WAS Capitals
2
Detroit Red Wings
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-1)
FLO Panthers
4
BOS Bruins
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
CHI Blackhawks
2
TOR Leafs
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-1)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
EDM Oilers
0
PHI Flyers
0
1. tempo
(0-0)
pisa-2018-per-i-15enni-ticinesi-ottimi-risultati-in-matematica
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Parmalat bis, l’accusa chiede tre anni di reclusione per Sala

Per il Ministero pubblico della Confederazione l’ex manager di Bank of America ha agito consapevolmente. ‘Il reato è quello di riciclaggio aggravato’
Bellinzonese
8 ore

Allievi di Galbisio rimasti a piedi: reclami senza esito

Sul percorso non idoneo la Direzione delle Medie 2, il Municipio di Bellinzona e i genitori hanno scritto più volte al Decs, che è irremovibile
Luganese
8 ore

Lugano, preventivo 2021 rivisto: il rosso sale a 21,6 milioni

L’aggiornamento serve alla base legale per la gestione pubblica dell’aeroporto e considera le uscite causate dagli aiuti concessi per il Covid
Bellinzonese
9 ore

Monte Carasso-Mornera, funivia fuori esercizio per due pomeriggi

A causa del trasporto di materiale a valle, l’impianto non sarà a disposizione dell’utenza martedì 2 e mercoledì 3 novembre dalle 12.30 alle 16
Mendrisiotto
9 ore

A Chiasso mostra dell’artista ucraino Ivan Turetskyy

Il 13 novembre si inaugura l’esposizione che guarda a un nuovo post futurismo
Mendrisiotto
9 ore

Uffici chiusi per San Martino a Mendrisio

La tradizionale Fiera non ci sarà, ma la Città rispetterà le consuetudini legate alla giornata
Bellinzonese
9 ore

Ben 350 partecipanti al concorso letterario ‘Castelli di carta’

Martedì si è tenuta la cerimonia di premiazione per le categorie Adulti e Ragazzi
Bellinzonese
9 ore

Aet collabora col Vallese per rafforzare la formazione

Settore idroelettrico: l’accordo con la società Hydro Exploitation Sa prevede scambi interaziendali per apprendisti, formatori e personale qualificato
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso: previsioni in rosso e alcune incognite da svelare

Il Municipio stima di chiudere i bilanci 2022 con mezzo milione di deficit. La città tiene il punto su moltiplicatore e servizi. Intanto, si investe
Luganese
10 ore

Accoltellatore Pregassona, 6 anni e 10 mesi anche in Appello

I giudici confermano la condanna di primo grado per l’iracheno che ferì gravemente un suo connazionale: fu tentato omicidio intenzionale
Ticino
10 ore

Condanne più aspre per i pedofili, stop all’iniziativa cantonale

Dopo il no delle commissioni di Stati e Nazionale, la decisione ufficiale: no all’aumento delle pene minime e massime chiesto da Dadò: ‘Delusione totale’
Ticino
01.06.2021 - 16:530
Aggiornamento : 18:50

Pisa 2018, per i 15enni ticinesi ottimi risultati in matematica

Significativo divario fra i risultati degli studenti a seconda del settore scolastico e della frequenza dei corsi A o B in matematica e tedesco

Ottimi risultati in matematica, buoni in scienze e lettura per gli allievi quindicenni del Ticino: questo emerge dall'indagine Pisa (Programme for International Student Assessment), svolta nel 2018 in Ticino dal Centro per l’innovazione e la ricerca sui sistemi educativi del Dfa della Supsi su mandato del Decs. Risultati che riconfermano quelli rilevati nel 2015.

Essendo il Ticino l'unico cantone ad aver mantenuto un suo campione di quindicenni, è stato possibile comparare i risultati degli allievi ticinesi con i punteggi medi dei Paesi dell’Ocse, della Svizzera e delle regioni linguistiche svizzere francese e tedesca, oltre che con quelli di alcuni Paesi di riferimento (Italia, Francia, Austria, Germania, Belgio, Lussemburgo, Canada e Finlandia), e con le prestazioni delle cinque aree geografiche italiane (Nord-est, Nord-ovest, Centro, Sud, Sud e isole). 

Nel complesso, il divario di punteggio fra gli allievi più o meno competenti in Ticino è più contenuto, ciò che per il Decs conferma "l'ottima equità del sistema educativo ticinese". Ci sono però margini di miglioramento, soprattutto per gli allievi che nell'ultimo anno delle medie hanno frequentato uno o più corsi base, le cui prestazioni medie sono state inferiori rispetto ai coetanei che hanno seguito due corsi attitudinali. Significativa è la differenza dei punteggi ottenuti dagli allievi di diversi settori scolastici, mediamente superiori nelle scuole medie superiori: seguono gli allievi delle scuole professionali (con punteggi superiori tra chi prevede anche l’ottenimento della maturità professionale rispetto a chi non lo prevede), delle scuole medie e infine del pretirocinio di orientamento. Significativamente migliori, nella lettura, anche i risultati tra gli allievi che frequentano a tempo pieno una scuola professionale rispetto agli apprendisti iscritti a una formazione scuola-lavoro.

La valutazione del 2018 si è soffermata principalmente sulla lettura. Gli allievi ticinesi hanno ottenuto punteggi migliori quando si è trattato di misurare la capacità di “valutare e riflettere” rispetto a “comprendere o localizzare le informazioni”, così come quando dovevano basarsi su fonti multiple (ad esempio più pagine web di diversi autori o contributi multipli all’interno di una chat) rispetto ad esercizi basati su un singolo autore.  

Le tecnologie digitali a scuola

L'indagine ha riguardato anche il tema delle tecnologie digitali nelle scuole Al riguardo il Decs ricorda che l'indagine è stata svolta prima della pandemia COVID-19 e "dell’attuazione dei lavori avviati dal Centro delle risorse didattiche e digitali relativi al Masterplan informatico approvato nel 2019", dunque "prima che la scuola ticinese si apprestasse ad affrontare cambiamenti sostanziali proprio nel campo in oggetto".

La disponibilità di strumenti digitali nelle scuole ticinesi è in linea con quella della Svizzera francese, ma inferiore rispetto a quella della Svizzera tedesca, sebbene "gli allievi ticinesi nel complesso ne dichiarino un utilizzo comparabile". In Ticino, in generale, si fa meno uso di dispositivi digitali a scuola o al di fuori delle lezioni per specifiche materie, con un picco del 37% nelle lingue straniere: nel nostro cantone, come nel resto della Svizzera, chi utilizza dispositivi digitali a scopo didattico durante le lezioni delle materie testate in Pisa ottiene prestazioni peggiori, va meglio se è solo l’insegnante a usare questi dispositivi durante la lezione. "Un dato da approfondire", sottolinea il Decs, ma che potrebbe essere spiegato interrogandosi sulle modalità di utilizzo dei dispositivi digitali e sull'abitudine e la competenza degli studenti nell’impiego del digitale quale supporto per l’apprendimento. Secondo quanto riportano gli allievi, l’insegnamento di competenze legate alle tecnologie digitali a scuola è presente solo in parte. La maggioranza degli allievi (69%), in particolare, si è interessata delle conseguenze della pubblicazione dei propri dati personali sui social network.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved