno all’altro, da una settimana all’altra, da un mese all’altro, le condizioni possono cambiare anche in modo repentino. In questo senso il passaggio dai temporali e le temperature fresche, alla situazione di canicola non è nulla di straordinario e non è collegato con i cambiamenti climatici. Essere a metà strada fra l’equatore e i poli, assieme alla presenza delle montagne, favorisce questi scherzi meteorologici.

Le due recenti ondate di maltempo sono invece eventi insoliti?

Temporali forti con grandine sono fenomeni del tutto normali. L’intensità è stata tale da provocare danni ingenti e quindi ha creato tanto eco mass-mediatico. Per fortuna questi eventi non capitano regolarmente: in alcuni anni se ne registrano vari, in altri nessuno. Il fatto che proprio in una settimana ne passino due è poco probabile, ma può succedere.

Quanto sono legati questi fenomeni al cambiamento climatico?

Il cambiamento climatico sta avvenendo e vi sono dei mutamenti anche qui in Ticino. La causa principale sono i gas a effetto serra emessi tramite le attività umane. Come si manifesta questo cambiamento dipende poi da regione a regione. Un elemento chiaro è l’aumento delle temperature che sta avvenendo da alcuni decenni. Temperature più elevate significano avere più energia a disposizione nell’atmosfera, energia che si sfoga e si tramuta in fenomeni atmosferici più intensi. La descrizione scientifica, oggigiorno solida, indica che dobbiamo aspettarci un aumento delle precipitazioni intense. I primi segnali si iniziano a misurare anche da noi, pur se non ancora così chiari come l’aumento della temperatura.

Spesso si sente dire che non ci sono più le mezze stagioni. È vero?

Da una parte è un detto popolare, dicevano così anche nei secoli passati, come dimostrano alcuni testi storici. Dall’altra è vero che da noi l’inverno dura oggigiorno meno e si passa più rapidamente alle temperature estive. Ciò è dimostrato dal fatto che negli ultimi quarant’anni la vegetazione si risveglia circa due settimane in anticipo rispetto a prima.

È possibile invertire la rotta dei cambiamenti climatici?

Gli studi mostrano che ci sono dei mutamenti che non si possono più evitare. L’anidride carbonica che si immette nell’atmosfera rimane infatti all’interno di quest’ultima circa 200-300 anni. Parallelamente gli stessi studi mostrano che se proviamo a chiudere tutti i “rubinetti” con cui emettiamo gas a effetto serra, quindi se decarbonizziamo la nostra società e sostituiamo le fonti fossili con quelle che non emettono CO2, possiamo diminuire l’ampiezza di questi cambiamenti. Si stima che con una efficace e immediata diminuzione delle emissioni di gas a effetto serra, entro la fine del secolo in corso possiamo diminuire in Svizzera di circa due terzi l’impatto di questi cambiamenti.

Lo scenario altrimenti quale sarebbe?

Facendo un esempio concreto, con efficaci provvedimenti di protezione del clima in estate la temperatura media aumenterà comunque ancora di circa 1,5 °C, ma senza provvedimenti mirati per proteggere il clima l’incremento sarebbe di 2,5-4,5 °C.

Passiamo ora alla meteorologia. Quali sono le nuove tecnologie o sistemi in uso o in progettazione per rendere più precise le previsioni?

Sostanzialmente ci sono un paio di trend che si stanno delineando per i prossimi anni. Uno è di ricorrere all’uso del cosiddetto ‘machine learning’, una branca dell’intelligenza artificiale. Invece di descrivere il singolo fenomeno sulla base delle leggi della fisica, si cerca di sfruttare l’immensa potenza di calcolo dei moderni computer per far loro vagliare miliardi di dati alla ricerca di comportamenti dell’atmosfera che in qualche modo si ripetono. Ad esempio, se negli anni si nota che i temporali presenti in una regione X vanno sempre verso la regione Y, allora è probabile che lo faranno anche in futuro. L’idea di base è che le leggi della natura non variano: quella della fisica che mi descriveva come si muoveva la nuvola dieci anni fa vale anche oggi.

Il secondo aspetto è legato al rilevamento delle condizioni atmosferiche. Per poter fare le previsioni abbiamo bisogno di conoscere nel modo più preciso possibile qual è lo stato dell’atmosfera in un certo istante, idealmente su tutta la Terra. Noi non possiamo installare stazioni di misura a ogni angolo della strada, costerebbero troppo. Però quasi ovunque inizia a esserci un’automobile, un telefonino, una telecamera di sorveglianza dotati di un termometro o di un barometro. Questo ‘internet of things’, l’internet delle cose, può essere da noi sfruttato per aumentare la mole di informazioni a disposizione, compensando così le lacune della nostra rete di stazioni di misura. Un altro metodo che si usa per ottenere informazioni è il ‘crowdsourcing’, cioè il fatto di chiedere e registrare le segnalazioni delle persone. Noi lo utilizziamo attualmente per la grandine, che essendo un fenomeno molto locale è difficile da rilevare. Ma ci sono piani per un suo ampliamento ad altri fenomeni meteorologici.

A che punto è MeteoSvizzera riguardo a queste tecnologie?

Siamo attivi con dei progetti di ricerca, ma ci vorrà ancora qualche anno per consolidare i risultati. Le prime applicazioni basate sul ‘machine learning’ sono però già a disposizione: l’animazione sulla nostra App che mostra le precipitazioni, minuto per minuto, della pioggia per le ore seguenti sfrutta un algoritmo di ‘machine learning’.

Da parecchio tempo si studia l’attività solare, essa ha degli influssi sulla meteo?

Il Sole influenza la Terra, poiché mette a disposizione l’energia che serve a dare vita a tutti i fenomeni che si registrano nell’atmosfera. Il riscaldamento differenziato delle masse d’aria sulle varie regioni della Terra è alla base dello sviluppo delle correnti d’aria, in seguito delle precipitazioni eccetera. Sono state fatte molte ricerche ma una relazione diretta sulla meteo giornaliera non è però mai stata trovata.

La meteorologia continua a considerare solo gli influssi circoscritti all’atmosfera della Terra.

Esatto. Alcuni fenomeni, come l’aurora boreale, mettono in evidenza il legame con il Sole, ma per quel che riguarda i fenomeni meteorologici che determinano se oggi piove, ci sono nuvole o c’è cielo sereno, finora nessuno è riuscito a mettere in evidenza un legame diretto con l’attività solare. Magari qualcosa c’è, ma il suo contributo non è significativo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved