ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
8 min

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio nord
Ticino
16 min

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
27 min

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
32 min

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
Luganese
37 min

A Lugano il primo Innovation Highway con 6 startup ticinesi

L’evento il 13 ottobre al Campus Est dell’Università di Lugano. Si parlerà di idee e progetti
Bellinzonese
38 min

Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone

È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Luganese
49 min

Capriasca guarda già al mercatino natalizio, iscrizioni al via

Ecco le istruzioni per gli interessati ad assicurarsi una bancarella per l’evento in agenda il 4 dicembre
Luganese
1 ora

Lugano, l’associazione Il Centro organizza doposcuola

L’attività è rivolta ai ragazzi di scuola media e avrà luogo, dal 3 ottobre, nella sede di via Brentani 5
Bellinzonese
1 ora

Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni

Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Luganese
1 ora

Domenica sarà festa al club nautico di Morcote

L’evento – tra musica, gite in barca e attività varie – è rivolto a tutta la famiglia e vuol dare la possibilità di scoprire il mondo della vela
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, ‘L’usignolo’ per la prima di MaxiTeatro

Venerdì 30 settembre scatta la rassegna per adolescenti con lo spettacolo che trae spunto dalla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen
Mendrisiotto
1 ora

Sagra del Borgo, ‘rifiuti separati in modo corretto?’

In un’interrogazione al Municipio di Mendrisio, Claudia Crivelli Barella (L’AlternativA) evidenzia l’uso di bicchieri usa e getta
Locarnese
1 ora

‘Evviva il fotovoltaico e le comunità di autoconsumo’

Le considerazioni ‘energetiche’ del municipale Zanchi prima del voto favorevole ai 330mila franchi per l’impianto alla Scuola dell’infanzia ai Saleggi
Luganese
1 ora

Val Mara, in arrivo castagnata e mercatino dell’usato

L’appuntamento è per domenica 23 ottobre in piazza Fontana a Rovio dalle 14 alle 17. Per il mercatino, necessario iscriversi.
Locarnese
1 ora

Locarno, torna la Festa dei Popoli

Un ricco programma in Piazza Grande per imparare a conoscersi e a rispettarsi
Ticino
1 ora

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Mendrisiotto
1 ora

A Balerna una serata di approfondimento sulle Arp

Appuntamento all’11 ottobre all’aula magna delle scuole medie. Interverranno Franco Lardelli, Alessia Dolci e Mario Ferrarini.
Mendrisiotto
1 ora

Kiwanis Mendrisiotto, 40 anni di amicizia e solidarietà

Nel corso della sua attività, il Club momò ha raccolto e devoluto poco meno di due milioni di franchi
Mendrisiotto
1 ora

Ha piovuto, ma il Basso Mendrisiotto risparmia ancora acqua

L’Age, l’azienda acqua gas ed elettricità della regione, invita la popolazione a mantenere bassi i livelli di consumo
31.05.2021 - 16:26
Aggiornamento: 19:14

La prestazione ponte Covid entra nella seconda fase

Sì del Gran Consiglio al rapporto di Jelmini (Ppd) su aumento degli importi e della durata. No all'emendamento di Durisch (Ps) sulla retroattività al 1° marzo

la-prestazione-ponte-covid-entra-nella-seconda-fase
Ti-Press

Come era ampiamente prevedibile, l’accelerata alla prestazione ponte Covid impressa dal Consiglio di Stato con l’aggiornamento del decreto ottiene il via libera del Gran Consiglio con 81 favorevoli e due contrari (Mps). Luce verde quindi all’adeguamento degli importi massimi erogabili, che salgono da 1’000 a 2’000 franchi al mese per il primo richiedente e da 500 a 800 franchi al mese per ogni componente dell’economia domestica, all’abolizione del limite dei 65 anni di età, all’adeguamento delle soglie e alla validità prorogata fino al 31 dicembre. In vigore da domani 1° giugno, questi cambiamenti sono comunque retroattivi al 1° maggio in virtù del compromesso raggiunto dalla Commissione parlamentare della gestione con il rapporto firmato (anche se 10 su 17 l’hanno siglato con riserva) due settimane fa.

Il relatore Lorenzo Jelmini (Ppd) in aula difende questa proposta del governo avallata dalla Gestione, perché «permette a un numero maggiore di cittadini che hanno subito le conseguenze finanziarie della pandemia di ottenere un concreto aiuto, colmano una lacuna di reddito temporanea». Un aggiornamento del decreto «che potenzia la prestazione ponte senza modificarne la natura e la sua finalità di aiuto di carattere straordinario, puntuale, temporaneo e complementare a tutti gli altri aiuti. Una prestazione diretta in particolare ai lavoratori indipendenti e ai salariati precari che non hanno ancora avuto alcun sostegno».

Gianella (Plr): ‘Vera risposta è poter lavorare il prima possibile’

È un sì senza particolari entusiasmi quello che arriva dal Plr, la cui capogruppo Alessandra Gianella ricorda che «gli indipendenti sono una categoria importantissima del nostro tessuto economico, e questa misura è politica e vuole evitare di cronicizzare delle difficoltà». Ma per i liberali radicali «resta inteso che questa prestazione deve essere limitata nel tempo, e che la vera risposta è poter tornare il prima possibile a lavorare evitando interventi troppo assistenzialisti a scapito dell’impiego. Salvaguardiamo i posti di lavoro e rendiamo il Ticino attrattivo, perché se la pressione sul mercato del lavoro c’era già prima della pandemia, ora aumenterà ulteriormente: bisogna pensare al futuro, non solo al presente».

Bignasca (Lega): ‘D’accordo, ma tutelare il lavoro dei residenti’

Per il capogruppo leghista Boris Bignasca, che comunque appoggia il rapporto di Jelmini, «il tema fondamentale è quello del lavoro, non di inventare prestazioni sociali. Ci sono 17 tipi di prestazioni sociali, ma quella migliore è tutelare i posti di lavoro dei residenti. Ed è importante che questi aiuti non passino solo attraverso enti pubblici, ma anche dalle associazioni private che svolgono attività sociali. Che lavorando nel privato, sono anche più efficienti ed economiche». 

Durisch (Ps): ‘Lavorare non è più sinonimo di sicurezza’

Molto preoccupato è invece il capogruppo del Ps Ivo Durisch: «Se il mondo del lavoro tutelasse davvero tutti i lavoratori non ci sarebbe bisogno di strumenti sociali, ma è sempre più precario e la pandemia ha dato un ulteriore colpo di grazia». Bene, quindi, ha fatto il Dipartimento sanità e socialità «a proporre questo strumento che speriamo possa dare un sollievo a chi ha bisogno, e farci capire meglio la realtà che abbiamo sul territorio. Molti lavoratori - continua Durisch - sono invisibili ai sistemi tradizionali di protezione sociale e del lavoro». Perché l’allarme, secondo il capogruppo socialista, va anche oltre: «L’emergenza sociale ha colpito in maniera invisibile le fasce più fragili, la povertà sia sociale sia economica è una realtà che tocca sempre più persone e lascia ferite indelebili. Speriamo che chi sfugge alla rete sociale grazie a questa prestazione possa essere riconosciuto: lavorare non è più sinonimo di sicurezza, questo strumento è necessario anche al di là della crisi sanitaria».

Pamini (Udc): ‘Non aiuti, ma indennizzi dallo Stato per i danni causati’

«Sosterremo questa proposta - afferma il deputato Udc Paolo Pamini -, anche se tutti questi aiuti non ci fanno fare i salti di gioia. Anche se non sono aiuti veri e propri, ma un indennizzo per danni causati dallo Stato all’economia siccome le ha tolto il diritto di lavorare». Sostegno, infine, dai Verdi che con Samantha Bourgoin rilevano come «all’inizio le regole erano troppo strette, e in troppe poche persone hanno potuto beneficiare di questi aiuti. In modo celere, questo problema è stato corretto».

De Rosa: ‘Nei primi due mesi quasi 400 domande evase positivamente’

Il direttore del Dss Raffaele De Rosa snocciola i dati aggiornati al totale dei primi due mesi di erogazione della prestazione ponte, vale a dire marzo e aprile. Ebbene: «Sono state inoltrate 802 domande, di cui 387 sono state evase con esito positivo. L’importo erogato è stato di quasi mezzo milione di franchi». Importante, per De Rosa, anche il contributo erogato attraverso il fondo Swisslos e i 13 enti riconosciuti dalla Catena della solidarietà: «Abbiamo evaso positivamente 298 richieste, per un aiuto totale di 120mila franchi». I motivi di rifiuto più frequenti «sono stati legati alle condizioni di accesso e ai limiti calcolo, per questo il Consiglio di Stato ha deciso di intervenire ampliando la cerchia dei beneficiari, rafforzando la prestazione con un aumento degli importi e con l’estensione della validità. Gli specialisti comunali stimano una riduzione dei motivi di rifiuto e un aumento dell’accoglimento dell domande al 60-70%».

Bocciato l’emendamento di Durisch sulla retroattività al 1° marzo

Niente da fare, invece, per l’emendamento socialista che chiedeva di rendere retroattiva la prestazione ponte a partire dal 1° marzo, data della sua entrata in vigore, e non dal 1° maggio. Posizione, questa, espressa dai socialisti già in Gestione prima della firma con riserva del rapporto. Il motivo è spiegato da Durisch: «Questa è l’unica, vera misura di sostegno da parte del governo. Non si può giustificare, come fatto, un no con il sovraccarico di lavoro per i servizi amministrativi perché qui si tratta di aiutare cittadini che sono in difficoltà. Non chiediamo di rivalutare tutte le decisioni negative, ma di permettere al cittadino di riproporla con la retroattività di tre mesi in modo che possa beneficiarne». Il sovraccarico dei Comuni, usato come giustificazione dal Consiglio di Stato e dalla Gestione per opporsi, per Durisch «non c’è, le domande sono poche ma comunque tante se rapportate al numero di persone che hanno bisogno».

Leggi anche:

La Prestazione ponte Covid si rafforza e si allunga

Prestazione ponte, il compromesso: retroattiva dal 1° maggio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved