ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
5 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
10 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
13 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
13 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
13 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
22 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
22 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
22 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
23 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
23 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
23 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
1 gior

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
1 gior

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
1 gior

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
Ticino
1 gior

Oggi è il Black Friday ma i radar non fanno sconti

Tutti i flash da evitare fra il 28 novembre e il 4 dicembre: da Blenio alla Leventina, da Bellinzona a Chiasso, da Lugano a Locarno
08.07.2021 - 16:39
Aggiornamento: 19:32

Tirocinio, Bertoli: 'Insistiamo, servono più posti dalle aziende'

Finora 200 posti di apprendistato assegnati in più rispetto al 2020 e 100 in più rispetto al 2019. Ma il direttore del Decs: 'Meno retorica, più fatti’

tirocinio-bertoli-insistiamo-servono-piu-posti-dalle-aziende
Ti-Press

Fuori da Palazzo delle Orsoline vento, grandine e temporale. Dentro, in sala stampa, un raggio di sole per quanto riguarda gli apprendistati. Il trend di un mese fa si conferma, ma serve comunque fare di più. «A fine giugno i contratti di tirocinio firmati erano 826. Quasi 200 in più rispetto all’anno scorso, caratterizzato dalla pandemia, e 109 in più rispetto al 2019. Sono dati confortanti», spiega l’aggiunto al direttore della Divisione della formazione professionale Oscar Gonzalez. L’obiettivo era chiaro: «Riposizionarsi sugli obiettivi che avevamo prima del Covid», riprende Gonzalez. Vale a dire la firma di 2’600/2’700 contratti. La situazione, al momento, sebbene fluttuante è comunque da considerarsi buona: «Oltre questi 826 contratti firmati, ce ne sono 765 attualmente in trattativa e speriamo che possano giungere a buon fine presto. I posti attualmente disponibili sono ancora 611». Il conto è presto fatto: per arrivare agli auspicati 2’800/2’900 posti di tirocinio offerti sono ancora necessari 598 posti: la speranza è che l’estate - e le aziende - aiutino. Ad ogni modo, sebbene la fotografia scattata a fine giugno mostri un dato «interessante e positivo» al suo interno ci sono varie sfumature: «I posti messi a disposizione da industria e artigianato sono in aumento, nei settori di commercio e servizi sono in aumento rispetto al 2020 ma in calo rispetto al 2019, nel settore sociosanitario invece sono di meno. Numeri questi - sottolinea Gonzalez - legati al vissuto dei settori economici durante la pandemia».

Il liceo resta una scelta delle ragazze

Delle circa 3’800 persone che iniziano una formazione professionale il 40 per cento arriva dalla IV media. E il momento della scelta, una volta finita la scuola dell’obbligo, è delicato. La Capoufficio dell’orientamento scolastico e professionale Rita Beltrami snocciola i numeri sulle scelte effettuate dai 3’243 ragazzi e ragazze che hanno finito la scuola media a giugno: «I dati sono provvisori - premette - ma in linea con quelli degli altri anni: il 44,9% sceglie una scuola media superiore pubblica o privata (33% il liceo, 7,8% la Scuola cantonale di commercio, il 4,1% licei privati), il 28,6% il tirocinio, il 19% una scuola professionale a tempo pieno, il 3,4% una scuola specializzata». Con una distinzione di genere sempre marcata: «Più della metà delle allieve sceglie il medio superiore, mentre il collocamento a tirocinio è scelto dal 38,3% dei ragazzi, dato simile al medio superiore, rispetto al 18% che si trova nelle ragazze». E parlando di tirocinio, Beltrami informa che «il 53,2% di chi è uscito dalla scuola media è già stato collocato, mentre il 17,6% è in attesa. Quasi il 30% è ancora senza un posto». Un posto che, a dipendenza delle professioni, sarà più o meno (o per niente) semplice trovare. «Ci sono ancora 54 posti come impiegati di commercio e 56 come impiegati di commercio al dettaglio, ma ad esempio ce ne sono solo 4 per assistente di studio medico con 24 richieste e 4 per meccanico di manutenzione per auto con 20 richieste», annota Beltrami.

Bertoli: ‘Lo Stato c'è, il mondo economico ci sia fino in fondo’

Perché sono anni che il discorso finisce sempre lì: se le aziende mettessero a disposizione più posti di tirocinio ci sarebbero meno problemi con ragazze e ragazzi che avrebbero più possibilità di scegliere la professione che più risponde ai propri desideri e alle proprie aspirazioni. Dopo i messaggi ‘Più duale’ e ‘Più duale plus’, approvati dal Gran Consiglio, il governo può dire di aver fatto la sua parte. Ma anche ieri, in conferenza stampa, il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli ha rimarcato «l’importanza di convincere l’economia ad allargare i posti di tirocinio messi a disposizione». Cosa altro occorre fare perché i ‘desiderata’ del Decs trovino risposta? A margine dell’incontro con la stampa, Bertoli alla ‘Regione’ dice che «occorre insistere, insistere e insistere. E anche uscire da questa retorica che vuole lo sbandieramento della formazione professionale come ottima cosa: è senz’altro vera, giusta e positiva, ma che ha bisogno di essere concretizzata, rafforzata e sostenuta da tutti. Noi come Stato ci siamo, chiediamo al mondo economico di esserci fino in fondo non solo retoricamente, perché bisogna lavorare tutti insieme. Ogni tanto - prosegue Bertoli - le aziende si lamentano della burocrazia dovuta al fatto che per formare bisogna fare una serie di cose, ma sono quelle che le stesse organizzazioni professionali centrali a Berna chiedono alla Segreteria di Stato per la formazione di introdurre nelle ordinanze. Ogni tanto è davvero difficile districarsi, ma proprio per questo, ripeto, occorre insistere».

Ortelli: ‘Lavorare settore per settore, ci sono troppe peculiarità per generalizzare’

Che fare? Una proposta la consegna alla ‘Regione’ il presidente della Conferenza della Svizzera italiana per la formazione continua degli adulti e deputato Plr Paolo Ortelli: «In Ticino stiamo lavorando benissimo su questo tema, ma invece che fare discorsi generalizzati, dobbiamo avere il coraggio di prendere settore per settore e associazione professionale per associazione professionale e lavorare assieme chiedendo come si può incidere singolarmente, perché ogni settore è confrontato con realtà diverse: sarà un lavoro titanico, ma è l’unico che ci permetterà di alzare il livello qualitativo invece di rimanere fermi ai proclami». E aggiunge: «Ci sono sicuramente contesti professionali dove è possibile fare di più in generale, ma ogni azienda ha le sue peculiarità: dimensioni, strutturazione, quanto ha tempo da dedicare agli apprendisti… Più salgono le richieste nelle ordinanze sulla formazione, meno si sono trovate persone in azienda da dedicare a questo ruolo di accompagnamento. Si lavori anche in quella direzione». 

Il sondaggio 

La conferenza stampa di oggi è stata anche l’occasione per presentare il sondaggio annuale sulle prospettive lavorative e formative dei futuri qualificati in una formazione professionale. «Hanno risposto in 970 - spiega la collaboratrice dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione Angela Cattaneo - e il 34% di loro, in futuro, desidera continuare gli studi, mentre il 35% dice di aver già trovato un posto di lavoro sebbene quasi la metà sia ancora in attesa di una conferma. Ed è senza dubbio positivo che l’87% di coloro che hanno già un lavoro lo abbia trovato nella professione imparata».

Leggi anche:

Apprendistato, siglati più contratti di tirocinio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved