Roma
1
Cagliari
0
fine
(1-0)
Atalanta
Inter
20:45
 
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
la-non-binarieta-spiegata-da-chi-la-vive
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
2 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
2 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
3 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
3 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
3 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
4 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
5 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
5 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
5 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
5 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
5 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
5 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
Bellinzonese
7 ore

Disastro del Palasio, gli allievi torneranno in settembre

Domani a Giubiasco inizieranno i lavori per il ripristino edilizio vero e proprio che dureranno fino al 25 luglio, poi si procederà al trasloco
Ticino
9 ore

In Ticino 4 ricoveri in più in cure intense e nessun decesso

Nel nostro cantone, nelle ultime 24 ore, sono stati segnalati 1’221 nuovi contagi da coronavirus
Locarnese
10 ore

Locarno, l’Alliance ospita il fotografo Moreillon

Film e conferenza mercoledì alle 20 nella Sala congressi di Muralto
Ticino
1 gior

In Ticino 6 ricoveri in meno e nessun decesso

Sono 1’312 i contagi odierni, in ospedale restano ad oggi 167(-6) persone, di cui 15 (+1) in cure intense
Mendrisiotto
1 gior

Ferrovia Monte Generoso: rifatte le stazioni intermedie

Proseguono alacremente i lavori di ristrutturazione, fra imprevisti meteo e pandemia. Intervista al direttore del cantiere Pietro Brenni.
Gallery
Locarnese
1 gior

Brissago, l’ex cimitero come area di sosta per i camper

Presentata dal Plr una mozione che chiede di destinare il fondo a tale scopo. Così da favorire il turismo e generare indotti, evitando le soste selvagge
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo si scava in cerca della ‘zona di disturbo’

Seconda canna sotto il Gottardo: il tunnel di prospezione servirà a togliere la roccia più friabile localizzata a 5 chilometri dal portale sud
LGBTQ+
23.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:45

La non-binarietà spiegata da chi la vive

Sul fatto di non identificarsi come 'maschio' o 'femmina' circolano molta confusione e parecchi stereotipi. Una testimonianza per capirci di più

Alias è ticinese e studia all’Università di Losanna, è gentile e un po’ timido. Alias non è un alias, uno pseudonimo, ma proprio «il nome che ho scelto per quando cambierò quello che ho adesso», di ragazza. Alias è una persona non-binaria: non si identifica completamente né nel genere femminile – quello attualmente corrispondente al suo corpo – né in quello maschile. L’abbiamo incontrato per comprendere una situazione che non corrisponde alle dicotomie maschio/femmina e gay/etero, e neppure alla situazione di persone transgender che vedono nel genere ‘opposto’ a quello di nascita il loro punto di arrivo.

Alias, come spiegheresti la non-binarietà?

La non-binarietà ha molte sfumature. Ad accomunarci è il fatto di non identificarci in modo “o bianco o nero” con un genere, fosse anche quello opposto al proprio sesso biologico. Prova a fare un esperimento: immagina di trovarti in un corpo del sesso opposto al tuo; a molti questa prospettiva crea già un certo disagio. Ecco, a chi è non-binario succede con entrambi i sessi. Per questo è più facile spiegare ciò che non siamo più che ciò che siamo.

Cosa da non confondere con l’orientamento sessuale.

L’identità di genere riguarda se stessi, è qualcosa di diverso dall’attrazione sessuale, che può andare verso ciò che coincide col proprio sesso biologico o meno, in una miriade di sfumature intermedie.

Perché ti riferisci a te stesso al maschile?

L’italiano è una lingua molto ‘gendrée’. Siccome sto intraprendendo una transizione parziale – tramite ormoni – per avere tratti più maschili, preferisco questo genere, ma chiaramente si tratta di approssimazioni. Peraltro ci sono persone non-binarie che non fanno alcuna transizione, altri invece seguono il percorso di molte persone trans binarie.

Come hai fatto a ‘dare un nome’ alla tua identità?

Non è stato facile, fino a un anno fa io stesso ignoravo il fatto che la mia situazione si potesse definire non-binarietà. Fin dalle scuole medie ho avuto grandi difficoltà nell’identificarmi con un genere e nel relazionarmi con gli altri, vivendo anche episodi di bullismo, dovuti probabilmente al mio apparire a qualcuno ‘una ragazza strana’. Ma per anni ho rimosso il problema: mi ritiravo nella solitudine, ho sempre avuto pochissimi amici. Mi rifugiavo in un mondo di fantasia, leggendo e scrivendo. Proprio scrivendo è nato Alias, un personaggio molto androgino che solo in seguito ho capito essere una sorta di alter ego.

La questione, però, non è letteraria. Cosa rispondi a chi sostiene che la non-binarietà è ‘una moda’?

Di sicuro non lo è il disagio che ho vissuto per anni. Così come non lo è il senso di confusione man mano che ho smesso di ignorare il problema, di dirmi ‘passerà’. E di certo non hanno aiutato altre persone come me le terapie di conversione – purtroppo non ancora completamente illegali ovunque – che miravano a convincerle che non è ‘una cosa reale’, ma una specie di proiezione mentale da correggere. Reale, invece, è stato il progressivo senso di liberazione quando mi sono reso conto della situazione. Solo da allora ho cominciato a stare veramente bene.

Come ci sei arrivato?

Mi sono avvicinato alla comunità Lgbtq+ all’università, e lì ho scoperto la realtà non-binaria. Mi ha aiutato molto il fatto di essere in un ambiente accademico, privilegiato e sicuro: quando ho chiesto ai miei compagni di rivolgersi a me al maschile e col nuovo nome non è stato un problema. Però è ancora tutto nuovo, devo sperimentare un po’ alla volta, e so che fuori di qui è più difficile, come per tutte le persone trans: si è notoriamente discriminati sul posto di lavoro.

Poi bisogna spiegarlo alla famiglia.

I miei genitori mi hanno subito sostenuto, e così i miei amici più cari, quindi da questo punto di vista sono stato fortunato: non mi sono scontrato con quell’aggressività con la quale qualcuno si illude di ‘curare’ un figlio non-binario, senza capire che la diversità va accettata, non corretta, e che con certi comportamenti non si fa altro che allontanare una persona che pur si ama.

La non-binarietà causa anche disforia di genere, ovvero il fatto di rifiutare aspetti del proprio corpo?

Nel mio caso sicuramente sì: quando mi guardo allo specchio, potrei essere io o qualcun altro. Ma capitano anche ‘attacchi di disforia’, episodi di intensa ansia e sofferenza quando mi ritrovo fortemente riconosciuto e identificato come donna. All’inizio mi chiedevo ‘ma allora sono un uomo’? Ma non era neanche così. Queste sono tutte cose che per anni non sono riuscito a identificare, in una sorta di dissociazione mentale. Per questo è utile un percorso psicoterapeutico, comunque obbligatorio per poter accedere alla terapia ormonale e vedersela rimborsata dalla cassa malati.

Il problema è anche burocratico?

Da un punto di vista amministrativo, oltre che politico, la non-binarietà di fatto non è riconosciuta: basti pensare all’obbligo di dichiarare il genere maschile o femminile sui moduli. Ma questo – e tutto il casino legale che ci va dietro – è solo un sintomo di una società che fatica comprendere la questione.

C’è chi ne fa anche una questione linguistica. Per questo ad esempio si propone l’uso dello ‘schwa’, una vocale intermedia tra ‘a’ e ‘o’ che superi l’eccessiva distinzione di genere
nella lingua.

Il problema è complesso e non è solo una questione di lana caprina, perché in effetti la lingua influenza il pensiero. Io mi trovo più a mio agio parlando lingue come l’inglese, dove ci sono il neutro e il cosiddetto ‘singular they’ per superare le determinazioni di genere. Ma proposte come lo schwa servono soprattutto per creare consapevolezza: se poi la lingua evolverà lo farà in modo organico all’evoluzione della mentalità condivisa, dell’accettazione della diversità.

Quale che sia la lingua, trovi che di non-binarietà si parli troppo poco?

Sì, soprattutto durante l’adolescenza, nelle scuole. L’educazione sessuale è ancora fortemente eterocentrica e dell’identità di genere non si parla nemmeno. Se ci ho messo così tanto a conoscermi meglio è anche perché non me ne sono stati dati gli strumenti. Certo, oggi c’è internet: ma non si può pensare che basti. Serve una rete di informazione e supporto ben più ampia e personale. Se avessi capito di essere non-binario da adolescente probabilmente avrei avuto paura, ma se qualcuno mi avesse informato e sostenuto avrei forse evitato anche tante sofferenze. Perché è difficile relazionarsi con gli altri quando non si è ‘in chiaro’ con se stessi.

Dal punto di vista personale, dove ti vedi tra una decina d’anni?

Questa è un’altra cosa difficile da spiegare, anche a tante donne comprensive nei confronti delle mie scelte. Personalmente mi vedo circondato da persone alle quali voglio bene, magari anche affiancato da una compagna, ma di certo non vedo come prioritarie la ‘famiglia tradizionale’ e la maternità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved