in-futuro-sempre-piu-eventi-meteorologici-estremi
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
3 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
4 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
4 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
4 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
4 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
4 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
5 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
6 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
6 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
7 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
7 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
7 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
7 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
7 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
7 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
7 ore

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
laR
 
23.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 26.03.2022 - 15:09

‘In futuro sempre più eventi meteorologici estremi’

Marco Gaia di MeteoSvizzera: ‘Senza provvedimenti mirati per proteggere il clima l’incremento della temperatura media estiva sarà di 2,5 – 4,5 °C’

Prima forti temporali e temperature basse e poi canicola. Sul cantone si sono abbattuti vari fenomeni meteorologici in poco tempo. Abbiamo chiesto a Marco Gaia, responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera, di spiegarci cosa sta succedendo.

Questo cambio repentino di condizioni meteo è qualcosa di normale?

La caratteristica principale delle condizioni meteorologiche tipiche in Svizzera è la loro forte variabilità: da un giorno all’altro, da una settimana all’altra, da un mese all’altro, le condizioni possono cambiare anche in modo repentino. In questo senso il passaggio dai temporali e le temperature fresche, alla situazione di canicola non è nulla di straordinario e non è collegato con i cambiamenti climatici. Essere a metà strada fra l’equatore e i poli, assieme alla presenza delle montagne, favorisce questi scherzi meteorologici.

Le due recenti ondate di maltempo sono invece eventi insoliti?

Temporali forti con grandine sono fenomeni del tutto normali. L’intensità è stata tale da provocare danni ingenti e quindi ha creato tanto eco mass-mediatico. Per fortuna questi eventi non capitano regolarmente: in alcuni anni se ne registrano vari, in altri nessuno. Il fatto che proprio in una settimana ne passino due è poco probabile, ma può succedere.

Quanto sono legati questi fenomeni al cambiamento climatico?

Il cambiamento climatico sta avvenendo e vi sono dei mutamenti anche qui in Ticino. La causa principale sono i gas a effetto serra emessi tramite le attività umane. Come si manifesta questo cambiamento dipende poi da regione a regione. Un elemento chiaro è l’aumento delle temperature che sta avvenendo da alcuni decenni. Temperature più elevate significano avere più energia a disposizione nell’atmosfera, energia che si sfoga e si tramuta in fenomeni atmosferici più intensi. La descrizione scientifica, oggigiorno solida, indica che dobbiamo aspettarci un aumento delle precipitazioni intense. I primi segnali si iniziano a misurare anche da noi, pur se non ancora così chiari come l’aumento della temperatura.

Spesso si sente dire che non ci sono più le mezze stagioni. È vero?

Da una parte è un detto popolare, dicevano così anche nei secoli passati, come dimostrano alcuni testi storici. Dall’altra è vero che da noi l’inverno dura oggigiorno meno e si passa più rapidamente alle temperature estive. Ciò è dimostrato dal fatto che negli ultimi quarant’anni la vegetazione si risveglia circa due settimane in anticipo rispetto a prima.

È possibile invertire la rotta dei cambiamenti climatici?

Gli studi mostrano che ci sono dei mutamenti che non si possono più evitare. L’anidride carbonica che si immette nell’atmosfera rimane infatti all’interno di quest’ultima circa 200-300 anni. Parallelamente gli stessi studi mostrano che se proviamo a chiudere tutti i "rubinetti" con cui emettiamo gas a effetto serra, quindi se decarbonizziamo la nostra società e sostituiamo le fonti fossili con quelle che non emettono CO2, possiamo diminuire l’ampiezza di questi cambiamenti. Si stima che con una efficace e immediata diminuzione delle emissioni di gas a effetto serra, entro la fine del secolo in corso possiamo diminuire in Svizzera di circa due terzi l’impatto di questi cambiamenti.

Lo scenario altrimenti quale sarebbe?

Facendo un esempio concreto, con efficaci provvedimenti di protezione del clima in estate la temperatura media aumenterà comunque ancora di circa 1,5 °C, ma senza provvedimenti mirati per proteggere il clima l’incremento sarebbe di 2,5-4,5 °C.

Passiamo ora alla meteorologia. Quali sono le nuove tecnologie o sistemi in uso o in progettazione per rendere più precise le previsioni?

Sostanzialmente ci sono un paio di trend che si stanno delineando per i prossimi anni. Uno è di ricorrere all’uso del cosiddetto ‘machine learning’, una branca dell’intelligenza artificiale. Invece di descrivere il singolo fenomeno sulla base delle leggi della fisica, si cerca di sfruttare l’immensa potenza di calcolo dei moderni computer per far loro vagliare miliardi di dati alla ricerca di comportamenti dell’atmosfera che in qualche modo si ripetono. Ad esempio, se negli anni si nota che i temporali presenti in una regione X vanno sempre verso la regione Y, allora è probabile che lo faranno anche in futuro. L’idea di base è che le leggi della natura non variano: quella della fisica che mi descriveva come si muoveva la nuvola dieci anni fa vale anche oggi.

Il secondo aspetto è legato al rilevamento delle condizioni atmosferiche. Per poter fare le previsioni abbiamo bisogno di conoscere nel modo più preciso possibile qual è lo stato dell’atmosfera in un certo istante, idealmente su tutta la Terra. Noi non possiamo installare stazioni di misura a ogni angolo della strada, costerebbero troppo. Però quasi ovunque inizia a esserci un’automobile, un telefonino, una telecamera di sorveglianza dotati di un termometro o di un barometro. Questo ‘internet of things’, l’internet delle cose, può essere da noi sfruttato per aumentare la mole di informazioni a disposizione, compensando così le lacune della nostra rete di stazioni di misura. Un altro metodo che si usa per ottenere informazioni è il ‘crowdsourcing’, cioè il fatto di chiedere e registrare le segnalazioni delle persone. Noi lo utilizziamo attualmente per la grandine, che essendo un fenomeno molto locale è difficile da rilevare. Ma ci sono piani per un suo ampliamento ad altri fenomeni meteorologici.

A che punto è MeteoSvizzera riguardo a queste tecnologie?

Siamo attivi con dei progetti di ricerca, ma ci vorrà ancora qualche anno per consolidare i risultati. Le prime applicazioni basate sul ‘machine learning’ sono però già a disposizione: l’animazione sulla nostra App che mostra le precipitazioni, minuto per minuto, della pioggia per le ore seguenti sfrutta un algoritmo di ‘machine learning’.

Da parecchio tempo si studia l’attività solare, essa ha degli influssi sulla meteo?

Il Sole influenza la Terra, poiché mette a disposizione l’energia che serve a dare vita a tutti i fenomeni che si registrano nell’atmosfera. Il riscaldamento differenziato delle masse d’aria sulle varie regioni della Terra è alla base dello sviluppo delle correnti d’aria, in seguito delle precipitazioni eccetera. Sono state fatte molte ricerche ma una relazione diretta sulla meteo giornaliera non è però mai stata trovata.

La meteorologia continua a considerare solo gli influssi circoscritti all’atmosfera della Terra.

Esatto. Alcuni fenomeni, come l’aurora boreale, mettono in evidenza il legame con il Sole, ma per quel che riguarda i fenomeni meteorologici che determinano se oggi piove, ci sono nuvole o c’è cielo sereno, finora nessuno è riuscito a mettere in evidenza un legame diretto con l’attività solare. Magari qualcosa c’è, ma il suo contributo non è significativo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cambiamenti climatici clima marco gaia meteo meteosvizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved