l-educazione-passa-anche-dal-tempo-libero
Raphael Hünerfauth
Finale Svizzera di DanceQweenz 2020 a Soletta
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
34 sec

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
2 min

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
4 min

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
7 min

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
10 min

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
1 ora

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
2 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
2 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
3 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Locarnese
3 ore

Verzasca, bocciofili in azione

A Sonogno si è disputa la gara ‘Lui e lei - Tüt è bom’. Il successo alla coppia Perozzi-Pelucca
Mendrisiotto
5 ore

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Luganese
5 ore

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro
Mendrisiotto
6 ore

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica
Ticino
6 ore

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Locarnese
7 ore

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
Locarnese
7 ore

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Mendrisiotto
11 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Luganese
11 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Ticino
21 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
21 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
laR
 
18.07.2021 - 21:20
Aggiornamento: 26.03.2022 - 15:09

‘L’educazione passa anche dal tempo libero’

Il progetto DanceQweenz vuole avvicinare le ragazze al mondo del ballo. Quest’anno la prima edizione in Ticino con workshop gratuiti e contest regionale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Incoraggiare bambine e ragazze al movimento. È questo lo spirito del progetto DanceQweenz, che offre workshop di ballo e un concorso al quale possono partecipare tutte le giovani tra i nove e i vent’anni. Un modo per mettersi in gioco e scoprire una nuova passione. Ne abbiamo parlato con la responsabile regionale di infoclic.ch Svizzera Italiana Giorgia Bertocchi.

Cos’è DanceQweenz?

È un progetto nato da una collaborazione, che ormai esiste da diversi anni, tra infoclic.ch e Laureus Svizzera: una fondazione molto importante presente in tutto il mondo che si occupa di affrontare e rispondere alle sfide sociali dei giovani attraverso lo sport e il movimento. Un altro esempio è il progetto ‘Laureus street soccer’, dedicato al calcio da strada, con un torneo annesso. Questa volta si è voluto creare qualcosa di dedicato di più alle ragazze. Spesso le giovani non hanno accesso all’offerta del tempo libero. Può essere dovuto al fatto che alcune hanno una storia migratoria alle spalle, a una questione sociale o geografica. Infatti in alcune zone periferiche sono proposte molte meno attività rispetto ai centri più grandi. Inoltre i progetti vogliono essere il più inclusivi possibili, per questo motivo sono gratuiti. L’aspetto finanziario è spesso un ostacolo.

Come nel progetto del calcio c’è il tema dell’inclusione: non solo se fai parte di una squadra ti puoi esprimere.

Esatto. Per quanto riguarda il progetto del calcio c’è un aspetto interessante legato al fairplay. A vincere non è solo la squadra che segna più gol, ma anche quella che ha dato maggior prova di sportività. Questo modo di vedere lo sport, che va al di là della competizione, è anche il punto chiave dei concorsi di DanceQweenz, dove l’accento è posto sullo stare assieme e sul divertimento e meno sulla prestazione.

Un concorso svizzero suddiviso in regioni.

Il progetto esiste dal 2018 ed è nato prima nella Svizzera tedesca e in Romandia e da quest’anno è presente anche nella Svizzera italiana. In ogni regione ci sono dei workshop gratuiti e, a seconda della grandezza della regione, uno o due concorsi regionali. In Ticino il primo contest si terrà il 16 ottobre a Locarno e le ragazze vincitrici delle diverse categorie d’età potranno partecipare alla finale svizzera che si terrà a Soletta il 27 novembre. Dunque da ogni concorso regionale arriveranno i partecipanti alla finale Svizzera. Le vincitrici otterranno la possibilità di girare un videoclip professionale.

Passiamo ai workshop. Di cosa si tratta?

Il progetto è diviso in due parti: i workshop e i contest. I workshop hanno lo scopo di incoraggiare le ragazze che non hanno esperienza nella danza, o ne hanno poca, a lanciarsi in qualcosa di nuovo e a scoprire magari uno stile di ballo che non conoscevano. Il contest invece è maggiormente dedicato alle giovani che già ballano o che fanno parte di un gruppo di una scuola di danza. Hanno l’occasione di approfondire la loro passione e la possibilità di vivere un concorso in un clima meno legato alla competizione. Tutto ciò sempre con l’obiettivo di dare alle ragazze un’offerta del tempo libero che sia facilmente accessibile, senza per esempio ostacoli legati ai costi o a complicate procedure d’iscrizione. Lanciandosi, partecipando a qualcosa di nuovo, le ragazze ottengono anche un beneficio in termini di autostima e fiducia in loro stesse.

Quali sono le prossime date per la Svizzera italiana?

In Ticino abbiamo già fatto un workshop di danza creativa e contemporanea in giugno a Losone, con Espressione danza. Il prossimo sarà il 12 settembre a Balerna in collaborazione con Mad Moves Academy e sarà incentrato su hip-hop e break dance. Lo scopo è di offrire tre o quattro incontri l’anno, spaziando nelle varie zone del Ticino.

Chi accede alla finale?

Ogni concorso regionale ha diverse categorie d’età: dai 9 ai 12 anni, dai 13 ai 16 e dai 17 ai 20. Queste sono inoltre divise al loro interno fra le ragazze che fanno parte di scuole di danza e quelle che non le frequentano, come per esempio un gruppo di amiche che crea da solo la coreografia. Al momento sono poche le partecipanti che fanno parte di questa categoria, ma proprio attraverso i workshop vogliamo motivare sempre più ragazze. Alla finale Svizzera partecipano le prime tre classificate di ogni categoria dei concorsi regionali.

Come pubblicizzate questo concorso oltre che nelle scuole di ballo?

Infoclic.ch lavora molto con i centri giovanili e altri gruppi giovani, insomma con parte della realtà dell’educazione non formale presente nella Svizzera italiana. Inoltre promuoviamo il progetto tramite i social: c’è la a pagina Instagram sia del progetto DanceQweenz sia quella di infoclic.ch. Non da ultimo, prendiamo contatto con le scuole e più nello specifico con gli insegnanti di ginnastica.

Infoclic.ch non si occupa solo di progetti del genere.

Si tratta di un’associazione senza scopo di lucro che è nata più di 20 anni fa nel Canton Berna. La riflessione dietro la sua creazione è stata: quando i giovani hanno un problema trovano molte soluzioni, mentre se hanno un’idea è difficile per loro ricevere il sostegno necessario. Principalmente siamo attivi in tre ambiti. Il primo è politico: facciamo parte di gruppi di lavoro cantonali e federali. Il secondo è legato alla partecipazione giovanile e informazione giovanile, che facciamo per esempio attraverso i canali social e altre piattaforme. Siamo tra i pionieri dei progetti partecipativi in Svizzera, abbiamo creato il primo progetto di questo tipo già nel 1998 (La gioventù coinvolta). Recentemente abbiamo collaborato con la Città di Locarno per ottenere la certificazione Unicef "Comune amico dei bambini". In questo ambito abbiamo anche dei corsi per dare ai giovani gli strumenti per mettere in atto i loro progetti senza scopo di lucro. Il terzo campo di cui ci occupiamo è legato al tempo libero, con proposte come DanceQweenz e il calcio da strada volte a promuovere l’autodeterminazione dei giovani e le loro competenze sociali.

Quanto è importante nella nostra società la presenza di progetti simili? Quali sono le esigenze che li rendono necessari?

In generale i progetti di educazione non formale sono molto importanti perché l’istruzione, la crescita e l’autodeterminazione dei ragazzi non passano solamente attraverso il lavoro, la scuola e la famiglia, ma anche dall’ambiente che loro frequentano nel tempo libero o comunque in quello che trascorrono al di fuori di queste istituzioni. È dunque molto importante che possano esserci dei progetti che hanno lo scopo di valorizzare anche questi momenti in modo positivo e che possano dare ai ragazzi la possibilità di esprimersi secondo quello che per loro è importante. Le istituzioni citate prima hanno un ruolo rilevante, ma a complemento è necessario che ci sia anche un’offerta diversa. Come può essere quella dei centri giovanili e di altre associazioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ballo danceqweenz danza infoclic.ch workshop
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved