ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
11 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
11 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
11 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
12 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
12 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
13 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
13 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
14 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
14 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
laR
 
30.06.2021 - 17:30

Impianti di risalita, 5.6 milioni tra continuità e novità

Il Consiglio di Stato presenta il credito quadro 2021/2025. Per il primo biennio confermato lo status quo, dal 2023 ci sarà una nuova chiave di riparto

impianti-di-risalita-5-6-milioni-tra-continuita-e-novita
Ti-Press

Continuità, ma con importanti accorgimenti. È su questa linea che il Consiglio di Stato ha impostato il credito quadro di 5,6 milioni di franchi per i prossimi quattro anni a sostegno della gestione ordinaria degli impianti di risalita di Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara. Per le stagioni invernali dal 2021/2022 al 2024/2025 i sussidi cantonali sono dunque assicurati, ma dei quattro scenari che erano sul tavolo del Dipartimento finanze ed economia alla fine è stato scelto quello ‘ibrido’. Quello che, appunto, prevede degli accorgimenti non da poco. Perché il credito quadro è suddiviso in due parti: se nel primo biennio viene confermato lo status quo, con un aumento degli stanziamenti per Bosco Gurin e soprattutto Carì, quindi verranno erogati 2,8 milioni, la musica a partire dalla stagione 2023/2024 per gli altri 2,8 milioni cambierà, essendo prevista una nuova chiave di riparto. Non si parlerà solo di zeri e percentuali, ma sarà un discorso di concetto.

Vitta: ‘Maggior collaborazione interaziendale e più progetti per la destagionalizzazione’

«In questi due anni, ed è la grossa novità, chiederemo alle stazioni di portare avanti un obiettivo che abbiamo da tempo e che ora va finalizzato», spiega alla ‘Regione’ il direttore del Dfe Christian Vitta. E quando si parla di concetto, si parla di «maggior collaborazione interaziendale per la gestione del marketing, portare avanti progetti legati alla destagionalizzazione e queste sinergie dovrebbero permettere, un domani, di rimodulare la chiave di riparto e permettere a tutti di ottenere, con queste collaborazioni, anche dei risparmi sui costi», sottolinea Vitta. Questo è l’obiettivo, «poi starà a loro dimostrare di poterlo raggiungere». E come? «Si deve passare dai progetti», non c’è alternativa. Che «potrebbero prevedere, ad esempio, l’aggiunta di un’offerta turistica estiva, rimodulare quindi l’attività non basandola solo sui mesi estivi ma anche sulle altre stagioni». Anche perché, rileva il direttore del Dfe, «è sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo a livello di cambiamenti climatici, quindi è anche una questione di sostenibilità per queste aziende e di essere lungimiranti». Senza dimenticare, va da sé, «che non si tratta e non dovrà trattarsi di un’offerta solo turistica, ma rivolta pure ai residenti considerato il grande interesse che c’è». Un discorso turistico che comprende «il Ticino Ticket, che va avanti, e l’iniziativa Vivi il tuo Ticino 2.0 che presenteremo prossimamente, iniziativa che interesserà anche il trasporto legato al turismo».

Ritornando sulle piste da sci, per Vitta «sicuramente c’è un potenziale di miglioramento su quello che è la messa in rete, la vera sfida sarà questa nuova chiave di riparto. Perché negli intendimenti si può essere tutti concordi, ma bisognerà poi vedere come la cosa si tradurrà in percentuali e cifre concrete». Ragionamenti che si trasformeranno in qualcosa di concreto tra un paio d’anni, ma in politica come in pista due anni passano in un batter d’occhio. Nel frattempo, da Vitta arriva «soddisfazione per aver raggiunto questa soluzione, era importante mantenere una certa unità tra le principali stazioni sciistiche ed è positivo che si sia raggiunto un risultato che mi sembra permetta a tutti di affrontare in maniera costruttiva la prossima, fondamentale tappa».

Una soddisfazione che viene consegnata alla ‘Regione’ anche dal presidente della Nuova Carì società di gestione Sagl Gabriele Gendotti, che aspettava con ansia «l’aggiornamento della chiave di riparto per questo primo biennio. L’aumento di 40mila franchi del contributo che avevamo chiesto è arrivato, e ci permette di essere più tranquilli nell’affrontare le future sfide».

Nel messaggio governativo si legge come “per quanto concerne la definizione della futura chiave di riparto, il cantone intende farsi parte attiva, coinvolgendo da subito tutti i rappresentanti degli impianti di un approfondimento tecnico, anche con un eventuale supporto specialistico esterno, che tenga in considerazione molteplici elementi”. Tra tutti, oltre a quanto dettoci da Vitta, al governo preme evidenziare “gli aspetti tecnici relativi agli impianti e alle piste (numero impianti, tipologia, vetustà, chilometri di pista, primi passaggi) come pure aspetti più contabili, tenendo in debita considerazione anche i risparmi dovuti ai progetti di collaborazioni interaziendali”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved