PHI Flyers
SEATTLE KRAKEN
01:00
 
TOR Leafs
NY Rangers
01:00
 
perplessita-sulla-nuova-formazione-professionale-commerciale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
5 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
5 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna

Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Luganese
5 ore

Referendum Pse, lo sport si mobilita a favore

Scendono in campo le 140 associazioni per rivendicare la necessità di disporre di infrastrutture adeguate e moderne
Ticino
6 ore

Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile

Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Bellinzonese
6 ore

Plr Cadenazzo, assemblea generale ordinaria

Si terrà domenica 24 ottobre alle 16 alla caserma del locale Corpo pompieri
Bellinzonese
6 ore

‘Cara Sommaruga, verifichi cosa sta facendo l’Uft’

Nuove Officine Ffs: il legale di tre ditte attive a Castione sollecita la consigliera federale affinché s’interessi del dossier
Ticino
6 ore

Arrivano in Ticino i TED Circles

Durante gli incontri verrà visionata una conferenza per poi discuterne i contenuti. Il primo appuntamento sarà il 21 ottobre
Luganese
6 ore

Un organo d’eccezione per la restaurata chiesa di Santa Marta

Lo strumento è più piccolo degli esemplari comuni. I lavori a Carona stanno giungendo al termine e sono costati 1,6 milioni di franchi
Ticino
7 ore

Covid Pass nelle biblioteche, il no del sindacato degli studenti

Il Sisa lancia una petizione: ‘Le sale di studio sono spesso l’unico spazio dove apprendere in modo adeguato’
Mendrisiotto
7 ore

La Dispensa si avvicina a Morbio Superiore

I clienti potranno telefonare per ordinare la spesa che sarà recapitata il giorno seguente o su richiesta a dipendenza dai prodotti
Ticino
29.06.2021 - 19:530

Perplessità sulla nuova formazione professionale commerciale

La prospettata riforma al centro di un'interrogazione del deputato socialista Raoul Ghisletta: il progetto criticato da associazioni e da alcuni importanti cantoni

La nuova formazione professionale commerciale, la cui entrata in vigore è prevista per il settembre del prossimo anno o al più tardi del 2023, preoccupa il deputato socialista e sindacalista della Vpod Raoul Ghisletta. Che sul tema ha elaborato un'interrogazione al Consiglio di Stato. "Si tratta di un cambiamento fortemente voluto dalla Società degli impiegati di commercio (Skav) e che è stato oggetto di indagini conoscitive da parte del Segretariato di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (Sefri), terminate il 20 aprile scorso", scrive Ghisletta, aggiungendo che "nei Cantoni di Zurigo e Lucerna la sperimentazione sarebbe già molto avanzata" e che "fa specie che la sperimentazione non sia stata effettuata anche in Romandia e in Ticino, che hanno un
tessuto socioeconomico diverso da quello svizzero-tedesco". Secondo la bozza di ordinanza del Sefri, l’insegnamento delle conoscenze professionali e della cultura generale risulterebbe organizzato, continua il granconsigliere del Ps, "nelle seguenti cinque aree: Forme lavorative e organizzative agili, Interazione in un campo lavorativo interconnesso, Coordinamento dei processi lavorativi imprenditoriali, Creazione di relazioni con i clienti o i fornitori, Utilizzo delle tecnologie del mondo del lavoro digitale e Conoscenze professionali specifiche delle opzioni". 
La riforma non è tuttavia esente da critiche.  Nel Canton Vaud è stato pubblicato di recente da parte del Sindacato dei docenti del settore professionale (Svmep) un documento, annota ancora Ghisletta, "che denuncia la prevista impostazione dell’insegnamento: all’insegnamento per materia si sostituirà un insegnamento orientato all’acquisizione di competenze operative in situazioni professionali frequenti (disintegrazione delle discipline). L’apprendista verrà formato come esecutore. Ne consegue che la formazione professionale scolastica sarà impoverita. La scuola fornirà solamente un sapere parcellizzato, svuotato del suo contenuto culturale e pedagogico". Ma l’opposizione al progetto arriva pure dalla Svizzera tedesca, per esempio dal Canton Zurigo, sede della sperimentazione: "Il Tages Anzeiger del 3 giugno riferisce delle critiche dell’Associazione dei docenti di scuole professionale, che chiede una riformulazione completa della riforma". Bordate giungono anche da "associazioni importanti di datori di lavoro
svizzero-tedeschi (Associazione delle banche del Canton Zurigo, Associazione dei datori lavoro Basilea)" e "dall’Associazione svizzera delle scuole universitarie professionali". Oltre alla questione delle lingue, sostiene il parlamentare, "criticano l’insegnamento orientato all’acquisizione di competenze operative e denunciano l’incertezza per la maturità professionale commerciale". Anche in Ticino "nelle ultime settimane sono sorte varie perplessità di docenti del settore, che temono tra le altre cose un netto ridimensionamento del contenuto culturale e pedagogico. E questo in contrasto con le finalità della legge sulla scuola", rileva l'autore dell'atto parlamentare. Per il quale nel nostro cantone si è finora parlato "pochissimo" del tema, "probabilmente perché sono pochissimi i responsabili e i docenti ticinesi coinvolti nel gruppo di coordinamento e nei gruppi di progetto nazionali". La Vpod, prosegue Ghisletta, "ha contattato i vertici della Divisione della formazione professionale, che hanno confermato lo stadio avanzato della riforma dell’insegnamento basata sull’acquisizione di competenze in situazioni tipo, indicando che le e i docenti ticinesi del settore commerciale e vendita saranno informati nel prossimo anno scolastico".

Numerose le domande poste da Ghisletta. Al Consiglio di Stato chiede fra l'altro quanti apprendisti sono toccati dalla riforma, se non teme conseguenze negative sul numero di posti di tirocinio offerti in Ticino nel settore, se conferma che dal cambiamento sono escluse le classi di maturità professionale integrata ("Una scelta provvisoria o duratura?"), quale sia stato "il coinvolgimento e la posizione" delle aziende che formano apprendisti di commercio in merito alla nuova formazione commerciale, per quale motivo i docenti ticinesi del settore non siano stati consultati "prima del 20 aprile 2021 in modo da consentire loro di partecipare all’indagine conoscitiva del Sefri" e come intende "migliorare il loro coinvolgimento in questo importante cambiamento della formazione commerciale".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved