le-ondate-di-caldo-possono-fare-molte-piu-vittime-di-un-uragano
Marco Gaia (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
4 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
4 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
14 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
15 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
15 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
15 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
16 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
16 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
16 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
17 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
17 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
18 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
18 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
19 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
19 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
31.05.2021 - 19:10
Aggiornamento: 21:59

'Le ondate di caldo? Possono fare molte più vittime di un uragano'

Così il responsabile del centro regionale sud di MeteoSvizzera Marco Gaia. Allerta canicola: nuovi criteri. Il Piano cantonale del Dipartimento sanità e socialità

«Le ondate di caldo, oltre a essere una realtà anche da noi, sono tra i maggiori pericoli meteorologici, in grado di provocare, considerate le loro grandi estensioni, molte più vittime, per esempio, degli uragani. È un fenomeno che non va assolutamente sottovalutato: i cambiamenti climatici sono in atto anche nel nostro Paese e si prevede che la frequenza delle ondate di calore aumenterà». È allora «fondamentale» disporre sia di efficaci dispositivi di allarme sull'imminente arrivo di giorni roventi sia di piani di intervento «per gestire al meglio questi pericoli», limitandone al massimo l'impatto «sulla salute e sul sistema sanitario». L'estate 2021 «non sappiamo come sarà, ma siamo pronti». Parole eloquenti quelle di Marco Gaia. Parole che il responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera ha pronunciato stamattina chiudendo il proprio intervento all'incontro con la stampa durante il quale l'esperto della stazione scientifica di Locarno-Monti e il Dipartimento sanità e socialità hanno illustrato «il nuovo concetto» di allerta canicola e il Piano cantonale 2021 per evitare o contenere il più possibile i danni dell'afa sulle persone.

Valore soglia: 25 gradi. E il nuovo livello 2

La stagione estiva non è ancora cominciata, ma MeteoSvizzera e Dss preferiscono giocare d'anticipo, sensibilizzando e informando. Anzitutto sulle future modalità con cui MeteoSvizzera allarmerà le autorità cantonali, perché a loro volta raccomandino alla popolazione i comportamenti da seguire e adottino altre misure di prevenzione. Da domani, 1. giugno, l'indice di riferimento su cui si baserà il (nuovo) concetto di allerta sarà «la temperatura media giornaliera», ha spiegato Gaia. «Si tratta - ha aggiunto - di un buon indicatore poiché prende in considerazione le ventiquattro ore. Dunque anche il periodo notturno. Che è essenziale, in quanto se di notte il corpo può riposare e rinfrescarsi, il giorno seguente sopporterà molto meglio le elevate temperature». Di 25 gradi centigradi il valore soglia della temperatura media giornaliera a partire dalla quale MeteoSvizzera diramerà l'allerta. Quest'ultima verrà emessa, ovviamente, sulla scorta degli elementi derivanti dalle previsioni: sarà pertanto diffusa qualche giorno prima del sopraggiungere dell'ondata di caldo. «Sotto i venticinque gradi - ha affermato il responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera - non c'è una situazione di allerta. Sono comunque giornate calde alle quali i soggetti piu fragili, come anziani, ammalati e bambini devono prestare attenzione». C'è di più. «Se prima emettevano delle allerte relative a tre giorni consecutivi di canicola, ora emaneremo allerte di livello 2 se prevediamo uno o due giorni di caldo intenso: anche dei brevi periodi con temperature elevate possono incidere sulla salute», ha precisato Gaia. 

Il nuovo concetto, valido in tutta la Svizzera, è un aggiornamento di quello applicato negli ultimi quindici anni, messo a punto dopo l'infernale estate del 2003, le cui ondate di caldo avevano causato in Europa «migliaia di morti».  Le conoscenze scientifiche, ha ricordato Gaia, «sono nel frattempo aumentate: per questo motivo Meteo Svizzera un paio di anni fa ha messo in cantiere un nuovo concetto di allerta, con la collaborazione dell'istituto Swiss Tph di Basilea. Sono stati così incrociati i dati della mortalità con quelli meteo. E insieme si è arrivati a definire il nuovo concetto». Tenuto conto che i valori soglia «a partire dai quali si dirama un allerta non sono di esclusiva competenza meteorologica, ma vengono stabiliti valutando l'impatto che le temperature possono avere sulla salute e sul sistema sanitario». 

De Rosa: dal 2003 rischio accresciuto

Quella tra il Cantone - in questo caso il Dipartimento sanità e socialità - e Locarno-Monti è una cooperazione collaudata. «Meteosvizzera è per noi un partner imprescindibile», ha sottolineato Raffaele De Rosa. Dall'estate del 2003, ha continuato il direttore del Dss, «anche in Ticino esiste un rischio accresciuto di periodi di canicola e del conseguente impatto sulla salute della popolazione: gli scenari climatici per la Svizzera contemplano un incremento delle temperature medie nonché della frequenza, dell'intensità e della durata delle fasi di canicola». A livello di prevenzione un ruolo prezioso lo svolge il Gosa, il Gruppo operativo salute e ambiente, che il Dipartimento sanità e socialità ha istituito nel 2004.  Tra i suoi compiti, ha ricordato De Rosa, quelli «di diramare raccomandazioni sanitarie all'attenzione della popolazione e di prevedere, se opportuno, misure di intervento, da sottoporre al Consiglio di Stato e ai suoi Dipartimenti, allorché si dovessero verificare situazioni che potrebbero avere conseguenze per la salute dei cittadini, segnatamente per i gruppi più vulnerabili come anziani, bambini e ammalati».

Informazione e monitoraggio

Il Gosa, ha reso noto la sua presidente Martine Bouvier Gallacchi, ha fra l'altro cominciato «a scrivere ai Comuni e ai servizi di cura a domicilio» affinché sensibilizzino la popolazione anche «con la distribuzione di materiale informativo». Ma nel Piano cantonale figurano pure un sito internet ('calurasenzapaura'), messaggi via social media e videoclip, così come il monitoraggio della situazione dal profilo sanitario, con i quattro punti di pronto soccorso dell'Ente ospedaliero cantonale quale "luoghi di rilevamento". 

Anziani, ammalati e bambini non sono le uniche persone particolarmente esposte ai danni delle ondate di calore. Lo sono anche coloro che data la professione lavorano all'esterno.  «Negli ultimi anni - ha osservato la responsabile del Gosa - mi sembra che organizzazione sindacali e associazioni imprenditoriali abbiano trovato tutto sommato delle soluzioni pragmatiche, a tutela della salute di chi lavora all'aperto. Soluzioni che come Gosa sosteniamo: peraltro siamo sempre a disposizione per prestare consulenza».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
canicola dipartimento sanità meteosvizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved