Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(2-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
swissmem-a-lugano-accordi-di-libero-scambio-fondamentali
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 min

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
34 min

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
48 min

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
1 ora

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
1 ora

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
2 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
2 ore

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
2 ore

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
2 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
2 ore

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Ticino
24.06.2021 - 18:200
Aggiornamento : 19:39

Swissmem a Lugano: accordi di libero scambio fondamentali

In occasione della Giornata dell'industria organizzata oggi al Palazzo dei congressi è stata ribadita l'importanza degli accordi di libero scambio con altri paesi

L'associazione dell'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica (Swissmem) torna a riunirsi in Ticino, al Palazzo dei congressi di Lugano, con un'assemblea registrata pure come evento pilota per tracciare la via dell'uscita dalla pandemia a livello di grandi eventi. E Swissmem tocca subito un tema caldo. In quanto piccola economia aperta la Svizzera è uno dei maggiori beneficiari del libero scambio e della globalizzazione: oggi guadagna un franco su due all'estero. Per il settore l'importanza del commercio estero è ancora più marcata, in quanto esporta circa l'80% dei suoi beni e servizi. L'unico modo per preservare la Svizzera quale piazza industriale e i suoi posti di lavoro è avere un successo costante sui mercati mondiali, viene sottolineato in una nota. Questo richiede un buon accesso ai mercati globali di vendita e di approvvigionamento, e il libero scambio ne è il prerequisito.

Presente anche Guy Parmelin

Purtroppo negli ultimi anni il protezionismo e il populismo hanno portato a conflitti commerciali e compromesso il commercio globale. Per il presidente di Swissmem Martin Hirzel "è necessaria una rinascita del libero scambio". Ha quindi chiesto che "il Consiglio federale faccia uno sforzo speciale per garantire che nuovi accordi siano conclusi al più presto". Hirzel è anche convinto che "le innovazioni dell'industria creano prospettive di sviluppo economico, ecologico e sociale. Il libero scambio elimina gli ostacoli inutili. Possiamo così combattere il cambiamento del clima e allo stesso tempo perseguire obiettivi globali nella lotta contro la povertà e la promozione della prosperità globale". In questo contesto il presidente della Confederazione Guy Parmelin ha chiesto agli ambienti economici di aiutare a migliorare l'informazione della popolazione in tale campo. Essa "deve capire meglio la portata e non temere per la perdita di impieghi". "Lancio quindi un appello all'economia svizzera perché si impegni per spiegare che gli accordi di libero scambio non aprono la via allo smantellamento dell'economia svizzera".

"È nostro dovere cercare sempre soluzioni creative che dimostrino che gli accordi di libero scambio che abbiamo sottoscritto contribuiscono allo sviluppo sostenibile, sia in Svizzera che presso i nostri partner stranieri", ha aggiunto il ministro dell'economia. "Il commercio internazionale è una soluzione e non un problema; l'apertura dei mercati garantisce un'economia libera che ci permetterà di superare la crisi scaturita dalla pandemia." Hirzel si è poi detto molto dispiaciuto "che l'accordo quadro con l'Ue sia fallito. L'accesso al mercato unico è ora minacciato da un deterioramento strisciante. Nell'immediato, bisogna evitare una spirale negativa nelle relazioni con l'Ue. A medio termine, sono necessarie nuove soluzioni che permettano di assicurare la via bilaterale."

Dal Consiglio federale sì a partenariato forte con l'Ue

Da parte sua Parmelin ha sostenuto che "la bilancia decisamente non pendeva a favore degli interessi svizzeri, ma la volontà del Consiglio federale è di mantenere un partenariato forte con l'Ue e abbiamo lanciato segnali forti di disponibilità a riprendere rapidamente il dialogo a Bruxelles". Alla 14esima Giornata dell'industria Swissmem dal titolo "Opportunità del libero scambio - motore per prosperità e sostenibilità" hanno partecipato oltre 500 persone del mondo economico, della politica, dell'amministrazione e della ricerca. Oltre a Hirzel e Parmelin hanno preso la parola anche il consigliere di Stato ticinese Christian Vitta, l'ex presidente della Banca nazionale svizzera e attuale vicepresidente della società d'investimenti americana BlackRock Philipp Hildebrand e l'ex ministro degli esteri tedesco Sigmar Gabriel.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved