Seattle Kraken
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-0 : 1-2 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
NY Islanders
0
PHI Flyers
0
1. tempo
(0-0)
STL Blues
NAS Predators
02:00
 
la-non-binarieta-spiegata-da-chi-la-vive
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
5 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
6 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
6 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
6 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
7 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
7 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
7 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
7 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
7 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
8 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
8 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
9 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
9 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
9 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
9 ore

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
9 ore

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
9 ore

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
9 ore

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
9 ore

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
10 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
LGBTQ+
23.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:45

La non-binarietà spiegata da chi la vive

Sul fatto di non identificarsi come 'maschio' o 'femmina' circolano molta confusione e parecchi stereotipi. Una testimonianza per capirci di più

Alias è ticinese e studia all’Università di Losanna, è gentile e un po’ timido. Alias non è un alias, uno pseudonimo, ma proprio «il nome che ho scelto per quando cambierò quello che ho adesso», di ragazza. Alias è una persona non-binaria: non si identifica completamente né nel genere femminile – quello attualmente corrispondente al suo corpo – né in quello maschile. L’abbiamo incontrato per comprendere una situazione che non corrisponde alle dicotomie maschio/femmina e gay/etero, e neppure alla situazione di persone transgender che vedono nel genere ‘opposto’ a quello di nascita il loro punto di arrivo.

Alias, come spiegheresti la non-binarietà?

La non-binarietà ha molte sfumature. Ad accomunarci è il fatto di non identificarci in modo “o bianco o nero” con un genere, fosse anche quello opposto al proprio sesso biologico. Prova a fare un esperimento: immagina di trovarti in un corpo del sesso opposto al tuo; a molti questa prospettiva crea già un certo disagio. Ecco, a chi è non-binario succede con entrambi i sessi. Per questo è più facile spiegare ciò che non siamo più che ciò che siamo.

Cosa da non confondere con l’orientamento sessuale.

L’identità di genere riguarda se stessi, è qualcosa di diverso dall’attrazione sessuale, che può andare verso ciò che coincide col proprio sesso biologico o meno, in una miriade di sfumature intermedie.

Perché ti riferisci a te stesso al maschile?

L’italiano è una lingua molto ‘gendrée’. Siccome sto intraprendendo una transizione parziale – tramite ormoni – per avere tratti più maschili, preferisco questo genere, ma chiaramente si tratta di approssimazioni. Peraltro ci sono persone non-binarie che non fanno alcuna transizione, altri invece seguono il percorso di molte persone trans binarie.

Come hai fatto a ‘dare un nome’ alla tua identità?

Non è stato facile, fino a un anno fa io stesso ignoravo il fatto che la mia situazione si potesse definire non-binarietà. Fin dalle scuole medie ho avuto grandi difficoltà nell’identificarmi con un genere e nel relazionarmi con gli altri, vivendo anche episodi di bullismo, dovuti probabilmente al mio apparire a qualcuno ‘una ragazza strana’. Ma per anni ho rimosso il problema: mi ritiravo nella solitudine, ho sempre avuto pochissimi amici. Mi rifugiavo in un mondo di fantasia, leggendo e scrivendo. Proprio scrivendo è nato Alias, un personaggio molto androgino che solo in seguito ho capito essere una sorta di alter ego.

La questione, però, non è letteraria. Cosa rispondi a chi sostiene che la non-binarietà è ‘una moda’?

Di sicuro non lo è il disagio che ho vissuto per anni. Così come non lo è il senso di confusione man mano che ho smesso di ignorare il problema, di dirmi ‘passerà’. E di certo non hanno aiutato altre persone come me le terapie di conversione – purtroppo non ancora completamente illegali ovunque – che miravano a convincerle che non è ‘una cosa reale’, ma una specie di proiezione mentale da correggere. Reale, invece, è stato il progressivo senso di liberazione quando mi sono reso conto della situazione. Solo da allora ho cominciato a stare veramente bene.

Come ci sei arrivato?

Mi sono avvicinato alla comunità Lgbtq+ all’università, e lì ho scoperto la realtà non-binaria. Mi ha aiutato molto il fatto di essere in un ambiente accademico, privilegiato e sicuro: quando ho chiesto ai miei compagni di rivolgersi a me al maschile e col nuovo nome non è stato un problema. Però è ancora tutto nuovo, devo sperimentare un po’ alla volta, e so che fuori di qui è più difficile, come per tutte le persone trans: si è notoriamente discriminati sul posto di lavoro.

Poi bisogna spiegarlo alla famiglia.

I miei genitori mi hanno subito sostenuto, e così i miei amici più cari, quindi da questo punto di vista sono stato fortunato: non mi sono scontrato con quell’aggressività con la quale qualcuno si illude di ‘curare’ un figlio non-binario, senza capire che la diversità va accettata, non corretta, e che con certi comportamenti non si fa altro che allontanare una persona che pur si ama.

La non-binarietà causa anche disforia di genere, ovvero il fatto di rifiutare aspetti del proprio corpo?

Nel mio caso sicuramente sì: quando mi guardo allo specchio, potrei essere io o qualcun altro. Ma capitano anche ‘attacchi di disforia’, episodi di intensa ansia e sofferenza quando mi ritrovo fortemente riconosciuto e identificato come donna. All’inizio mi chiedevo ‘ma allora sono un uomo’? Ma non era neanche così. Queste sono tutte cose che per anni non sono riuscito a identificare, in una sorta di dissociazione mentale. Per questo è utile un percorso psicoterapeutico, comunque obbligatorio per poter accedere alla terapia ormonale e vedersela rimborsata dalla cassa malati.

Il problema è anche burocratico?

Da un punto di vista amministrativo, oltre che politico, la non-binarietà di fatto non è riconosciuta: basti pensare all’obbligo di dichiarare il genere maschile o femminile sui moduli. Ma questo – e tutto il casino legale che ci va dietro – è solo un sintomo di una società che fatica comprendere la questione.

C’è chi ne fa anche una questione linguistica. Per questo ad esempio si propone l’uso dello ‘schwa’, una vocale intermedia tra ‘a’ e ‘o’ che superi l’eccessiva distinzione di genere
nella lingua.

Il problema è complesso e non è solo una questione di lana caprina, perché in effetti la lingua influenza il pensiero. Io mi trovo più a mio agio parlando lingue come l’inglese, dove ci sono il neutro e il cosiddetto ‘singular they’ per superare le determinazioni di genere. Ma proposte come lo schwa servono soprattutto per creare consapevolezza: se poi la lingua evolverà lo farà in modo organico all’evoluzione della mentalità condivisa, dell’accettazione della diversità.

Quale che sia la lingua, trovi che di non-binarietà si parli troppo poco?

Sì, soprattutto durante l’adolescenza, nelle scuole. L’educazione sessuale è ancora fortemente eterocentrica e dell’identità di genere non si parla nemmeno. Se ci ho messo così tanto a conoscermi meglio è anche perché non me ne sono stati dati gli strumenti. Certo, oggi c’è internet: ma non si può pensare che basti. Serve una rete di informazione e supporto ben più ampia e personale. Se avessi capito di essere non-binario da adolescente probabilmente avrei avuto paura, ma se qualcuno mi avesse informato e sostenuto avrei forse evitato anche tante sofferenze. Perché è difficile relazionarsi con gli altri quando non si è ‘in chiaro’ con se stessi.

Dal punto di vista personale, dove ti vedi tra una decina d’anni?

Questa è un’altra cosa difficile da spiegare, anche a tante donne comprensive nei confronti delle mie scelte. Personalmente mi vedo circondato da persone alle quali voglio bene, magari anche affiancato da una compagna, ma di certo non vedo come prioritarie la ‘famiglia tradizionale’ e la maternità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved