a-riviera-la-priorita-e-quella-di-rafforzare-l-identita
Ulda Decristophoris e Alberto Pellanda: 'C'è ancora tanto lavoro da fare' (Ti-Press/Bianchi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
25 min

Festa patronale a Brione s/Minusio

Lunedì si celebra Santa Maria Assunta. In programma la messa, seguita dalla processione e da un rinfresco
Luganese
36 min

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Il padre avrebbe sparato accidentalmente un colpo alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
55 min

Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino

La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
1 ora

Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese

Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
1 ora

Penuria di gas, le Ail Sa di Lugano scrivono a Berna

La rete ticinese è collegata e alimentata solo dall’Italia senza connessioni col resto della Svizzera. L’approvvigionamento invernale resta problematico
Grigioni
1 ora

Oltre 300 kg di rifiuti raccolti nel Moesano

Il 5 e il 6 agosto 62 volontari hanno partecipato al Clean up tour che si è svolto a San Bernardino e nel Parco Val Calanca
Luganese
2 ore

Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito

Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
2 ore

Nara, torna la gita enogastronomica ‘Ul gir di alp’

È ancora possibile iscriversi per la passeggiata di undici chilometri con sette tappe che si terrà domenica 14 agosto
Locarnese
3 ore

‘Castello incantato’, dalle rive lacustri alla montagna

La rassegna dedicata al teatro di burattini e marionette farà tappa nel Gambarogno e a Cardada nei prossimi giorni
Locarnese
3 ore

Moghegno, lunedì la festa patronale

Oltre alla funzione religiosa, vi sarà un pranzo in comune all’ombra dei faggi; nel pomeriggio lotteria e musica
Bellinzonese
4 ore

‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’

È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, quell’edificio merita di essere tutelato

Interrogazione chiede lumi al Municipio sul lavoro della commissione preposta ad allestire la lista dei beni culturali di interesse locale
Bellinzonese
6 ore

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo skilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione
Locarnese
7 ore

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
7 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
8 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
Luganese
8 ore

Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia

Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
10 ore

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Bellinzonese
13 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
13 ore

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’
Ticino
13 ore

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
23 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
1 gior

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
1 gior

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
1 gior

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
1 gior

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
1 gior

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
1 gior

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
laR
 
16.03.2021 - 20:32

A Riviera la priorità è quella di rafforzare l'identità

Faccia a faccia tra il sindaco uscente Alberto Pellanda (Plr) e Ulda Decristophoris (Ppd), prima donna presente nell'esecutivo del Comune nato nel 2017

Il Comune di Riviera è nato nel 2017 dall’aggregazione di Iragna, Cresciano, Osogna e Lodrino, ma nel frattempo ha già avuto due sindaci diversi: il primo è stato Raffaele De Rosa (Ppd) che però nel 2019 è stato eletto consigliere di Stato. A sostituirlo è così stato Alberto Pellanda (Plr), già sindaco di Osogna e copromotore della fusione. Oggi è in pensione dopo aver lavorato come funzionario dirigente all’Amministrazione cantonale. A subentrare in Municipio a De Rosa è stata la consigliera comunale Ulda Decristophoris (Ppd), prima donna nell’esecutivo del nuovo Comune. Attualmente è direttrice dell’Istituto scolastico comunale di Cadenazzo. Ambedue mirano ad essere riconfermati per poter continuare a contribuire allo sviluppo di Riviera. Infatti, entrambi sostengono che «il lavoro da fare è ancora tanto».

Si può già fare un primo bilancio dall’esperienza in Municipio nel nuovo Comune aggregato? E quali sono ora le priorità?

Ulda Decristophoris: In Municipio approfondiamo molti temi, cercando di trovare soluzioni che diano risultati tangibili. E questo anche grazie agli impulsi che provengono dal Consiglio comunale e alla collaborazione con le organizzazioni presenti sul territorio. Tuttavia, Riviera è un Comune giovane e la società è in continua mutazione. Ad esempio la pandemia di coronavirus ha modificato le necessità della popolazione. In ogni caso finora il bilancio è molto positivo, ma il lavoro da fare è ancora molto: innanzitutto bisogna investire per rispondere in maniera ancora più immediata a quelli che sono i bisogni della comunità in termini di servizi, anche se abbiamo già fatto molto. Inoltre, è necessaria un’armonizzazione dei piani regolatori, perché tutt’oggi ne abbiamo quattro distinti. Tutto sommato, intanto il bilancio è molto positivo.

Alberto Pellanda: Umanamente per me è stato un successo: i colleghi di Municipio sono seriamente impegnati e il Consiglio comunale è disposto a lavorare molto per trovare soluzioni. Questo ci porta a essere sempre più vicini anche alla popolazione. Concretamente, siamo riusciti a portare in porto tutte le richieste di credito per poter allestire il Programma d’azione comunale (Pac), stiamo portando avanti la variante di Piano regolatore per la nuova Scuola media e abbiamo allestito delle zone di pianificazione a livello industriale e residenziale. E questo sempre nell’interesse dei nostri concittadini, che vanno messi al primo posto. Il lavoro da fare è però ancora tanto, in particolare a livello organizzativo. Un’organizzazione a livello comunale più professionale permetterà infatti alla popolazione di sentirsi più partecipe e identificarsi maggiormente nel Comune di Riviera.

Nella regione della Riviera sono state più volte segnalate problematiche a livello edilizio, con alcune ditte che si permettevano di fare un po’ quello che volevano. È una questione risolta?

Decristophoris: Siamo consapevoli che in quest’ambito ci sono situazioni anche gravi. Posso però garantire che Municipio è si è attivato in questo senso, confrontandosi con i vari portatori d’interesse. Tuttavia, la situazione è spesso più complessa di quanto possa sembrare e di fronte a soluzioni all’apparenza banali bisogna invece seguire le procedure. A fronte di leggi e autorità superiori, occorre quindi confrontarsi anche con servizi cantonali. E tutto questo, oltre a mostrarci che le soluzioni di primo acchito logiche non sempre sono praticabili, dilata i tempi. In questo senso auspico che le linee guida del Pac ci permettano di portare un po’ d’ordine sul territorio.

Pellanda: Ogni volta che si prende una decisione si vanno a toccare anche interessi economici. E di questo ne teniamo conto. Dobbiamo apportare correttivi efficaci, senza però peggiorare la situazione a livello di edificazione e senza compromettere l’insediamento di nuove aziende sul territorio. La situazione dovrebbe migliorare con il Pac e poi con il Piano regolatore. In questo caso il problema riguarda la tempistica: ci vorranno almeno sei o sette anni. In ogni caso stiamo già apportando correttivi per migliorare la qualità del nostro territorio: siamo ad esempio in contatto con le Ferrovie federali per far sì che alcune aree del Comune diventino zone Sac [superfici per l’avvicendamento delle colture, ndr]. In questo modo contribuiremo in modo determinate a contrastare situazioni di uso improprio del territorio.

La pandemia ha avuto, e continuerà ad avere, un impatto a livello sociale, economico e sulle casse dei Comuni. Come viene gestita questa situazione?

Decristophoris: Siamo un Comune ancora relativamente piccolo e, grazie ai contatti diretti con le persone, riusciamo a capire quali sono i bisogni della popolazione. Il Municipio si è quindi mosso molto velocemente: il Consiglio comunale ha già approvato un messaggio che prevede aiuti alle aziende, alle famiglie e alle società sportive, culturali e così via. I formulari per le richieste sono disponibili e sono anche già stati erogati alcuni aiuti. Tengo a sottolineare che le società, le associazioni e le fondazioni sono molto presenti sul territorio e possono essere un vettore per rafforzare l’identità del nostro Comune che è in gran parte ancora confinata nei quartieri. In ogni caso la priorità è quella di sostenere il tessuto sociale, in particolare quello più fragile (persone che hanno perso il lavoro, famiglie monoparentali in difficoltà ecc.). E questo anche a livello morale, perché le conseguenze a medio-lungo termine possono anche essere gravi.

Pellanda: A dipendenza delle esigenze, il Municipio è pronto ad attuare anche altre misure. In un periodo di difficoltà, è anche giusto utilizzare le riserve per far fronte a queste emergenze. Bisogna però anche dire che le misure attuate a livello federale e cantonale hanno aiutato molto. Il Municipio si è tuttavia attivato per aiutare ancora di più chi si trova in difficoltà. E questo con una politica mirata: ad esempio, se sono adempiuti precisi criteri, una famiglia può ottenere 250 franchi per ogni figlio fino ai 15 anni; per le associazioni senza scopo di lucro sono disponibili 30mila franchi a fondo perso e alle aziende abbiamo dimezzato la tassa base rifiuti 2020. In questo periodo di emergenza bisogna anche intervenire con messaggi positivi, per far fronte alle eventuali difficoltà psicologiche. Insomma, il Comune si indebiterà un po’, ma è più importante aiutare la popolazione.

In Leventina e in Valle di Blenio si sta sempre più puntando sul turismo. È un obiettivo anche per il Comune di Riviera?

Decristophoris: Principalmente la Riviera è conosciuta per il canyoning [torrentismo, ndr] e per bouldering [arrampicata su grossi massi senza imbragatura con dei tappetoni messi a terra per sicurezza, ndr]. Abbiamo poi anche diverse pozze inserite in luoghi preziosi e speciali. Si tratta dunque più che altro di un turismo di giornata: in gran parte non sono persone che pernottano nella regione. In ogni caso il potenziale c’è: le nostre riflessioni si concentrano quindi sul potenziamento dei collegamenti tra le due sponde del fiume Ticino (prevediamo di partire con i lavori nei prossimi tre anni), inserendosi in un discorso di mobilità lenta, come il miglioramento delle vie ciclabili. Mobilità lenta che va di pari passo con quella scolastica: in quest’ambito abbiamo già cominciato con degli interventi, in particolare in termini di sicurezza. D’altro canto ci stiamo battendo per la riapertura della fermata ferroviaria Osogna-Cresciano, che ci sembra essenziale in particolare per promuovere il turismo del weekend. Ci sono progetti in fase embrionale che andrebbero a valorizzare peculiarità che abbiamo sul territorio. I generale, l’idea è quella di generare più possibilità per fermarsi, ampliare il servizio su gomma, promuovere la mobilità lenta anche attraverso nuove passerelle sul fiume e mettere in risalto luoghi che hanno un valore culturale importante.

Regolarmente, purtroppo, in particolare nell’ambito del canyoning si verificano incidenti anche mortali. Cosa si può fare per aumentare la sicurezza?

Pellanda: Punteremo maggiormente sull’informazione, sui sistemi di allarme e sulla messa in sicurezza dei torrenti. La nostra regione è molto conosciuta in quest’ambito: è risaputo che i torrenti di Iragna, Cresciano, Lodrino e Osogna sono tra i più belli a livello mondiale, e si trovano inoltre tutti in uno spazio ristretto. Si tratta dunque di un’attrazione importante e infatti le persone che praticano questo sport sono in continuo aumento. Gli incidenti sono accaduti non perché le persone erano inesperte o impreparate, ma perché non hanno valutato in modo oggettivo il pericolo. Si tratta di solito di torrentisti individuali, che non fanno capo a nessuna società presente sul territorio che promuove e organizza questa attività. Avevamo quindi pensato di permettere di fare canyoning solo se ci si affida a una di queste aziende. Ovviamente questo, però, non è possibile perché la montagna è di tutti e porre divieti non servirebbe a niente. Possiamo dunque solo consigliare di rivolgersi a queste società, sottolineando che in questo modo la sicurezza è assicurata. In generale l’obiettivo è far conoscere meglio le caratteristiche del territorio che potrà diventare più attrattivo ad esempio grazie alla rinaturazione del fiume Ticino e alle nuove passerelle (ne prevediamo tre).

Biasca, con circa 6’000 abitanti, è il Comune più popoloso del Distretto di Riviera. Un’eventuale aggregazione potrebbe essere un’opzione in futuro?

Pellanda: Siamo arrivati alla situazione attuale anche perché Cresciano, Osogna, Lodrino e Iragna hanno caratteristiche molto simili. Questo è quindi il progetto che stiamo portando avanti e, per ora, un’eventuale aggregazione con Biasca non è nei nostri piani. Infatti, ora stiamo facendo i primi passi e stiamo lavorando bene. In questo momento non sento quindi la necessità di fare una riflessione in questo senso. Ovviamente in futuro potremo rifletterci.

Decristophoris: Noi dobbiamo ancora strutturarci. Abbiamo margini di miglioramento a livello organizzativo, a livello di identità e abbiamo dei grandi progetti da portare avanti. Questo non vuol dire che diventare più grandi precluderebbe tutto ciò. Ma ora la priorità è quella di rafforzare questi aspetti, trovando in particolare un’identità di comunità aggregata in termini di relazioni umane e di progetti comuni. Mi sembra quindi prematuro riflettere su un’eventuale aggregazione con Biasca, anche se per il futuro non escludo nulla. Insomma, attualmente abbiamo molte altre priorità sulle quali dobbiamo continuare a lavorare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alberto pellanda elezioni comunali riviera ulda decristophoris
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved