Napoli
Bologna
20:45
 
Ginevra
0
Losanna
1
1. tempo
(0-1)
energia-rischio-blackout-senza-intesa-con-l-europa
Archivio Ti-Press
Rete a rischio sovraccarico
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
34 min

Potenziato il centro Dhl Express di Rivera

Investiti 12 milioni di franchi sul territorio in un settore, quello della consegna pacchi, in forte crescita
Ticino
1 ora

Parmalat bis, la difesa di Sala punta al proscioglimento

Per i legali dell’ex manager di Bank of America il loro assistito non ha commesso il reato di bancarotta fraudolenta, presupposto per il riciclaggio
Locarnese
1 ora

Locarno, Io l’8: ‘Nessuna di quelle morti era inevitabile’

Si è tenuta oggi la prima di quattro azioni contro ‘un fenomeno che non è ineluttabile’ e contro cui va ripensato il sistema di protezione delle vittime
Mendrisiotto
2 ore

Uccise il compagno di caccia a Chiasso: andrà in carcere

Pena di 2 anni e 10 mesi per un cacciatore del Mendrisiotto. Nel 2019 scambiò l’amico per un cinghiale ferendolo a morte. ‘Leggerezza inaccettabile’
Luganese
2 ore

Il Requiem di Mozart alla Cattedrale di Lugano

Una delle composizioni più misteriose e affascinanti del grande maestro viennese sabato 13 novembre alle 20.30
Luganese
3 ore

Grande successo per la Triennale di Maroggia: prolungata

Spostata la data di chiusura ufficiale dal 5 novembre al 30 gennaio 2022 per la kermesse ‘Tra Strada e Street Art’
Locarnese
3 ore

‘Il processo Zylla’, presentazione spostata al Dfa Supsi

Domani sera dalle 18.15 il libro dell’ex magistrato Luciano Giudici verrà illustrato nell’Aula magna del Dipartimento formazione e apprendimento a Locarno
Locarnese
3 ore

Ad Ascona l’inaugurazione del Bicentenario Antonio Ciseri

Domani alle 18 al Museo Castello San Materno parte la mostra realizzata in collaborazione con l’associazione dedicata al grande artista
Ticino
3 ore

Intervista a monsignor Chiappini: trasmissione contestata

L’Autorità indipendente in materia radiotelevisiva esaminerà un ricorso contro la puntata di ‘Millevoci’ sulla vicenda giudiziaria del religioso
Luganese
3 ore

Si apre a Lugano la campagna per i contributi 2022

Per persone fisiche o giuridiche, ed enti che svolgono un’attività sociale, educativa, ambientale, sportiva, culturale, ricreativa e turistica
Luganese
3 ore

Finanze, Lugano vede sempre più rosso

Preventivo 2022: deficit d’esercizio di 24,2 milioni di franchi. Foletti: ‘Resto fiducioso ma faticheremmo a sopportare altri due anni di pandemia’
Locarnese
4 ore

Loco e Intragna, i musei domenica chiudono

Stagione espositiva al termine per le due realtà etnografiche regionali
Mendrisiotto
4 ore

I volti del nuovo Ufficio presidenziale del Plr di Mendrisio

Rinnovato il comitato del prossimo quadriennio: ‘Ci impegneremo sempre per la nostra cittadina, più bella, più coraggiosa e più trasparente’
Locarnese
4 ore

Minusio, Quartiere Rivapiana in seduta

L’assemblea dell’associazione domenica 14 novembre a Casa San Vittore di Muralto. All’ordine del giorno anche le nomine statutarie
Luganese
4 ore

Al via nel weekend la prima edizione di Lugano Classic

La kermesse, dedicata alle auto d’epoca ma non solo, animerà nell’ultimo fine settimana di ottobre alcune fra le più belle piazze del centro
Locarnese
4 ore

Salva, il nuovo Regolamento dei dipendenti e la sua incidenza

Il Servizio ambulanza del Locarnese sta valutando cosa cambierà con la sua introduzione. Ai Comuni un fabbisogno da coprire di 2,41 milioni
Locarnese
4 ore

Ppd Locarno, Akai chiede la conferma alla presidenza

‘Dopo le Comunali, delusissimo, volevo lasciare, ma ci ho ripensato perché ci tengo molto’. Deciderà la prossima assemblea
Bellinzonese
4 ore

Rodi-Fiesso, Leventina Calcio in assemblea

Appuntamento per giovedì 18 novembre alle 20 al Ristorante Baldi
Ticino
 
01.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:59

Energia, rischio blackout senza intesa con l’Europa

Giovanni Leonardi, presidente del Cda di Aet, sul futuro del settore elettrico. Si transiterà sulla rete svizzera senza pagare nessun pedaggio

«Conti positivi e solidi». Così Giovanni Leonardi, presidente del Consiglio di amministrazione dell’Azienda elettrica ticinese, commentando i risultati consolidati dell’esercizio 2020 che registra un utile netto di 13 milioni di franchi (9 milioni nel 2019) anche se con una cifra di affari più bassa (867 milioni) rispetto all’esercizio precedente (1,017 miliardi). «Si tratta del risultato migliore da sei a questa parte e conferma la tendenza positiva avviata nel 2019 e l’uscita dal periodo di difficoltà che hanno contrassegnato il settore energetico nel periodo 2013-2018», ha spiegato Leonardi. L’anno della pandemia di Covid-19 ha comunque fatto pagare pegno alle attività dell’Aet. «La pandemia ha determinato un temporaneo calo dei consumi, limitato ai mesi del primo lockdown, e ha avuto effetti negativi sui prezzi futuri dell’energia che si ripercuoteranno sui prossimi esercizi», ha continuato il presidente del Cda di Aet che ha precisato che per quanto riguarda la produzione idroelettrica propria (977 GWh, pari a un terzo del totale), il calo è stato di circa il 10% rispetto al 2019, ma superiore del 3% rispetto alla media decennale. Analogamente la quota di produzione da partecipazioni idroelettriche in Ticino si è attestata a 638 GWh, il 5,5% in meno rispetto all’esercizio precedente. Preoccupa però il calo dei prezzi in alcuni mercati europei. I prezzi all’ingrosso sono calati del 17% in Svizzera, mentre in Germania del 19%, in Francia del 18% e in Italia del 26%. «Questa tendenza avrà effetti negativi negli esercizi successivi in quanto i contratti di fornitura hanno una valenza pluriennale: si vende oggi, ma si fornirà in futuro al prezzo più basso di oggi», ha spiegato da parte sua il direttore generale dell’Aet Roberto Pronini.

«Ciononostante, l’Aet ha sempre garantito la continuità del proprio operato e raggiunto gli obiettivi prefissati. Uno su tutti il nuovo parco eolico del San Gottardo», commenta da parte sua il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia Christian Vitta che ricorda la politica energetica cantonale che mira alla «decarbonizzazione e alla transizione energetica» che si tradurranno in maggiori consumi elettrici e nella «sostituzione della produzione elettrica programmabile (nucleare) con produzione non programmabile (eolico e solare)». Lo scorso autunno, infatti, sono stati messi in funzione 5 aerogeneratori (pale eoliche, ndr). Un traguardo simbolico, si fa notare, che conferma la rotta intrapresa con importanti investimenti a favore del potenziamento della produzione rinnovabile, di quella idroelettrica e del loro indotto in Ticino.

Per evitare un’eccessiva dipendenza dall’estero nei mesi invernali la revisione della Legge sull’approvvigionamento elettrico (Laei) prevede contributi per aumentare la capacità di stoccaggio dei bacini idroelettrici, in mondo da accumulare l’eccesso di produzione estiva e creare riserve da utilizzare in situazione eccezionali. «Secondo uno studio condotto dal Politecnico di Zurigo, in Ticino la diga del Sambuco in Val Lavizzara è quella che si presta meglio a essere innalzata», spiega ancora Vitta che ricorda come in questa ottica il Cantone si sta preparando la strategia di riversione degli impianti. I primi riscatti avverranno nel 2035 con gli impianti Ofima 1 (Peccia, Cavergno e Verbano) e si proseguirà con quelli dell’Ofible (Luzzone, Olivone, Biasca) nel 2042. Si concluderà con la diga della Verzasca (2045) e Ofima 2 (Robiei e Bavona) nel 2048. 

Preoccupa il mancato accordo sull’energia con l’Ue

«Grazie alla sua flessibilità, la produzione idroelettrica diventerà la colonna portante del sistema energetico svizzero. Il Ticino, terzo produttore svizzero con il 10% della produzione idroelettrica nazionale, giocherà un ruolo di primo piano», ha affermato ancora Christian Vitta. 

Una strategia attuabile anche alla luce del mancato accordo sull’elettricità tra Svizzera e Unione europea? «Il tema era in discussione dal 2009. Tra la Confederazione e l’Ue non c’è mai stata una vera e propria intesa, ma soltanto un gentlemen agreement che permetteva comunque una coordinazione del mercato de energia, soprattutto per quanto riguarda i transiti. Senza accordo l’energia europea, da nord a sud, continuerà a transitare, ma non verrà pagato un pedaggio», ha spiegato Leonardi. «Si tratta di perdite commerciali certe per l’intero settore elettrico svizzero. Si possono ipotizzare costi supplementari di uno o due centesimi al kWh che potrebbero tradursi in un +20% in bolletta», ha spiegato Roberto Pronini, neo consigliere di amministrazione di Swissgrid, la società svizzera di gestione delle reti ad altissima tensione. «Siccome non è possibile tecnicamente impedire il transito, uno dei rischi è il sovraccarico della rete nei momenti di punta con eventuali blackout ll’energia, soprattutto per quanto riguarda i transiti. Senza accordo l’energia europea, da nord a sud, continuerà a transitare, ma non verrà pagato un pedaggio», ha spiegato Leonardi. «Si tratta di perdite commerciali certe per l’intero settore elettrico svizzero. Si possono ipotizzare costi supplementari di uno o due centesimi al kWh che potrebbero tradursi in un +20% in bolletta», ha spiegato Roberto Pronini, neo consigliere di amministrazione di Swissgrid, la società svizzera di gestione delle reti ad altissima tensione. «Siccome non è possibile tecnicamente impedire il transito, uno dei rischi è il sovraccarico della rete nei momenti di punta con eventuali blackout», ha rilanciato da parte sua Giovanni Leonardi.

C’è un eventuale piano B? «Una quindicina di anni fa si verificò una situazione analoga in Italia che all’epoca aveva una ridotta capacità di produzione poi supplita con le centrali a gas. In quel periodo si procedeva a regolari distacchi dalla rete di grandi consumatori (di fatto blackout mirati, ndr) con successivo indennizzo», ha commentato ancora il presidente del Cda di Aet.

Conseguenze minime invece sui ricavi a causa dei prezzi dell’energia bassi di quest’anno. «Siamo in grado di gestire gli acquisti e le vendite in modo flessibile. I prezzi futuri sulla borsa svizzera sono al rialzo, fattore che fa comunque ben sperare per il prosieguo», ha precisato Flavio Kurzo, responsabile delle finanze di Aet.

Archivio Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved