discoteche-c-e-ancora-confusione-sul-covid-pass
Archivio Ti-Press
Sono lontani i tempi del pienone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
17 min

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
1 ora

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
1 ora

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
Bellinzonese
1 ora

Natale in Città, calo dei visitatori ma record di pattinatori

Un’edizione caratterizzata da adattamenti logistici implementati a causa del repentino evolversi della situazione sanitaria
Luganese
2 ore

Associazione sportiva Cademario: i numeri della lotteria

Per il ritiro dei premi telefonare allo 079 785 72 10 (Zanotti) oppure inviare una e-mail a: info@ascademario.ch
Mendrisiotto
3 ore

Giorno per giorno le celebrazioni per il Beato Manfredo

Dal 23 al 30 gennaio nella ricorrenza della festa e dell’esposizione dell’urna all’altare di San Giuseppe a Riva San Vitale
Mendrisiotto
3 ore

Presenza costante dell’Associazione Progetto Genitori

In agenda martedì 25 gennaio via Zoom il WebAtelier che tratterà il tema “0-3 anni ci piace giocare da soli”
Mendrisiotto
3 ore

La Biblioteca comunale di Breggia e i suoi 4’000 titoli

Cambio di orario e la possibilità della consegna a domicilio. Proposte per i più piccoli e una tessera fedeltà per dieci libri.
Luganese
3 ore

Ciak, si parte: film drammatico al Cinema Teatro di Chiasso

Mercoledì 19 gennaio, alle 20.30, verrà proiettato il film drammatico ‘Treno di notte per Lisbona’ di Bille August
Luganese
3 ore

Cultura politica a Lugano: si parla di partiti svizzeri

Giovedì 27 gennaio alle 18 nell’Aula Magna del Liceo Lugano 1. Olivier Meuwly dialogherà con Fulvio Pelli.
Luganese
4 ore

Piccolo intervento chirurgico, riuscito, per il Vescovo Lazzeri

Mons. Lazzeri è stato sottoposto nel fine settimana a un’operazione per risolvere i problemi di deambulazione legati a un infortunio alla caviglia
Luganese
4 ore

Piano direttore comunale di Lugano: vincitore e finalisti

La presentazione pubblica dei tre gruppi si terrà lunedì 24 gennaio alle 18 al Palazzo dei Congressi, nella sala A
Ticino
5 ore

L’imposta di circolazione 2022 sarà invariata rispetto al 2021

In arrivo nei prossimi giorni le fatture, che andranno saldate entro il 1° marzo. Previsto un gettito di 104, 8 milioni di franchi
Luganese
5 ore

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

Sabato 22 gennaio alle 17.30 nella chiesa prepositurale di S. Stefano a Tesserete sul tema ‘In Oriente abbiamo visto apparire la sua stella’
Luganese
5 ore

Bernardino Luini, tutto in un libro e in tavola rotonda

Doppio appuntamento sul grande artista e su un’epoca cruciale nella storia della Città di Lugano
Bellinzonese
5 ore

Centro per richiedenti l’asilo di Camorino, la domanda all’albo

Sarà costruito sopra il criticato ‘bunker’ che sarà ristrutturato e integrato nella nuova struttura la quale tuttavia non ospiterà più i cosiddetti Nem
09.07.2021 - 05:100
Aggiornamento : 15:19

Discoteche, c’è ancora confusione sul Covid pass

I giovani sono la categoria meno coperta dal vaccino, ma sono anche il pubblico di riferimento dei locali da ballo che lamentano difficoltà finanziarie

«Le circostanze sono difficili perché i vaccinati restano pochi e la stragrande maggioranza di questi è over 60, si tratta dunque di una limitazione molto restrittiva per i nostri standard e per tutti coloro che lavorano in questo settore». Così si esprime Andrea Severini, responsabile del Club Seventy7 di Ascona, riguardo alla recente riapertura delle discoteche decisa tra le altre misure dal Consiglio federale. In effetti, se da un lato, grazie all’allentamento dei provvedimenti contro il coronavirus, dallo scorso 26 giugno le discoteche hanno potuto riaprire le proprie piste da ballo senza alcun limite di capienza e senza obbligo di mascherina, dall’altra subentra il vincolo di presentare un certificato Covid all’entrata. Certificazione della quale talvolta non tutti sono muniti, come ci spiega Severini: «Non è raro che molte persone che si presentano al nostro locale non ne siano munite, quindi capita che gruppi interi se ne vadano anche quando alcuni sono effettivamente coperti dal pass, perché ormai quando si è in compagnia è peccato doversi separare. A spanne – continua – direi che il 70 per cento delle persone che vogliono entrare non è ben informata sulla legislazione in corso e, di conseguenza, dobbiamo spiegare loro che per poter accedere al locale è necessario adempiere i requisiti stabiliti dalla Confederazione». Questa tendenza è confermata da Davide, portavoce del Bunker Club di Lugano, secondo il quale «il problema è che la clientela non è abituata a farsi fare il certificato per uscire la sera. In effetti, anche noi siamo stati costretti a rifiutare molte persone ed è un peccato, anche perché a oggi direi che un buon 10 per cento si presenta ancora senza certificazione». In tal senso, Davide riconduce la causa principale di questa situazione al fatto che «molti giovani non hanno ancora ricevuto o stanno ricevendo soltanto in questi giorni la seconda dose di vaccino». Peraltro, precisa Severini, «siccome i tamponi compatibili al certificato Covid possono esclusivamente essere fatti in farmacia, è importante che sia facile potersi far testare. Fortunatamente, alcune sedi si stanno organizzando per pianificare dei test senza che sia necessario prenotare».

‘Le entrate non coprono ancora le spese’

Tutti limiti questi che, stando a Davide, «fanno sì che ci ritroviamo spesso con l’acqua alla gola, non si potrà andare avanti così a lungo. In effetti, se le spese restano uguali, le entrate si aggirano però attorno alla metà, se non meno. Tant’è che ci siamo chiesti più di una volta se valesse la pena aprire per così pochi clienti o se piuttosto converrebbe tenere chiuso ancora per qualche tempo. Penso che, per tutti coloro che lavorano in questo settore, i due primi weekend durante i quali è stato possibile aprire non siano andati benissimo. Infatti, rispetto a un’affluenza normale, siamo a molto meno della metà e, per entrare almeno nella norma, potremmo forse stare tranquilli se i clienti fossero almeno il doppio». Severini aggiunge che «in confronto allo scorso anno, nonostante il numero di nuovi casi non sia elevato e malgrado il fatto che ora disponiamo dei vaccini, le limitazioni odierne sono molto più stringenti. In effetti, la scorsa estate l’unico mezzo di cui disponevamo era quello del ‘contact tracing’ e le persone potevano entrare nel locale senza aver dovuto fare dei tamponi; in questo modo riuscivamo ad avere una buona affluenza di clienti». Parallelamente, Severini ci dice che «un altro problema che si pone si rifà alla questione del certificato europeo che è leggermente diverso rispetto a quello svizzero. In effetti, non sono ancora considerati validi e anche questa è una chiara limitazione per chi arriva dall’estero». Da oggi la compatibilità tra il Covid pass svizzero e quello europeo è però data.

Per quanto concerne le misure adottate attualmente, «rispetto agli altri anni, ormai, capita meno spesso che dei clienti entrino per caso perché stavano passando di lì, per noi resta quindi centrale informare la gente che è possibile organizzare degli eventi, ad esempio delle feste di compleanno per le quali le date sono fisse ed è più facile prenotare i tamponi. In ogni caso, se la normativa rimane questa tutta l’estate, i giovani probabilmente si adegueranno di conseguenza perché purtroppo queste sono le regole da seguire se si vuole poter tornare in discoteca», spiega Severini. E guardando ai prossimi mesi? «Siamo ancora in fase di valutazione – conclude – anche perché siamo aperti da neanche due settimane. Resta però il fatto che normalmente, in questo periodo dell’anno, eravamo aperti sei giorni su sette, mentre a oggi solo tre. Quindi, in funzione di come andrà e se aumenterà l’affluenza di persone già vaccinate o che ricorreranno più spesso al pass, eventualmente cambieremo i piani d’apertura, sempre seguendo le normative federali, che però non dovrebbero cambiare per quest’estate». Infine, Davide non ci nasconde un po’ di delusione: «Prima di riaprire, speravamo che la gente avesse voglia di uscire dopo tutti questi mesi e che le prime settimane sarebbero state caratterizzate da un’affluenza molto alta che ci permettesse di sostenere l’estate, invece siamo rimasti un po’ con l’amaro in bocca. Non va poi dimenticato che adesso arrivano anche le vacanze, quindi ci sarà meno gente, e che in discoteca fa sempre più caldo, il che ci rende meno interessanti. In definitiva, sarà da vedere come andranno i prossimi mesi, ma in ogni caso speriamo che alla fine la gente capisca meglio come organizzarsi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved