naturalizzazioni-in-ticino-nuove-regole-piu-severe
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
1 ora

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
1 ora

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
1 ora

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
1 ora

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
2 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
2 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
2 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
2 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
04.06.2021 - 10:18
Aggiornamento: 18:31

Naturalizzazioni in Ticino, nuove regole più severe

Prestazioni assistenziali e rimborso degli aiuti ricevuti: cosa cambia dal prossimo 1° settembre

Il Consiglio di Stato ha stabilito l’entrata in vigore delle modifiche legislative in materia di naturalizzazione volute dal Gran Consiglio mediante l’approvazione dell’iniziativa parlamentare generica del 21 gennaio 2019. A partire dal 1° settembre 2021 chi intende presentare una domanda di naturalizzazione dovrà comprovare di non aver percepito prestazioni assistenziali negli ultimi 10 anni, oppure di aver completamente rimborsato gli aiuti ricevuti. Fino ad ora la legge sulla cittadinanza ticinese e sull’attinenza comunale prevedeva un termine di 3 anni.

Cosa viene chiesto

I cambiamenti decisi dal Parlamento e introdotti dal Governo avranno un impatto per quei cittadini stranieri che durante gli ultimi 10 anni sono stati domiciliati fuori Cantone. Dovranno infatti rivolgersi alle autorità competenti del luogo in cui hanno risieduto per procurarsi la documentazione necessaria. A tale scopo l’attuale formulario è stato modificato in modo che i candidati alla naturalizzazione possano certificare la loro indipendenza dall’aiuto sociale, inviando il documento al Servizio competente per l’erogazione di prestazioni assistenziali. Per facilitare la raccolta di tali informazioni il formulario riporterà i recapiti dei Servizi sociali di quei Cantoni in cui l’erogazione delle prestazioni assistenziali è gestita centralmente a livello cantonale. Negli altri casi il naturalizzando dovrà invece interpellare i singoli Comuni in cui ha soggiornato durante gli ultimi 10 anni. Da rimarcare che anche il termine relativo alla documentazione da presentare con la domanda di naturalizzazione sull’esercizio di un’attività economica o su una formazione passerà a 10 anni al posto degli attuali 3 anni.  

Esame, i criteri per essere dispensati

Approfittando dei cambiamenti introdotti, i criteri per essere dispensati dalla partecipazione e dal superamento dell’esame del corso sulle conoscenze del contesto geografico, storico, politico e sociale della Svizzera e del Ticino sono stati semplificati e resi più coerenti con lo scopo perseguito. In futuro coloro che hanno frequentato in Ticino almeno 5 anni fra formazione dell’obbligo (esclusa la scuola dell’infanzia) e/o una formazione di livello secondario II presso una scuola ticinese parificata saranno dispensati dal corso alla cittadinanza e dal superamento del relativo esame. Non saranno invece più riconosciute formazioni del livello terziario che continueranno invece a essere considerate nel contesto delle conoscenze linguistiche.  

Anche chi non adempie ai requisiti sopra indicati potrà richiedere al Servizio naturalizzazioni dell’Ufficio dello stato civile di essere formalmente esonerato dalla frequenza al corso circa le conoscenze del contesto geografico, storico, politico e sociale della Svizzera e del Ticino e prepararsi autonomamente per l’esame. La decisione di esonero riguarda unicamente la partecipazione al corso; rimane in tutti i casi l’obbligo di sostenere e superare l’esame previsto alla fine della formazione alla cittadinanza organizzata dal Decs, volto a ottenere il certificato necessario alla procedura di concessione della cittadinanza.  

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
naturalizzazione naturalizzazioni prestazioni prestazioni assistenziali ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved