perplessita-sulla-nuova-formazione-professionale-commerciale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Plr di Lugano, ‘Bertini è una scelta vincente’

L’ex sindaco Giorgio Giudici critica il Municipio che ‘ha vissuto di rendita’. E non ha dubbi sull’ex vicesindaco ’è l’unica figura forte’
Ticino
1 ora

La sinistra che non mobilita (più)

Dopo il sì al decreto sul contenimento della spesa, l’area progressista si interroga sulle ragioni della sconfitta. Con preoccupazione
Mendrisiotto
1 ora

Corsia per i Tir, sull’A2 spuntano i picchetti

Una missiva del Datec ha annunciato ai Municipi del Basso Mendrisiotto l’avvio dell’iter verso il varo del cantiere tra Coldrerio e Balerna
Locarnese
7 ore

Locarno, revocato il credito per l’autosilo ai Monti

Vizi di forma: il legislativo deve fare marcia indietro. Rinnovato l’Ufficio presidenziale: nuovo primo cittadino è Mauro Belgeri (Per Locarno)
Ticino
8 ore

Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia

Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
9 ore

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
9 ore

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
10 ore

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
11 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
11 ore

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
11 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
11 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
29.06.2021 - 19:53

Perplessità sulla nuova formazione professionale commerciale

La prospettata riforma al centro di un'interrogazione del deputato socialista Raoul Ghisletta: il progetto criticato da associazioni e da alcuni importanti cantoni

La nuova formazione professionale commerciale, la cui entrata in vigore è prevista per il settembre del prossimo anno o al più tardi del 2023, preoccupa il deputato socialista e sindacalista della Vpod Raoul Ghisletta. Che sul tema ha elaborato un'interrogazione al Consiglio di Stato. "Si tratta di un cambiamento fortemente voluto dalla Società degli impiegati di commercio (Skav) e che è stato oggetto di indagini conoscitive da parte del Segretariato di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (Sefri), terminate il 20 aprile scorso", scrive Ghisletta, aggiungendo che "nei Cantoni di Zurigo e Lucerna la sperimentazione sarebbe già molto avanzata" e che "fa specie che la sperimentazione non sia stata effettuata anche in Romandia e in Ticino, che hanno un
tessuto socioeconomico diverso da quello svizzero-tedesco". Secondo la bozza di ordinanza del Sefri, l’insegnamento delle conoscenze professionali e della cultura generale risulterebbe organizzato, continua il granconsigliere del Ps, "nelle seguenti cinque aree: Forme lavorative e organizzative agili, Interazione in un campo lavorativo interconnesso, Coordinamento dei processi lavorativi imprenditoriali, Creazione di relazioni con i clienti o i fornitori, Utilizzo delle tecnologie del mondo del lavoro digitale e Conoscenze professionali specifiche delle opzioni". 
La riforma non è tuttavia esente da critiche.  Nel Canton Vaud è stato pubblicato di recente da parte del Sindacato dei docenti del settore professionale (Svmep) un documento, annota ancora Ghisletta, "che denuncia la prevista impostazione dell’insegnamento: all’insegnamento per materia si sostituirà un insegnamento orientato all’acquisizione di competenze operative in situazioni professionali frequenti (disintegrazione delle discipline). L’apprendista verrà formato come esecutore. Ne consegue che la formazione professionale scolastica sarà impoverita. La scuola fornirà solamente un sapere parcellizzato, svuotato del suo contenuto culturale e pedagogico". Ma l’opposizione al progetto arriva pure dalla Svizzera tedesca, per esempio dal Canton Zurigo, sede della sperimentazione: "Il Tages Anzeiger del 3 giugno riferisce delle critiche dell’Associazione dei docenti di scuole professionale, che chiede una riformulazione completa della riforma". Bordate giungono anche da "associazioni importanti di datori di lavoro
svizzero-tedeschi (Associazione delle banche del Canton Zurigo, Associazione dei datori lavoro Basilea)" e "dall’Associazione svizzera delle scuole universitarie professionali". Oltre alla questione delle lingue, sostiene il parlamentare, "criticano l’insegnamento orientato all’acquisizione di competenze operative e denunciano l’incertezza per la maturità professionale commerciale". Anche in Ticino "nelle ultime settimane sono sorte varie perplessità di docenti del settore, che temono tra le altre cose un netto ridimensionamento del contenuto culturale e pedagogico. E questo in contrasto con le finalità della legge sulla scuola", rileva l'autore dell'atto parlamentare. Per il quale nel nostro cantone si è finora parlato "pochissimo" del tema, "probabilmente perché sono pochissimi i responsabili e i docenti ticinesi coinvolti nel gruppo di coordinamento e nei gruppi di progetto nazionali". La Vpod, prosegue Ghisletta, "ha contattato i vertici della Divisione della formazione professionale, che hanno confermato lo stadio avanzato della riforma dell’insegnamento basata sull’acquisizione di competenze in situazioni tipo, indicando che le e i docenti ticinesi del settore commerciale e vendita saranno informati nel prossimo anno scolastico".

Numerose le domande poste da Ghisletta. Al Consiglio di Stato chiede fra l'altro quanti apprendisti sono toccati dalla riforma, se non teme conseguenze negative sul numero di posti di tirocinio offerti in Ticino nel settore, se conferma che dal cambiamento sono escluse le classi di maturità professionale integrata ("Una scelta provvisoria o duratura?"), quale sia stato "il coinvolgimento e la posizione" delle aziende che formano apprendisti di commercio in merito alla nuova formazione commerciale, per quale motivo i docenti ticinesi del settore non siano stati consultati "prima del 20 aprile 2021 in modo da consentire loro di partecipare all’indagine conoscitiva del Sefri" e come intende "migliorare il loro coinvolgimento in questo importante cambiamento della formazione commerciale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
associazione docenti formazione ghisletta riforma
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved