Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
bertoli-sul-molino-il-municipio-non-doveva-chiederci-il-permesso
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
11 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
11 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
19 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
20 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
20 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
21 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
21 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
21 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
22 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
22 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
22 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
23 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
02.06.2021 - 18:420

Bertoli sul Molino: ‘Il Municipio non doveva chiederci il permesso’

Il presidente del Consiglio di Stato ticinese avrebbe auspicato ‘scelte più improntate al dialogo’

Ruspe, secondo il sindacato Unia, già pronte prima dell'occupazione dell'ex Vanoni. Consiglio di Stato (Cds) che, a suo dire, non era a conoscenza dei piani della polizia. Abbiamo chiesto al presidente del CdS Manuele Bertoli di fare chiarezza su alcuni fatti, ancora bui, che riguardano lo sgombero e la demolizione del centro sociale Molino di Lugano, avvenuta durante la notte tra sabato e domenica.

Il Municipio di Lugano si è detto estraneo al fatto che la demolizione fosse fra i piani d'intervento della Polizia cantonale. Allo stesso modo anche il Consiglio di Stato ha affermato di non esserne a conoscenza. Si deve dunque presumere che la polizia abbia prevaricato la politica non informandola?

«La polizia può preparare tutti gli scenari che desidera, ma per metterli in pratica ha bisogno del nulla osta della politica, altrimenti saremmo in uno Stato di polizia. Sabato sera sono stati chiesti due nulla osta separati al Municipio, che aveva la competenza politica di decidere, uno relativo allo sgombero dell’ex Macello e uno relativo all’intervento sull’immobile. In ambedue i casi la risposta è stata positiva, ma si poteva anche rispondere negativamente come alcuni membri del Municipio hanno fatto o avrebbero fatto se consultati. Questo mi pare il dato politico di base, il resto sono sostanzialmente dei dettagli».

Come si è svolto il coordinamento prima, durante e dopo l'intervento fra il Consiglio di Stato, Borradori e Valenzano Rossi?

«Non c’è stato un coordinamento tra il CdS e il Municipio, il Cantone ha messo a disposizione la Polizia cantonale perché la legge sulla collaborazione tra le polizie lo prevede. Per quel che è del coordinamento interno al Municipio di Lugano non so risponderle».

Se il Consiglio di Stato dice di non essere stato informato prima su una possibile demolizione, dove si è fermata la comunicazione? 

«Fra la Polizia cantonale e il Governo, che ha sentito i rappresentanti della polizia nella sua seduta del 26 maggio senza che questa evenienza fosse esplicitata».

È stato detto che si è deciso per la demolizione del Molino a seguito dell'occupazione dell'ex Vanoni. Quest'ultimo è stato però occupato alle 18.30 quando, secondo il sindacato Unia, l'impresa era già stata informata. Si può dedurre che la demolizione fosse già programmata. E quindi, di nuovo, la polizia ha prevaricato il Consiglio di Stato oltre che il Municipio?

«Riprendo la mia prima risposta, ogni intervento di polizia ha bisogno di un nulla osta politico, qualsiasi sia la preparazione di quel che si ipotizza di fare».

È legale intervenire senza l'autorizzazione del potere giudiziario?

«Il Governo ha segnalato tempo addietro al Municipio la necessità di avere giuridicamente le carte a posto per poter operare uno sgombero dopo aver inoltrato la disdetta, a noi risulta che le procedure su questo aspetto siano state seguite e che non vi siano stati ricorsi».

Non trova 'imbarazzante' per il Governo un episodio così duro in un contesto svizzero generalmente volto al dialogo? E non trova inopportuno il silenzio di questi giorni del Consiglio di Stato?

«Il Governo, l’ho già detto pubblicamente e quindi senza restare in silenzio, aveva segnalato al Municipio per tempo che la disdetta dell’ex Macello e un suo sgombero susseguente avrebbe probabilmente creato una situazione difficile, ma l’Esecutivo cittadino ha scelto un’altra strada. Il Municipio era del tutto autonomo nel prendere questa decisione, non doveva chiederci un permesso. A Lugano alla fine si è accettato di portare a termine quel che era stato iniziato mesi fa con l’invio della disdetta, personalmente avrei auspicato scelte più improntate al dialogo ma purtroppo le cose sono andate come sappiamo».

Come valuta a posteriori l'operato della Polizia cantonale? Suggerendo la demolizione la polizia è venuta meno a degli step gerarchici? Sono previsti dei provvedimenti disciplinari nei confronti della catena di comando? Cosa dice in merito ai possibili problemi legati all'amianto?

«Alle prime domande ho già risposto, suggerire è sempre possibile, quel che conta davvero è la decisione politica, che non è obbligatoriamente un sì. Anche alla polizia l’autorità politica può dire di no. Per le altre cose più tecniche c’è una procedura penale in corso e sarà il Ministero pubblico a definire per primo cronologie e responsabilità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved