ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
1 ora

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
1 ora

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
1 ora

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
1 ora

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
1 ora

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
1 ora

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
Luganese
1 ora

Lugano, torna il presepe sott’acqua

Fervono i preparativi per l’allestimento del tradizionale evento. L’inaugurazione è prevista sabato 17 dicembre
Bellinzonese
2 ore

A Campo Blenio un assaggio di inverno già questo weekend

Sabato 10 e domenica 11 saranno aperti tappeto mobile e pista di ghiaccio
Bellinzonese
2 ore

A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola

Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Luganese
3 ore

Lugano: l’illuminazione pubblica pesa lo 0,8% sui consumi totali

‘L’infrastruttura cittadina è già molto efficiente’ dice il Municipio, che non vuole spegnere la luce di notte e invita a respingere la mozione dei Verdi
Ticino
3 ore

Con la prima neve ‘fioccano’ anche i radar

La consueta radiografia dei luoghi dove spunteranno i controlli di velocità, da Chiasso ad Airolo passando per Locarno e la Val di Blenio
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, proiezioni di Natale in piazza Municipio

Un progetto a basso impatto energetico ideato dalle scuole elementari. Lo spettacolo è in funzione dall’8 dicembre fino all’8 gennaio, tutte le sere
Luganese
4 ore

Niente buono natalizio per i cittadini anziani

Il Municipio di Lugano risponde picche: ‘Costerebbe 2 milioni, col rischio di favorire i grandi centri commerciali a discapito di attività più piccole’
Locarnese
4 ore

Mercatino e assemblea per la Pro Centovalli e Pedemonte

Domenica 11 dicembre 2022 in piazza a Intragna l’evento natalizio, seguito alle 20 dalla riunione dell’associazione, presso la Villa San Donato
Luganese
4 ore

Lugano, Natale nella biblioteca della Croce Rossa

L’appuntamento è per lunedì 12 dicembre dalle 14 presso la sede luganese. Non è necessario iscriversi
Locarnese
4 ore

Il Ppd di Gordola in assemblea (anche) per diventare il Centro

Domenica 11 dicembre alle 19.15 presso la Sala Santa Teresa, all’ordine del giorno anche le novità da Municipio e Cc e uno sguardo alle cantonali 2023
Luganese
4 ore

Massagno festeggia i suoi volontari

Lunedì 5 dicembre il Municipio ha incontrato associazioni e persone attive sul territorio in occasione della Giornata internazionale del volontariato
Locarnese
4 ore

Doppio concerto a Gerra Piano

L’11 dicembre alle 17 presso la Chiesa del Sacro Cuore si esibiranno il Gruppo Vocale Cantadonna e il Quartetto d’Archi Archibaleno
laR
 
13.07.2021 - 05:15
Aggiornamento: 26.03.2022 - 15:09

Vaccini, ‘agli ‘egoisti’ dico: siate solidali e giusti’

Malacrida: ‘Pensiamo ai più deboli’. Bondolfi: ‘In prima linea solo se vaccinati’.

vaccini-agli-egoisti-dico-siate-solidali-e-giusti
Keystone

Dovevano essere il rimedio alla pandemia, ma si scontrano con la diffidenza di parte della popolazione. Si tratta dei vaccini che, nonostante in Svizzera siano ora disponibili in quantità sufficienti, non stanno riscuotendo il successo desiderato. Alcune persone hanno deciso di non aderire alla campagna vaccinale, altre sono indecise. La questione è anche di carattere etico, dato che immunizzarsi non è utile solo a proteggere sé stessi ma anche gli altri. A rifiutare il farmaco vi è anche una parte del personale curante. Ne abbiamo parlato con Alberto Bondolfi, professore emerito di etica.

Secondo lei la Confederazione dovrebbe obbligare il personale sanitario a farsi vaccinare?

Per chi è in prima linea, cioè per chi cura pazienti ad alto rischio, il dovere professionale di garantire la salute di chi gli è stato affidato è superiore alla libertà personale. Non è un caso che altre nazioni europee, altrettanto democratiche come la nostra, stiano introducendo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario che è a diretto contatto con questa popolazione. Non propongo una repressione, cioè che lo Stato licenzi questi lavoratori. Si può far cambiar loro reparto o lavorare più in ufficio.

Perché rifiutano questi farmaci?

Molti si appellano al principio della libertà personale e si dimenticano che lo Stato l’ha sempre considerata come un valore molto importante, ma comunque sempre in relazione con altri principi. Non è dunque l’unico criterio su cui si deve giudicare qualsiasi tipo di azione. Inoltre il nostro sistema giuridico è pieno di limitazioni della libertà. Sempre proporzionali e motivate, è chiaro. Un esempio è quello dell’obbligo di indossare la cintura di sicurezza sulle automobili. Quando è stato introdotto alcune persone si sono rivolte al Tribunale federale. Le obiezioni non sono state accolte in quanto quando una persona viaggia in automobile e partecipa al traffico può mettere in pericolo la propria vita e quella degli altri. Per quest’ultimo punto lo Stato può limitare la sua libertà obbligandolo a mettere la cintura. Dopo alcune proteste la cosa fu digerita e oggi nessuno si indigna più per questa legge.

‘A essere solidali non si sbaglia mai’

Per Roberto Malacrida, medico e membro della Commissione nazionale d’etica per la medicina umana, una parte del personale sanitario sta mandando un messaggio.

Di cosa si tratta?

Una parte dei curanti, in particolare gli infermieri, si comporta in modo così recalcitrante per segnalare il proprio disagio professionale. Essi hanno trascorso un anno e mezzo di grandissimo lavoro e ora ci si è un po’ dimenticati di loro. Mostrare che qualcosa non funziona è importante, ma sono dell’idea che non vada utilizzato come ricatto nell’ambito di una pandemia, dato che la cura deve comunque restare prioritaria.

Parlando ora del resto della popolazione, cosa pensa riguardo alla titubanza di alcuni verso i vaccini?

Bisogna fare una premessa. L’autorità federale può obbligare i suoi cittadini a determinate azioni mediche come certe vaccinazioni in caso di epidemia o di pandemia. Da un punto di vista più dell’etica sanitaria, il padrone del proprio corpo è la persona stessa, sempre e in ogni caso, ammesso che vi siano capacità di discernimento e un’informazione sufficiente sul tema in questione. Anche nella situazione attuale è possibile ragionare in questo modo: chi vuole proteggere se stesso si fa vaccinare, chi per motivi diversi, come la sfiducia nella scienza, non vuole può decidere di non farsi vaccinare. Però con questi farmaci difendiamo sì noi stessi, ma anche la collettività, in particolare la parte più vulnerabile di quest’ultima, che rischia anche di morire. Si incontrano dunque i primi due principi della bioetica: l’autonomia di scelta e la beneficenza, cioè il cercare di fare il bene del prossimo. Il discorso etico è un discorso di proporzionalità fra questi elementi.

Per quale motivo, fra la popolazione, ci sono persone che tentennano riguardo a questi vaccini, che sono in circolazione già da parecchi mesi?

Ci sono varie ragioni. La prima può essere legata a una questione ideologica. Una persona ha maturato determinate convinzioni, che sono intime e molto importanti per lei. In questo caso non penso ci sia molto da fare per convincerla. La seconda ragione penso abbia a che fare con una parte della popolazione che è fondamentalmente tendente all’ansia, che della medicina e delle nuove tecnologie vede in primis gli effetti negativi, le complicazioni, rispetto a tutti i lati positivi. Queste persone in genere vivono ogni pericolo, anche se piccolo, come qualcosa di molto grande. E anche qui c’è poco da fare. C’è poi una terza categoria, quella degli ‘egoisti’. Sono coloro che di primo acchito non si preoccupano del benessere degli altri. Non sono disposti a rischiare di subire qualche ipotetico effetto collaterale per il bene della collettività, della quale fanno parte per persone fragili che guadagnerebbero di sicuro dal fatto che un numero sempre maggiore di cittadini si vaccini.

Più si scende in quanto a fasce d’età più aumenta la reticenza. A cosa è dovuta questa differenza generazionale?

Semplicemente dal calcolo del rischio. Un giovane che non si vaccina, nella maggior parte dei casi, non corre pericoli. Invece il grande anziano, o l’anziano malato, corre un rischio per se stesso. C’è anche un altro aspetto da considerare. Certi anziani, penso a quelli degenti nelle case di cura, hanno sofferto tantissimo perché sono stati isolati in determinati momenti in modo molto severo. Però in genere l’anziano ha meno bisogno della libertà che desidera il giovane. Da un certo punto di vista i giovani hanno avuto davvero una grande limitazione del loro campo d’azione, di divertimento e di movimento. Essi potrebbero pensare: "Il mio dovere l’ho fatto quando c’era da stare a casa. Adesso che il pericolo acuto sembra essere passato, sono disposto a dare meno per le fasce più vulnerabili".

Cosa direbbe a chi è indeciso a farsi vaccinare?

In primo luogo cercherei di convincerlo che si tratta di una cosa giusta. Che comportarsi a favore del prossimo è un valore positivo, gratificante e che dà soddisfazione. Inoltre, a livello utilitaristico, lo inviterei a riflettere sul fatto che un giorno anche lui avrà bisogno della solidarietà degli altri. A volte ci si dimentica di questo perché si è un po’ presi dalle proprie preoccupazioni, che sono legittime. Per riassumere però, non si sbaglia mai a essere solidali e giusti.

La situazione del momento, come detto dal farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, gioca un ruolo importante sulla campagna vaccinale: contagi bassi e vacanze. Le persone sembrano basare le proprie considerazioni solo sulla situazione attuale.

È vero, questo riguarda un po’ tutto il comportamento preventivo. Per determinati atteggiamenti e modelli di vita gli effetti si vedono solo a lungo termine. L’essere umano guarda la sua realtà legata al quotidiano. Se si vaccina o no non vede il male o il bene che fa direttamente, il tutto avverrà dopo mesi e comunque non sarà facilmente quantificabile e tangibile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved